Ven. Mar 1st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Le azioni di Wall Street hanno iniziato l’anno con una sbornia guidata dalla tecnologia dopo che il rally che ha concluso il 2023 è diventato cauto, mettendo i titoli tecnologici sulla buona strada per il loro giorno peggiore in più di due mesi.

Il Nasdaq Composite è sceso dell’1,4% negli scambi della tarda mattinata, dopo essere sceso dell’1,8% in precedenza. Un calo dell’1,5% o più darebbe all’indice tecnologico la sua giornata peggiore dal 26 ottobre.

L’indice blue-chip S&P 500 è sceso dello 0,7%, avvicinandosi alla sua giornata peggiore in quasi due settimane.

I produttori di chip e Apple sono stati i protagonisti dei fallimenti tecnologici che hanno trascinato al ribasso il Nasdaq e lo S&P. Il gigante della tecnologia di consumo ha perso fino al 3,7% dopo che gli analisti di Barclays lo hanno declassato all’equivalente di un rating di “vendita” – solo il secondo rating simile assegnato dagli analisti alla società in almeno due anni.

Grafico lineare dell'indice Nasdaq Composite che mostra il forte calo del Nasdaq tecnologico dopo il forte rally di fine anno

I ribassi di martedì fanno seguito a un anno in cui i titoli azionari hanno sfidato le prime tenebre per ruggire al rialzo, spingendo l’S&P in rialzo di quasi il 25% per il 2023 – la sua terza migliore performance negli ultimi dieci anni – fino a raggiungere un massimo storico.

L’ottimismo del mercato è aumentato nuovamente il mese scorso dopo che la Federal Reserve ha sorpreso gli investitori segnalando la fine dei suoi aumenti dei tassi di interesse e accennando a potenziali tagli futuri.

Il rally del 4,4% registrato dall’S&P a dicembre è salito dal minimo di ottobre al 15%. La forza di questi guadagni ha spinto alla cautela di martedì, hanno detto i partecipanti.

“È naturale che dopo un rally così sorprendente vediamo il mercato prendere un po’ di fiato e rivalutare le probabilità di uno scenario di atterraggio morbido”, ha affermato Amélie Derambure, senior portfolio manager multi-asset di Amundi. “Non possiamo avere tutto. È improbabile che avremo allo stesso tempo un perfetto atterraggio morbido e un perfetto slancio disinflazionistico”.

Alcuni hanno anche citato il terremoto di lunedì in Giappone e le tensioni in Medio Oriente che hanno fatto salire i prezzi del petrolio come ragioni della svendita, anche se non tutti sono d’accordo.

Sebbene tali fattori “non abbiano aiutato a delineare il quadro del mercato di questa mattina, non spiegherebbero un calo così ampio”, hanno affermato gli analisti di Bespoke. “Il colpevole più probabile è semplicemente una tornata di prese di profitto dopo un rally mostruoso che ha chiuso il 2023”.

Gli investitori si aspettano anche nuovi dati statunitensi questa settimana, compresi i verbali della riunione critica della Fed di dicembre, prevista per mercoledì, e i dati mensili sull’occupazione venerdì.

Dei cosiddetti magnifici sette titoli tecnologici giganti che hanno alimentato i mercati al rialzo lo scorso anno, solo Tesla era in rialzo martedì. Microsoft, Meta, Amazon, Alphabet e Nvidia si sono tutte unite ad Apple in territorio negativo, perdendo ciascuna almeno l’1% nelle contrattazioni mattutine.

Advanced Micro Devices ha guidato i grandi ribassi del Nasdaq, in calo del 5,6%, mentre hanno sofferto anche gli altri titoli legati ai chip. Intel è scesa del 4,4% mentre ASML è scesa del 3,7%.

I potenziali problemi del settore nella vendita al mercato cinese sono stati evidenziati lunedì da un rapporto di Bloomberg secondo cui le autorità statunitensi avevano esercitato pressioni su ASML affinché bloccasse le esportazioni verso la Cina settimane prima che i divieti statunitensi pianificati entrassero in vigore.