Sab. Mag 18th, 2024
Elon Musk promette di opporsi all'ingiunzione australiana di nascondere i video degli attacchi alla chiesa su X

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Elon Musk si è impegnato a presentare ricorso contro un'ordinanza del tribunale australiano che ha cancellato il filmato di un violento attacco a Sydney dalla sua piattaforma di social media X, accusando il governo del primo ministro Anthony Albanese di censura.

L'amministratore delegato del miliardario Tesla è stato coinvolto in una guerra di parole con i politici australiani per le loro richieste di rimuovere dalla piattaforma X i video di un attacco della scorsa settimana contro una chiesa assira a Sydney.

Almeno quattro persone, tra cui il vescovo della chiesa, sono rimaste ferite nell'attacco, che la polizia ha definito un “incidente terroristico” di “estremismo di matrice religiosa”.

Lunedì un tribunale federale australiano ha concesso un'ingiunzione provvisoria richiesta dal commissario eSafety del paese ordinando a X di nascondere tutti i video dell'incidente entro 24 ore.

La corte si riunirà nuovamente mercoledì, quando X discuterà contro quello che ha definito un “approccio illegale e pericoloso” ai contenuti online.

“La nostra preoccupazione è che se QUALSIASI paese è autorizzato a censurare i contenuti di TUTTI i paesi, che è ciò che chiede il 'eSafety Commissar' australiano, allora cosa impedirà a qualsiasi paese di controllare l'intera Internet?”, Ha scritto Musk su X dopo la è stata concessa un'ingiunzione, rilevando che i video erano già stati rimossi per gli utenti in Australia.

Anthony Albanese, il primo ministro australiano, ha accusato Musk di agire come se fosse “al di sopra della legge australiana” e della “comune decenza”.

“Questo miliardario è pronto ad andare in tribunale lottando per il diritto di seminare divisione e di mostrare video violenti che sono molto angoscianti”, ha detto Albanese a Sky News. “Io non lo accetterò e nemmeno gli australiani lo accetteranno.”

“Sotto la legge oggi ci sono divieti legali che limitano la libertà di parola”, ha detto all’emittente australiana ABC Stephen Jones, assistente tesoriere coinvolto nella regolamentazione tecnologica. “Sì, vogliamo la libertà di parola, ma comporta delle responsabilità”.

La controversia è l’ultima tra le grandi aziende tecnologiche e il governo australiano, che ha perseguito una regolamentazione più rigorosa delle piattaforme online, dei pagamenti digitali e dei social media. Canberra ha minacciato un'azione contro Meta, proprietario di Facebook e Instagram, dopo aver ritirato un accordo per pagare gli editori locali per le notizie.

Il commissario per l'eSafety ha anche presentato un avviso di rimozione a Meta in merito all'attacco con accoltellamento di Sydney e si è detto “soddisfatto” della conformità della società dopo aver “rapidamente rimosso il materiale”.

L'Australia ha istituito nel 2015 il commissario per l'eSafety, la prima agenzia governativa al mondo dedicata alla sicurezza online dei cittadini. L’organismo, guidato da Julie Inman Grant, che in precedenza ha lavorato presso Twitter e Microsoft, ha poteri esecutivi per fermare la diffusione di contenuti dannosi online, compreso il diritto di imporre pesanti multe alle aziende che non rispettano i suoi ordini.

Lo scorso anno il commissario ha imposto una multa di 610.500 dollari australiani (394.000 dollari americani) a X per non aver rivelato gli sforzi volti a prevenire la diffusione di contenuti pedopornografici, una sanzione che la società non ha pagato.

Il commissario può imporre multe fino a A $ 782.500 per violazione di un avviso di rimozione.

Il caso contro X fa seguito a due attacchi violenti non collegati a Sydney questo mese, uno dei quali ha provocato la morte di sei persone oltre a quella dell'aggressore.

I filmati raccapriccianti degli attacchi e la disinformazione sull'identità e sulle potenziali motivazioni dell'aggressore in un incidente sono stati ampiamente diffusi online, portando a identificare la persona sbagliata come colpevole.

X è stato anche oggetto di un'aspra battaglia pubblica in Brasile, dove il procuratore generale del paese ha chiesto che i siti di social media siano regolamentati dopo che Musk ha pubblicato che un giudice della Corte Suprema dovrebbe “dimettersi o essere messo sotto accusa” per un ordine di bloccare alcuni conti.