Gio. Giu 13th, 2024
Gli educatori avvertono che l’intelligenza artificiale deve essere un aiuto didattico, non un imbroglio

L’intelligenza artificiale sta rapidamente trasformando le classi di tutto il mondo, poiché gli studenti adottano i chatbot basati sull’intelligenza artificiale come potente strumento di ricerca e gli insegnanti utilizzano la tecnologia per offrire lezioni coinvolgenti e ridurre il carico di lavoro amministrativo. Ma, poiché l’intelligenza artificiale generativa rende sempre più facile creare prosa convincente basata su semplici suggerimenti, gli esperti avvertono che alcuni studenti potrebbero usarla come scorciatoia per scrivere appunti e saggi, compromettendo il loro apprendimento e creando un’epidemia di imbrogli.

Uno studio del 2023 condotto dalla società edtech RM Technology ha già rilevato che due terzi (67%) degli studenti delle scuole secondarie ammettono di utilizzare chatbot come ChatGPT per scrivere saggi o lavorare per loro. Hanno anche affermato che stavano utilizzando l’intelligenza artificiale per risolvere problemi numerici (42%), scrivere saggi in inglese (41%), tradurre testi in diverse lingue (25%), scrivere poesie (24%), completare lavori di fisica (20%). per cento), brainstorming su argomenti di saggi di storia (18%), creazione artistica (18%) e test di scienze (18%).

Due terzi degli intervistati nello studio RM Technology hanno inoltre affermato che l’utilizzo dell’intelligenza artificiale ha migliorato i loro voti.

Tuttavia, sebbene questo livello di utilizzo stia rendendo la probabilità che saggi e compiti plagiati dall’intelligenza artificiale siano una preoccupazione crescente per gli insegnanti, non tutti gli studenti utilizzano la tecnologia in questi modi.

Ad esempio, lo studente diciassettenne James, di Ottawa in Canada, utilizza ChatGPT per fornire più contesto su diversi argomenti e trovare materiali di lettura. Ciò gli rende più facile pianificare, strutturare e comporre i suoi saggi. Non fa affidamento sull'intelligenza artificiale per scrivere interi compiti senza il suo contributo.

Allo stesso modo, in matematica, James utilizza robot IA per iniziare: “I modelli più recenti hanno capacità visive migliori, quindi invierò screenshot dei problemi e chiederò come li risolverei passo dopo passo per verificare le mie risposte.”

Emily, una studentessa di 16 anni dell'Eastbourne College, nel sud dell'Inghilterra, adotta più o meno lo stesso atteggiamento nei confronti dell'uso dell'intelligenza artificiale per i compiti scolastici. Dice: “Il modo principale in cui utilizzo ChatGPT è per aiutarmi con idee quando sto pianificando un saggio o per rafforzare la comprensione durante la revisione.”

Altri, tuttavia, sono più sprezzanti nel loro approccio all’intelligenza artificiale.

Fiore, uno studente di 17 anni del Delaware negli Stati Uniti, ha utilizzato ChatGPT per generare diversi saggi interi quando le scadenze si avvicinavano o se richiedevano informazioni che non aveva. Accetta che questo sia un “imbroglio” e che potenzialmente lo renda “più pigro”, ma i suoi insegnanti non lo hanno ancora scoperto.

“Utilizzo ChatGPT soprattutto per i compiti in inglese, soprattutto quelli di grandi dimensioni: ho iniziato a farlo l'anno scorso”, afferma. “Uso ancora l’intelligenza artificiale per la sua facilità d’uso. Tutto ciò di cui ho veramente bisogno è il voto della classe, e basta.

Potrebbero esserci anche altri vantaggi nel lasciare che l’IA si faccia carico del problema: in un sondaggio condotto su 15.000 studenti delle scuole superiori americane, condotto dalla piattaforma educativa Brainly basata sull’intelligenza artificiale, il 76% ha affermato che la tecnologia potrebbe ridurre lo stress legato agli esami, mentre il 73% ha affermato che potrebbe renderli più sicuri in classe.

Ma, con così tanti alunni che utilizzano l’intelligenza artificiale in modi diversi, Adam Speight – un assistente preside con sede in Galles e scrittore presso il fornitore di risorse educative Access Education GCSEPod – afferma che è essenziale che anche gli insegnanti si istruiscano sugli usi appropriati della tecnologia.

“L’intelligenza artificiale può accelerare il processo di ricerca sia per gli studenti che per gli educatori”, suggerisce. “Ciò che è imbrogliare è quando uno studente ha utilizzato l'intelligenza artificiale per svolgere tutto il suo lavoro per lui.”

Speight sostiene che gli insegnanti dovrebbero sempre “mettere in discussione la validità” dei compiti assegnati ai loro studenti. Aggiunge che qualsiasi preoccupazione – e le conseguenze dell’imbroglio – dovrebbero poi essere chiaramente comunicate allo studente.

Gray Mytton, responsabile dell'innovazione della valutazione presso l'ente aggiudicatore delle qualifiche NCFE, sostiene che il corretto utilizzo dell'intelligenza artificiale varierà in base ai risultati dell'apprendimento. “Ad esempio, se vengono valutate l'ortografia e la grammatica, gli studenti non possono dimostrarlo in modo indipendente se utilizzano l'intelligenza artificiale per modificare l'ortografia e la grammatica”, spiega.

D'altra parte, se uno studente ha il compito di creare un video di marketing, allora l'utilizzo dell'intelligenza artificiale per creare idee per migliorare il flusso video potrebbe essere considerato fair use, perché lo studente sta applicando queste idee al suo prodotto video, ma non se l'apprendimento previsto il risultato è comprendere diversi metodi per migliorare il flusso in un video.

Jane Basnett, direttrice dell’apprendimento digitale alla Downe House School nel Berkshire, ritiene che l’ascesa dell’intelligenza artificiale abbia “esacerbato” il problema del plagio. “Gli studenti hanno sempre trovato il modo di superare in astuzia i sistemi progettati per garantire l’integrità accademica, e la tentazione di ricorrere all’intelligenza artificiale per completare i compiti è forte”, afferma.

Nonostante queste preoccupazioni, però, gli insegnanti possono trarre evidenti benefici dall’impiego dell’intelligenza artificiale.

Sharon Hague, direttore generale della valutazione e delle qualifiche scolastiche presso Pearson, casa editrice accademica e organismo di premiazione, afferma che l’intelligenza artificiale potrebbe aiutare il personale docente a liberare “centinaia di migliaia di ore settimanali” spese nella pianificazione delle lezioni e nello svolgimento di altri lavori amministrativi entro il 2026. Ciò consentirebbe gli insegnanti a “lavorare più direttamente con gli studenti”.

73%Proporzione di studenti americani delle scuole superiori che afferma che l’intelligenza artificiale potrebbe renderli più sicuri in classe

Avverte, tuttavia, che è necessario trovare un equilibrio tra l’uso dell’intelligenza artificiale e il lavoro manuale. “Gli insegnanti ci dicono che la pianificazione e la valutazione delle lezioni, ad esempio, sono spesso processi utili. . . attraversare se stessi”.

In classe, la tecnologia fornisce quindi modi per aumentare la personalizzazione e la creatività delle lezioni, ritiene Jason Tomlinson, amministratore delegato della società edtech RM Technology. Usa l'esempio di un insegnante di informatica che spiega “concetti complessi” come “formati digeribili” che risuonano con gli studenti, come “con il tono del loro supereroe preferito”.

Rory Meredith, direttore della strategia digitale e dell'innovazione presso Coleg y Cymoedd, istituto di istruzione superiore con sede nel Galles del Sud, afferma che gli insegnanti possono quindi utilizzare i dati forniti dai sistemi di intelligenza artificiale per monitorare i progressi dei loro studenti e, se necessario, implementare interventi mirati. Paragona l'intelligenza artificiale a un navigatore satellitare per “monitorare e registrare il percorso di apprendimento di uno studente dal punto A al punto B”.

E, quando gli studenti raggiungeranno il punto B, dovranno essere in grado di dimostrare una serie di competenze legate all’intelligenza artificiale, poiché molti datori di lavoro ora si aspettano che i diplomati le possiedano. Chris Caren, amministratore delegato del software di rilevamento del plagio Turnitin, afferma che le aziende sono sempre più alla ricerca di persone che possano utilizzare l’intelligenza artificiale per “aiutarsi con la scrittura” e “promuovere l’efficienza” nei loro ruoli quotidiani.

Il rischio, in questo caso, è che i diplomati abusino della tecnologia per gonfiare i loro voti con CV falsi e convincere i chatbot a scrivere lettere di accompagnamento non autentiche. Stephen Isherwood, co-amministratore delegato dell’ente professionale no-profit Institute of Student Employers, sottolinea che i datori di lavoro sono “molto consapevoli” di questo problema e, di conseguenza, stanno implementando linee guida che definiscono l’utilizzo corretto e scorretto dell’IA.

Tuttavia, tali abusi dell’intelligenza artificiale non aiuteranno gli studenti a lungo termine. “Quando un datore di lavoro incontra uno studente di persona, potrebbe non dimostrare il tipo di comportamento che si aspettava dalla candidatura”, sottolinea Isherwood. “Lo scenario peggiore è che qualcuno trovi un lavoro e poi scopre di non poterlo fare o che non è adatto a lui.”

John Morganelli Jr, direttore delle ammissioni universitarie presso la società di lezioni private Ivy Tutors con sede a New York, afferma che alcuni studenti vorranno utilizzare l’intelligenza artificiale nelle loro domande per non essere “in svantaggio”. Ma pensa che i datori di lavoro saranno saggi in questo senso.

“Con il passare del tempo, credo che gli addetti alle ammissioni e i responsabili delle assunzioni potrebbero porre maggiore enfasi sulle valutazioni in tempo reale, come colloqui o portfolio video, per valutare le reali capacità di un candidato”, afferma. “Questo cambiamento potrebbe portare a formati di intervista più innovativi, in cui i candidati affrontano domande generate dall’intelligenza artificiale senza una conoscenza preliminare degli argomenti”.