Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La Francia sta cercando di reprimere Airbnb e altre società di noleggio vacanze, stimolata dai sindaci di destinazioni turistiche come le Alpi e i Paesi Baschi, preoccupati che le piattaforme stiano peggiorando la carenza di alloggi e deturpando i centri storici.

L’Assemblea nazionale francese voterà lunedì un progetto di legge che darebbe alle autorità locali ampi poteri per fissare quote sugli affitti a breve termine o imporre meccanismi di compensazione, come ad esempio l’obbligo per i proprietari di aggiungere un’unità abitativa a lungo termine per ogni unità abitativa. uscire su Airbnb. Anche un vantaggio fiscale è sul punto di essere tagliato.

Iñaki Echaniz, un parlamentare socialista dei Pirenei nel sud-ovest della Francia e coautore della legislazione, ha affermato che le proposte darebbero potere ai funzionari locali di regolare il mercato e respingere un’ondata di cause legali intentate da proprietari immobiliari e sindacati che si oppongono a tale legislazione. restrizioni.

“I giovani del mio distretto e delle zone vicine lungo la costa intorno a Biarritz semplicemente non possono più permettersi di vivere qui e questo non è giusto”, ha detto Echaniz. “Anche nelle zone turistiche più popolari, l’edilizia abitativa non dovrebbe essere un bene speculativo dominato da interessi privati”.

Nel frattempo i tribunali hanno sospeso l’entrata in vigore di nuove quote ad Annecy nelle Alpi, Saint-Malo in Bretagna e La Rochelle sulla costa sud-occidentale mentre vengono esaminate le sfide legali.

Le proposte francesi arrivano mentre città come New York, Berlino e Barcellona inaspriscono le loro normative su Airbnb e altre piattaforme, esercitando pressione sui modelli di business delle aziende. Le preoccupazioni dei sindaci fanno eco ai funzionari locali delle aree turistiche di altre zone riguardo all’effetto a catena degli affitti a breve termine sui residenti e sui luoghi di bellezza.

Edifici lungo il Canal du Thiou, Annecy
La pittoresca Annecy ha quattro volte più affitti a breve termine rispetto a cinque anni fa © Orizzonte Immagini/Alamy

La proposta di legge potrebbe anche arrivare all’eliminazione di un vantaggio fiscale che consente ai proprietari di affitti per vacanze a breve termine di ridurre la loro base imponibile di un generoso 71%, rispetto al solo 30% di un contratto di locazione tradizionale.

Se la legge venisse approvata, sarebbe un duro colpo per le piattaforme di affitti per le vacanze, in particolare Airbnb, dal momento che la Francia è il secondo mercato più grande in termini di annunci dopo gli Stati Uniti, secondo gli analisti.

Ma anche i sostenitori della legge ammettono che esiste il rischio che venga annacquata o nuovamente ritardata a causa dell’intensa attività di lobbying da parte dei gruppi di proprietari e delle piattaforme.

Airbnb ha un’influenza particolare in vista delle Olimpiadi estive che saranno ospitate a Parigi a luglio perché molti residenti vogliono affittare le loro case ai 15 milioni di visitatori previsti. Il gruppo statunitense di noleggio a breve termine è uno sponsor di primo livello dei giochi.

L’UNPLV, un’associazione di categoria tra cui Airbnb e Abritel, nonché fornitori di servizi per affitti per le vacanze, si oppone a diverse misure del progetto di legge, come le quote, sostenendo che equivarrebbero a limitazioni illegali dei diritti di proprietà dei proprietari di case. “Non accettiamo l’accusa che gli affitti per le vacanze a breve termine stiano aggravando la crisi immobiliare, e queste proposte sono risposte populiste e semplicistiche a un problema molto difficile”, ha affermato il presidente dell’UNPLV Dominique Debuire.

Esistono già restrizioni a Parigi, una delle destinazioni turistiche più famose al mondo e la città più grande di Airbnb, tra cui un limite di 120 notti all’anno per le residenze primarie e l’obbligo di registrare gli appartamenti prima di inserirli sui siti web di affitti a breve termine.

La città impiega una squadra di 30 ispettori che scovano gli affitti illegali bussando alle porte, controllando le cassette postali e identificando le cassette delle chiavi dove gli host nascondono le chiavi per gli ospiti. Lo scorso anno ha intentato diverse centinaia di cause legali contro i proprietari, ma i funzionari della città affermano che hanno bisogno di nuovi poteri per intensificare i controlli e ridurre i circa 25.000 affitti illegali concentrati nel centro della città, comprese le aree popolari come il Marais e Montmartre.

La nuova legge consentirebbe alle città e ai paesi più piccoli di seguire l’esempio di Parigi, eliminando una regola secondo cui le restrizioni potrebbero essere imposte solo in luoghi con più di 200.000 residenti.

“La Francia è già il paese in cui vigono le regole sugli affitti a breve termine più sofisticate d’Europa”, ha affermato Emmanuel Marill, responsabile Europa, Medio Oriente e Africa di Airbnb. “Le norme nazionali aggiuntive in discussione danneggeranno principalmente gli host occasionali – in particolare i proprietari di case primarie – e le parti della Francia dove gli affitti a breve termine sono richiesti e necessari dall’ecosistema turistico locale”.

La proliferazione di affitti per vacanze a breve termine ha contribuito a trasformare il turismo nelle città e nei paesi di tutta la Francia negli ultimi dieci anni. Le piattaforme online hanno aggiunto capacità e opzioni di alloggio oltre agli hotel e hanno portato le persone in villaggi e aree rurali meno conosciuti. Tuttavia, hanno anche rimosso parte del patrimonio immobiliare dal mercato degli affitti a lungo termine e svuotato i quartieri.

Ad Annecy, una cittadina medievale affacciata su un lago circondato da montagne, oggi nel centro storico si trovano quattro volte più affitti a breve termine rispetto a cinque anni fa, ha spiegato il sindaco François Astorg. La carenza di alloggi è peggiorata e i prezzi degli affitti sono aumentati per i residenti a tempo pieno, ha affermato, e la città non è stata in grado di andare avanti con le quote previste a causa di cause legali.

“Macellerie e panetterie vengono sostituite dai servizi di portineria di Airbnb”, ha affermato. “Ho ricevuto un reclamo da una persona che è l’unico residente a tempo pieno rimasto in un condominio di 12 appartamenti: il resto sono tutti affitti per le vacanze.”

Astorg ha aggiunto che la città non è contraria ad Airbnb e sostiene lo sviluppo del turismo per l’economia locale: “Ma non vogliamo che il centro storico di Annecy si trasformi in Disneyland. Le cose sono fuori controllo”.

Nella città sudoccidentale di Bayonne, sulla costa atlantica, il sindaco Jean René Etchegaray è riuscito con qualche successo a frenare i marciapiedi. Bayonne ha sconfitto le richieste del tribunale di procedere lo scorso anno con l’obbligo per i proprietari di compensare ogni affitto per le vacanze a breve termine con un corrispondente affitto a lungo termine. “Abbiamo condotto studi storici e di impatto per dimostrare che esisteva un interesse pubblico a modificare la legge per affrontare la carenza di alloggi”, ha affermato Etchegaray.

Nei Paesi Baschi erano state rilasciate in precedenza circa 4.200 licenze triennali per affitti per vacanze a breve termine, ma da quando la nuova normativa è entrata in vigore nel marzo 2023, sono state rilasciate solo due nuove licenze. “Abbiamo fermato l’emorragia”, ha detto.