Ven. Mag 24th, 2024
Google difende il prodotto di ricerca "migliore" mentre si conclude il processo antitrust

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Google sta facendo il suo ultimo tentativo di contrastare lo storico tentativo del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di spezzare la presa del colosso tecnologico sulla ricerca online, mentre il processo antitrust più significativo degli ultimi 25 anni si conclude a Washington.

Un tribunale federale di Washington ha iniziato giovedì ad ascoltare le argomentazioni conclusive dopo un processo durato 10 settimane in cui il DoJ ha accusato Alphabet, la società madre di Google, di sopprimere i rivali nel settore della ricerca pagando decine di miliardi all'anno per accordi anticoncorrenziali con operatori wireless, browser sviluppatori e produttori di dispositivi.

Durante l'udienza di giovedì, John Schmidtlein, un avvocato di Williams & Connolly che rappresenta Google, ha cercato di respingere le affermazioni secondo cui avrebbe ostacolato gli sforzi dei rivali di prendere piede nella ricerca online, e ha sostenuto che gli utenti avevano molte alternative.

Documenti giudiziari non sigillati hanno rivelato questa settimana che Alphabet ha pagato ad Apple 20 miliardi di dollari solo nel 2022 per diventare il motore di ricerca predefinito per il suo iPhone e il browser Safari sugli altri suoi dispositivi.

“Google aggiudicarsi accordi perché ha un prodotto migliore non è un danno al processo competitivo, anche se gli dà la possibilità di migliorare il suo prodotto”, ha detto Schmidtlein alla corte.

Un avvocato del governo, Kenneth Dintzer, ha detto alla corte che la “condotta anticoncorrenziale di Google danneggia la concorrenza e si autoperpetua”. Le impostazioni predefinite “sono un modo potente per incentivare le ricerche, altrimenti Google non pagherebbe miliardi di dollari per averle”, ha aggiunto.

Amit Mehta, il giudice incaricato del caso, ha osservato che la ricerca “oggi appare molto diversa rispetto” a 10-15 anni fa. Ha respinto la tesi del DoJ secondo cui la qualità della ricerca avrebbe sofferto a causa della mancanza di concorrenza, anche se ha anche osservato che solo due “sostanziali concorrenti” erano entrati nel mercato della ricerca negli ultimi dieci anni.

“Questo non ci dice tutto ciò che dobbiamo sapere in termini di barriere all'ingresso”, ha chiesto.

Mehta ha insistito con l'avvocato di Google su una domanda avanzata dal DoJ: “Se è tutta una questione di qualità, allora perché pagare miliardi di compartecipazione alle entrate?”

Non c’erano prove che le aziende avessero “considerato seriamente” alternative a Google negli ultimi 10-15 anni, ha aggiunto: “Come può essere un mercato competitivo?”

I pubblici ministeri hanno anche accusato Google di monopolizzare la pubblicità, quindi di abusare della sua posizione dominante aumentando i prezzi e “manipolando” le aste.

Google ha sostenuto che la concorrenza nella ricerca “non è mai stata così varia o significativa” e che la qualità dei suoi prodotti guida la domanda. I contratti in questione sono stati stipulati da controparti come Samsung e Apple ed erano aperti ad altri offerenti, ha aggiunto.

Si tratta del processo di monopolio di più alto profilo da quando il DoJ accusò Microsoft negli anni '90 di sfruttare la posizione dominante di Windows per mettere da parte l'allora pionieristico browser web Netscape.

Si tratta anche di uno dei test più significativi per la posizione antitrust più dura adottata dall'amministrazione del presidente Joe Biden, con un'attenzione particolare al contenimento del potere delle Big Tech. La Federal Trade Commission, un altro regolatore della concorrenza, ha un contenzioso pendente contro Meta e Amazon, mentre il DoJ ha recentemente svelato un caso contro Apple.

Jonathan Kanter, capo dell'unità antitrust del DoJ, presente in aula giovedì, ha ereditato l'attuale causa contro Alphabet dall'amministrazione di Donald Trump. Ha presentato un caso separato accusando la società di esercitare un controllo monopolistico sul mercato della pubblicità digitale, con la data del processo fissata per settembre.

Tra i testimoni al processo per perquisizione c'era Satya Nadella, amministratore delegato di Microsoft, il cui rivale motore di ricerca Bing non è riuscito a fare progressi significativi, ottenendo solo il 2% delle ricerche mobili traffico contro il 93% di Google.

Nadella ha definito “falsa” l'idea che gli utenti possano scegliere nella ricerca su Internet a causa dei contratti di Google. Google ha ribattuto che Microsoft non ha investito abbastanza e ha offerto un prodotto inferiore.

Giovedì Mehta ha affermato che il governo dovrà dimostrare che gli accordi di default hanno funzionato per impedire “ai concorrenti di competere”. Le argomentazioni del DoJ sembravano più convincenti quando si trattava di soffocare la “concorrenza nascente”, ha detto.

“Ma allora come si fa a far fronte a Microsoft”, ha chiesto il giudice, il cui amministratore delegato “ha ammesso pienamente. . . non hanno investito abbastanza?”

Le discussioni conclusive dovrebbero concludersi venerdì, dopodiché Mehta si pronuncerà sulla responsabilità di Google, probabilmente prima della fine dell'anno. Se Google perde, ci sarà un procedimento per determinare la punizione adeguata.

Oltre ai casi governativi, Google ha dovuto affrontare anche cause civili. Alla fine dell'anno scorso, ha perso una causa antitrust intentata da Epic Games contro il suo app store Android. Una giuria federale ha scoperto che sta sopprimendo la concorrenza tagliando accordi con produttori di smartphone, reti e sviluppatori di giochi per chiudere alternative al suo Play Store, quindi sfruttando la sua posizione per addebitare una commissione del 30% sulle vendite. Un rimedio deve ancora essere determinato.