Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Tutti sembrano concordare sul fatto che l’intelligenza artificiale generativa è la novità assoluta della tecnologia e trasformerà il mondo. Il problema è che nessuno sa ancora spiegare esattamente come.

La società di venture capital statunitense Sequoia suggerisce che la tecnologia si sta evolvendo rapidamente e sta attraversando i suoi “imbarazzanti anni dell’adolescenza”. Ma alcune delle aziende più potenti della storia, tra cui Google, Microsoft, Meta e Amazon, così come decine di start-up, stanno investendo miliardi per capire cosa farà l’intelligenza artificiale generativa quando crescerà.

La start-up OpenAI con sede a San Francisco ha innescato l’ultima frenesia di investimenti nel novembre 2022 con il lancio del chatbot ChatGPT. Sebbene le aziende tecnologiche abbiano giocato per anni con i servizi di intelligenza artificiale generativa, l’arrivo di ChatGPT ha assicurato che la tecnologia diventasse mainstream.

Sembrava che ogni amministratore delegato di ogni azienda, così come ogni studente che cercava di consegnare un saggio dell’ultimo minuto, fosse stupito dalla straordinaria capacità di ChatGPT di generare risme di testo plausibile alla velocità della luce, promettendo di liberare la creatività e aumentare la produttività. OpenAI ha affermato che 100 milioni di utenti hanno sperimentato ChatGPT entro i primi due mesi dal suo lancio, uno degli utilizzi più rapidi di qualsiasi nuovo prodotto nella storia aziendale.

Da allora gli investimenti si sono riversati nel settore con le aziende di intelligenza artificiale che hanno aperto la strada non solo ai servizi di generazione di testo ma anche di immagini, audio e video. CB Insights, la società di dati con sede a New York, stima che 17,4 miliardi di dollari siano stati investiti in 170 società di intelligenza artificiale generativa nei primi nove mesi del 2023, compreso l’investimento di 10 miliardi di dollari di Microsoft in OpenAI.

Anche diverse altre grandi aziende tecnologiche hanno cercato legami con promettenti start-up di intelligenza artificiale generativa: Google e Amazon hanno entrambi investito in Anthropic, mentre Microsoft e Nvidia hanno sostenuto Inflection AI.

Aziende affermate in molti settori, dalla sanità ai servizi finanziari alla difesa, sono state desiderose di implementare la tecnologia. Secondo CB Insights, entro la fine del terzo trimestre del 2023, l’intelligenza artificiale generativa era stata menzionata in 2.081 richieste di utili aziendali, rispetto a nessuna nello stesso periodo dell’anno precedente.

Molti analisti tecnologici ritengono che l’intelligenza artificiale generativa rappresenti il ​​prossimo grande cambiamento della piattaforma informatica, dopo le rivoluzioni del mobile e del cloud computing. Alla fine fornirà la nuova interfaccia tra esseri umani e macchine poiché tutti adotteremo agenti digitali abilitati all’intelligenza artificiale per gestire le nostre vite.

Il mondo futuristico rappresentato nel film di fantascienza del 2013 Suoin cui Theodore Twombly fa sempre più affidamento – e alla fine si innamora – della sua assistente virtuale Samantha, sta ora facendo capolino.

Lo schermo di un computer con la home page del sito web OpenAI di intelligenza artificiale, che mostra il suo robot chatGPT
Il lancio di ChatGPT nel novembre 2022 ha innescato una frenesia di investimenti ©Marco Bertorello/AFP tramite Getty Images

È probabile che il livello infrastrutturale dell’intelligenza artificiale generativa sia dominato dalle principali società di intelligenza artificiale, come OpenAI e Google, che possono permettersi di investire capitali su vasta scala per addestrare e gestire i grandi modelli linguistici che alimentano i chatbot. Ma è probabile che il livello applicativo sia molto più competitivo, poiché molte altre aziende sviluppano modelli più piccoli, più economici, più specializzati e, spesso, open source, concentrandosi su un particolare dominio.

Silvio Savarese, capo scienziato di Salesforce e professore di informatica alla Stanford University, afferma che questi modelli più piccoli diventeranno più “agenti”, consentendo loro di essere più proattivi: “Crediamo che i modelli più piccoli siano più efficaci dei grandi modelli monolitici, come ChatGPT. Possiamo concentrarci su domande e argomenti molto più specifici”. E aggiunge: “L’idea è che questi modelli specialistici siano molto più facili da addestrare, abbiano molti meno parametri e possano essere implementati su dispositivi mobili”.

Apple, l’azienda di maggior valore al mondo, che era rimasta indietro rispetto ad alcuni rivali della Silicon Valley nel campo dell’intelligenza artificiale generativa, sta ora sviluppando piani per implementare la tecnologia sui dispositivi mobili. Una tale transizione aprirebbe un nuovo ambito di applicazioni poiché gli utenti potrebbero accedere all’intelligenza artificiale generativa in movimento.

Ma la rapida affermazione dell’intelligenza artificiale generativa ha suscitato preoccupazioni in materia di governance. La disputa di novembre nel consiglio direttivo di OpenAI, in cui l’amministratore delegato Sam Altman è stato licenziato e riassunto nel giro di una settimana, ha turbato molti nel settore.

Ci si può fidare di tali aziende per sviluppare da sole una tecnologia così potente per scopi generali? I sistemi di intelligenza artificiale generativa sollevano una serie di preoccupazioni riguardo allo spostamento di posti di lavoro, alla violazione del copyright e alla profusione di disinformazione, oltre all’erosione della privacy e alla concentrazione del potere aziendale. Le autorità di regolamentazione di tutto il mondo si sono affrettate a mettersi al passo con le ultime scoperte tecnologiche.

A novembre, l’amministrazione statunitense ha firmato un ordine esecutivo che ordina a quasi tutte le agenzie federali di modificare le proprie regole per tenere conto dell’intelligenza artificiale generativa. Il governo del Regno Unito ha ospitato un vertice internazionale a Bletchley Park per discutere i rischi esistenziali dell’intelligenza artificiale. E, a dicembre, l’UE ha approvato una legge che vieta l’uso dell’IA in alcune aree “ad alto rischio” e la regolamenta in molte altre.

A meno che il settore dell’intelligenza artificiale generativa non cresca rapidamente, è probabile che i governi impongano esami ancora più severi in futuro.