Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I messaggi di Capodanno da parte dei manager spesso non fanno cantare i cuori. La nota annuale indirizzata allo staff dall’amministratore delegato della Universal Music, Lucian Grainge, costituisce un’eccezione. Le sue riflessioni vengono lette attentamente dagli analisti azionari poiché possono dare il tono ai cambiamenti a livello di settore.

All’inizio del 2023, il capo della più grande casa discografica del mondo ha chiesto un nuovo modello di royalties per lo streaming, per combattere l’ascesa di quello che ha definito “rumore”. La sua nota del 2024 suggerisce che il settore non ha ancora finito di combattere minacce come la frode e l’intelligenza artificiale generativa.

La musica è un ottimo esempio di un settore che ha dovuto affrontare ripetuti sconvolgimenti nell’ultimo quarto di secolo – e finora è riuscito a sopravvivere vicino a minacce esistenziali.

L’anno scorso Grainge ha portato avanti le sue risoluzioni. A settembre, la Universal ha stretto un accordo con il servizio di streaming musicale francese Deezer che ha segnato il primo grande cambiamento nelle royalties dello streaming dall’avvento del settore alla fine degli anni Duemila.

Le piattaforme di streaming come Spotify, lanciata nel 2008, hanno contribuito a rilanciare un settore che, dalla fine degli anni ’90 in poi, aveva lottato contro la condivisione e i download illegali di file.

L'istogramma dei ricavi totali globali dell'industria musicale registrata (miliardi di dollari) mostra che lo streaming ha rilanciato i ricavi dell'industria musicale

Lo streaming ha raddoppiato i ricavi globali dell’industria della musica registrata tra il 2014 e il 2022. Tuttavia, il modello delle royalties non si è evoluto negli ultimi 15 anni, nonostante l’emergere di nuove minacce. La possibilità per quasi tutti di creare e trasmettere contenuti in streaming ha portato a un’impennata dei caricamenti, che dovrebbe solo accelerare con la proliferazione dell’intelligenza artificiale generativa. Ciò ha minacciato di diluire la quota di royalties pagate da parte degli artisti professionisti e delle etichette musicali.

In base all’accordo tra Universal e Deezer, gli artisti professionisti che generano un numero maggiore di stream vengono remunerati meglio dei creatori di altri contenuti, compresi i suoni generati dal computer. Rivale della Warner Music anche in seguito ha aderito al modello Deezer in Francia.

La nota di Grainge del 2024 suggerisce che altre piattaforme potrebbero presto seguire quello che lui ha definito un approccio “incentrato sull’artista”. Un accordo separato tra Universal e Spotify stipulato lo scorso anno ha principi simili.

Tale approccio è, ovviamente, anche incentrato sull’etichetta. È nell’interesse della Universal che il modello diventi sistemico. La crescita dei ricavi a livello di settore derivante dallo streaming è rallentata negli ultimi anni. Si prevede che gli abbonamenti e i ricavi dello streaming di Universal aumenteranno del 7,5% raggiungendo i 5,72 miliardi di euro per il 2023, secondo le stime degli analisti su Visible Alpha. Aveva registrato una crescita del 19 e del 17% rispettivamente nel 2022 e nel 2021.

I ricavi della musica

Le azioni della Universal sono scese dell’11% nella prima metà del 2023 mentre gli investitori erano preoccupati per le conseguenze dell’intelligenza artificiale generativa, compreso l’aumento delle canzoni “deepfake” che imitano le voci degli artisti professionisti. Tuttavia, l’aumento dei prezzi e l’accordo con Deezer hanno contribuito a far salire le azioni di oltre il 30%.

Altri fattori dovrebbero aiutare la crescita. Thomas Singlehurst di Citi sottolinea l’aumento dei prezzi: piattaforme come Spotify e YouTube hanno aumentato i costi per gli ascoltatori nel 2023, ma gli effetti dovrebbero farsi sentire ancora quest’anno.

Colpito l’universale un accordo annunciato in ottobre per iniziare a distribuire vinili e CD di artisti firmati per rivaleggiare con BMG, anche se si prevede che sarà un’attività a basso margine. Grainge sì le “efficienze” promesseo tagli di posti di lavoro. Ciò, secondo Singlehurst, dovrebbe aiutare a mantenere i margini “almeno stabili” nel 2024.

Sono necessarie altre innovazioni per stare al passo con la rivoluzione. Grainge ha lasciato intendere che la Universal sta cercando di monetizzare il rapporto tra gli artisti e i loro seguaci più stretti con “esperienze da superfan”. È facile immaginare che i fan devoti paghino per contenuti esclusivi.

La battaglia dell’industria musicale contro l’intelligenza artificiale e i contenuti falsi è solo all’inizio. Ma gli investitori possono almeno avere la certezza che la Universal sia all’offensiva.

L’interesse degli attivisti suggerisce che il Regno Unito ha un problema di gestione

Il mercato azionario persistentemente sottovalutato del Regno Unito è irresistibile per gli azionisti attivisti globali. Secondo i dati dei consulenti di Alvarez & Marsal, lo scorso anno le campagne sono aumentate in tutta Europa. Il Regno Unito è stata la località più popolare per il settimo anno consecutivo.

Si tratta di una distinzione dubbia, date le preoccupazioni per il malessere del mercato azionario del Regno Unito e la sottoperformance di lunga data. Ma gli agitatori sembrano aver avuto un certo successo. Due anni dopo una campagna di azionisti attivisti, secondo i dati, i prezzi delle azioni delle società britanniche hanno battuto il mercato più ampio del 9,2%. Le campagne negli Stati Uniti e in Europa hanno generato una sovraperformance inferiore, in media del 6%.

L’appello del Regno Unito agli investitori attivisti è sensato. Non solo ha più società quotate rispetto ad altri mercati europei, ma i registri azionari sono più aperti. I free float più grandi aiutano in due modi. Ci sono meno grandi proprietari influenti, comprese famiglie o fondatori, che esercitano influenza sull’azienda. Un registro degli azionisti più distribuito può anche significare un pubblico di investitori più disposto a coalizzarsi dietro le richieste degli attivisti.

Ma il mercato potrebbe anche semplicemente essere maturo per il loro intervento. L’analisi di A&M suggerisce che le campagne di attivisti focalizzate solo su accordi, governance o fattori ambientali e sociali raccolgono ricompense inferiori rispetto a quelle che si concentrano sulla performance operativa. Gli sforzi di bumpitrage – dove l’attivismo a breve termine può stimolare le offerte di acquisizione – hanno prodotto risultati positivi negli accordi per il gruppo di tabacco Swedish Match e il gruppo di software britannico Aveva.

Il mercato del Regno Unito viene scambiato con uno sconto di valutazione di circa un terzo rispetto alle azioni globali. Si discute molto se la causa principale sia la composizione del settore, le prospettive di crescita, gli investitori focalizzati sul reddito o la diminuzione del denaro pensionistico nazionale.

Le ripercussioni, tuttavia, sono chiare, dato l’aumento delle acquisizioni sostenute da private equity e un numero crescente di società, come Tui, CRH e Ferguson, che scelgono di spostare la propria quotazione all’estero. I risultati di A&M aggiungono peso alla tesi degli ottimisti secondo cui le azioni del Regno Unito vengono scambiate a multipli più bassi perché offrono rendimenti inferiori. Una volta adeguati a ciò, gli sconti spesso scompaiono.