Mar. Mar 5th, 2024

Ciao, sono Kenji da Hong Kong.

Sono appena tornato lunedì dalla conferenza annuale del World Economic Forum nella innevata città svizzera di Davos. Questa era la quarta volta che seguivo l’incontro e, anche se ho visto crescere la presenza dell’Asia per gran parte di quel tempo, quest’anno l’interesse per gli affari asiatici sembra essere passato in secondo piano.

Questioni scottanti altrove stavano, ovviamente, attirando l’attenzione della gente, vale a dire la prospettiva del ritorno di Donald Trump alla Casa Bianca e le due guerre strazianti, in Ucraina e Gaza, combattute in Europa e nei suoi dintorni.

Oltre a queste questioni, l’intelligenza artificiale è stato un argomento ampiamente discusso alla conferenza.

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha invitato il settore privato a unirsi agli sforzi per sviluppare un modello di governance “in rete e adattivo” per l’intelligenza artificiale. “Abbiamo bisogno che i governi collaborino urgentemente con le aziende tecnologiche sui quadri di gestione del rischio per l’attuale sviluppo dell’intelligenza artificiale e sul monitoraggio e la mitigazione dei danni futuri”, ha affermato, poiché la tecnologia pone rischi per i diritti umani, la privacy personale e la società nel suo complesso.

Satya Nadella, CEO di Microsoft, ha condiviso un sentimento simile, affermando: “Essere proattivi nella gestione del rischio è la cosa giusta da fare” per evitare qualsiasi “conseguenza indesiderata” della nuova tecnologia.

Sam Altman, CEO di OpenAI sostenuta da Microsoft e creatore di ChatGPT, ha difeso la sua invenzione a Davos. “Gli esseri umani avranno strumenti migliori. Abbiamo già avuto strumenti migliori”, ha detto. Ma anche lui ha riconosciuto la necessità di una gestione del rischio. “Possiamo trarre lezioni dal passato su come la tecnologia è stata resa sicura e su come le diverse parti interessate hanno gestito le negoziazioni su cosa significhi sicuro”.

Ansia dell’IA

La questione di come regolare l’intelligenza artificiale è stato uno degli argomenti più dibattuti quest’anno al meeting invernale del World Economic Forum di Davos, scrive Nikkei Juliette Perreard.

I governi di tutto il mondo stanno esplorando la regolamentazione e la governance, ma l’Unione Europea è stata la prima ad approvare provvisoriamente la legislazione sull’IA a dicembre. “La legislazione è molto più lenta del mondo delle tecnologie, ma questa è legge”, ha detto Věra Jourová, vicepresidente della Commissione europea per i valori e la trasparenza, durante un panel di Davos.

Il suo capo, la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, ha sottolineato nel suo discorso programmatico che l’intelligenza artificiale è “uno dei principali rischi potenziali per il prossimo decennio”.

Un altro grande argomento di discussione sull’intelligenza artificiale è stata la Cina, in particolare il suo approccio alla privacy. Jourová ha detto che ci sono somiglianze tra le linee guida cinesi e quelle occidentali, ma ha aggiunto che queste hanno un “grande ma”.

“In Cina vogliono usare l’intelligenza artificiale per tenere la società sotto controllo. . . Vogliamo mantenere questa filosofia di protezione delle singole persone e bilanciarla con le misure di sicurezza nazionale”, ha affermato. “Quindi qui non possiamo avere una lingua comune con la Cina”.

Il premier cinese Li Qiang, che ha parlato immediatamente prima di von der Leyen, ha toccato l’IA solo una volta nel suo indirizzoper vantarsi delle capacità del suo Paese in questa e altre tecnologie all’avanguardia, vale a dire il cloud computing, i big data e la blockchain.

Forza lavoro 2.0

La crisi del lavoro in Giappone sta costringendo le aziende a ripensare il modo in cui operano, mettendo a repentaglio le caratteristiche iconiche della sua economia dei servizi, dai minimarket aperti 24 ore su 24 ai carrelli alimentari sui treni, scrive Kana Inagaki, Leo Lewis E David Keohane per il MagicTech.

L’economia mondiale che invecchia più velocemente è alle prese da tempo con una carenza di lavoratori, ma la crisi è destinata ad aggravarsi con le nuove norme sul lavoro a partire da aprile che ridurrebbero gli straordinari per i lavoratori edili e i camionisti.

Secondo il Recruit Works Institute, entro il 2040 il Paese avrà una carenza di manodopera di 11 milioni di persone, con un numero di persone sopra i 65 anni – che già rappresenta quasi il 30% della popolazione – che dovrebbe raggiungere il suo picco nel 2042.

Negli ultimi dieci anni, il Giappone ha fatto affidamento sulle lavoratrici e sugli anziani nonostante le rigide restrizioni sull’assunzione di lavoratori stranieri. Ma Naruhisa Nakagawa, fondatore dell’hedge fund Caygan Capital, ha affermato che da quest’anno ciò non sarà più sufficiente e la forza lavoro del Paese inizierà a diminuire.

Le aziende stanno affrontando la sfida demografica introducendo più avatar, robot e intelligenza artificiale nella forza lavoro in settori chiave come l’edilizia, l’agricoltura e la vendita al dettaglio.

Regole di casa

Grafico a barre percentuale che mostra la quota di mercato dei chip automobilistici nel 2022

Nell’ambito della sua ambizione di costruire una catena di fornitura di semiconduttori locale immune dalla minaccia delle sanzioni statunitensi, il governo cinese ha invitato l’industria a creare standard tecnologici per più di 30 importanti semiconduttori automobilistici entro il 2025 e più di 70 tipologie entro il 2030.

Lo ha detto al Nikkei una fonte dell’industria automobilistica Shunsuke Tabeta che il governo “probabilmente utilizzerà il processo di definizione degli standard per istruire le case automobilistiche a utilizzare semiconduttori di produzione nazionale”.

I chip sono stati un punto debole nel tentativo della Cina di assumere un ruolo guida nel mercato automobilistico globale, nonostante i produttori nazionali di veicoli elettrici abbiano guadagnato quote di mercato all’estero con l’accelerazione del passaggio dalle auto a benzina.

Secondo Gasgoo, fornitore di dati industriali, la produzione nazionale di chip per autoveicoli soddisfa solo il 15% circa del fabbisogno della Cina. Per i chip avanzati necessari per la guida autonoma, tale percentuale scende al di sotto del 5%. Nella classifica IDC i primi cinque fornitori sono tutti non cinesi, guidati dalla tedesca Infineon.

Suonare i cambiamenti

L’ultimo campo di battaglia per i gadget tecnologici personali potrebbe essere a portata di mano, come prevede Samsung Electronics lanciare un “anello intelligente” entro la fine dell’anno, scrive Nikkei Asia Kim Jaewon.

Samsung ha preso in giro un’immagine del Galaxy Ring al suo evento a San Jose, in California, la scorsa settimana, dopo aver presentato i suoi primi smartphone della serie Galaxy S24 basati sull’intelligenza artificiale. Il titano tecnologico sudcoreano, tuttavia, è rimasto in gran parte muto sui dettagli, lasciando il mercato a indovinare le sue capacità e applicazioni.

Roh Tae-moon, presidente e responsabile dell’esperienza mobile di Samsung, ha affermato soltanto che l’anello può essere indossato comodamente 24 ore su 24 e che sarà una parte indispensabile dello “sviluppo dei servizi sanitari di Samsung”.

Tuttavia, potrebbe essere in competizione con il suo acerrimo rivale di smartphone, con un analista che osserva che Apple ha registrato un brevetto relativo a un “sistema di rilevamento del contatto pelle a pelle”.

Letture consigliate

  1. Le previsioni di TSMC tornano a una forte crescita con la ripresa del mercato globale dei chip (FT)

  2. Le auto Tesla devono affrontare sempre più divieti di ingresso in Cina mentre le “preoccupazioni per la sicurezza” aumentano (Nikkei Asia)

  3. AT&S avvierà quest’anno la produzione di substrati per chip in Malesia (Nikkei Asia)

  4. La Cina sposta gli investimenti in America Latina per competere con l’Occidente (FT)

  5. L’Europa è troppo dipendente dalle batterie cinesi per i veicoli elettrici, avverte SK On della Corea del Sud (FT)

  6. Elon Musk: le case automobilistiche cinesi “demolirebbero” i rivali senza barriere commerciali (Nikkei Asia)

  7. Gli attacchi hacker alle criptovalute nordcoreani hanno raggiunto un record nel 2023, afferma il rapporto (Nikkei Asia)

  8. L’Australia sanziona un hacker russo per violazione di Medibank (Nikkei Asia)

  9. Sam Altman di OpenAI in trattative con i sostenitori del Medio Oriente per la creazione di chip (FT)

  10. Le azioni cinesi del gioco d’azzardo aumentano mentre l’autorità di regolamentazione elimina la bozza di regole (Nikkei Asia)