Ven. Mag 24th, 2024
Il braccio di SoftBank dovrebbe dare una mano a Son nell'intelligenza artificiale

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Masayoshi Son si è guadagnato un certo margine di manovra per scommesse audaci sull’intelligenza artificiale. Avere Arm sotto la sua protezione, che ha aiutato il SoftBank Group di Son a raggiungere il secondo trimestre consecutivo di redditività, potrebbe persino ridurre il rischio di scommesse fallite.

Dopo anni di scommesse tecnologiche casuali in tutto il mondo, il passaggio di Son a una posizione più conservatrice ha dato i suoi frutti. Il gruppo con sede a Tokyo ha gestito un utile netto di 231 miliardi di yen (1,5 miliardi di dollari) nel trimestre terminato a marzo, nonostante il suo Vision Fund abbia riportato una perdita. Negli ultimi anni un gran numero di start-up in perdita nel suo secondo Vision Fund hanno pesato sugli utili del gruppo. In effetti, SoftBank ha comunque registrato una perdita annuale per il terzo anno consecutivo.

SoftBank ha beneficiato dell’indebolimento dello yen, poiché investe in società statunitensi. Uno dei migliori è il gruppo di consegna di cibo DoorDash, le cui azioni sono aumentate di quasi il 75% nell’ultimo anno.

Ma la spinta decisiva arriva da Arm, le cui azioni sono aumentate di oltre il 70% dalla sua quotazione negli Stati Uniti. SoftBank possiede circa il 90% della società di progettazione di chip con sede nel Regno Unito, che ora ha una valutazione di oltre 110 miliardi di dollari. Arm è stata la ragione principale dell'aumento del 45% del valore patrimoniale netto di SoftBank al livello record di 27,8 trilioni di yen. Rappresenta quasi la metà del totale in termini di composizione patrimoniale.

Il miglioramento degli utili significa che SoftBank aveva una liquidità di 6,2 trilioni di yen alla fine di marzo. Son ha raddoppiato gli investimenti in temi legati all’intelligenza artificiale e ai chip, con SoftBank che ha guidato un round di finanziamento da 1,05 miliardi di dollari per la start-up britannica di guida autonoma Wayve Technologies la scorsa settimana. Si dice che sia in trattative per acquisire la start-up britannica di semiconduttori Graphcore. Anche Arm sta cercando di farlo sviluppare i propri chipcreando una divisione di chip AI per costruire un prototipo.

Fare progressi in questo settore pur mantenendo il suo più grande punto di forza, la neutralità nei confronti del cliente, sarà un equilibrio difficile da raggiungere. I costi di sviluppo saranno elevati. Mentre Arm ha decenni di esperienza nella progettazione di chip e domina nell'area dei core delle unità di elaborazione centrale per dispositivi mobili, mettersi al passo con artisti del calibro di Nvidia sui progetti per le unità di elaborazione grafica utilizzate nei data center e nell'intelligenza artificiale è un altro compito.

Anche il rischio di pagare più del dovuto per gli investimenti in start-up di intelligenza artificiale quest’anno, alle elevate valutazioni di oggi, è sostanziale. È passato solo un anno da quando SoftBank ha registrato perdite annuali record sugli investimenti pari a 5,3 trilioni di yen nei suoi fondi Vision ad alto contenuto tecnologico

Questa volta, per lo meno, gli investimenti di Son hanno un tema comune. Il prossimo passo per Son sarà trovare un modo – credibile – per coinvolgere Arm.

[email protected]