Ven. Mag 24th, 2024
Il capo della Ericsson afferma che l’eccessiva regolamentazione “porta l’Europa all’irrilevanza”

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L'amministratore delegato di Ericsson ha affermato che l'attenzione alla regolamentazione sta “portando l'Europa all'irrilevanza” poiché ha avvertito che la competitività della regione è stata minata e ha chiesto modifiche alla politica antitrust.

Börje Ekholm, capo del produttore svedese di apparecchiature per le telecomunicazioni, ha dichiarato in un’intervista al MagicTech che il continente “sta rimanendo indietro in una serie di parametri” con l’infrastruttura digitale a rischio.

Ha affermato che l’attenzione alla regolamentazione “sta portando l’Europa all’ultimo posto [and] sta portando l’Europa all’irrilevanza”, motivo per cui credeva che fosse “sulla buona strada per diventare un museo: ottimo cibo, grande architettura, grandi paesaggi”. [and] ottimo vino ma nessuna industria rimasta”.

La scorsa settimana anche il presidente francese Emmanuel Macron ha avvertito che l’UE sta affrontando una minaccia “mortale” e Nicolai Tangen, amministratore delegato del fondo petrolifero norvegese, ha affermato che l’Europa è più regolamentata e avversa al rischio rispetto agli Stati Uniti.

L’ex primo ministro italiano Enrico Letta, incaricato dai leader europei di valutare lo stato del mercato unico poco performante dell’Unione Europea, all’inizio di questo mese ha anche affermato che il blocco deve integrare i suoi mercati delle telecomunicazioni, finanziari ed energetici o dovrà affrontare la perdita della sua “sicurezza economica”.

I dirigenti del settore europeo delle telecomunicazioni hanno chiesto alle autorità di regolamentazione di approvare accordi e adattare la regolamentazione per consentire alle aziende di aumentare le dimensioni e ottenere sostegno per gli investimenti nell’implementazione del 5G e delle reti full-fibre.

“Perché non consentire il consolidamento nel mercato?” chiese Ekholm. Ha aggiunto che dovrebbe esserci un limite di tempo per le revisioni antitrust e ha affermato che il lungo processo potrebbe portare le aziende a non investire.

A febbraio la Commissione europea ha autorizzato la creazione di una joint venture tra gli operatori di telefonia mobile Orange e MasMovil in Spagna a condizioni che includevano la cessione dello spettro a Digi, che le consentirebbe di costruire la propria rete mobile, a seguito dei timori che la combinazione potrebbe comportare un aumento dei prezzi aumenta e indebolisce la concorrenza.

Alla domanda sull'ostacolo derivante dall'aumento dei prezzi nel consolidamento consentito nel settore, Ekholm ha dichiarato: Penso che l’Europa sia in una situazione disastrosa. . .[some politicians]sono preoccupati che i prezzi a breve termine possano salire, Ma [it is] mettendo a repentaglio la competitività a lungo termine del continente”.

Ha aggiunto che l’Europa “non è cresciuta così velocemente come il resto del mondo perché ci manca il settore tecnologico, ci manca il settore digitale”. Ekholm ha detto di essere anche preoccupato che i posti di lavoro “vengono creati altrove, dove vengono effettivamente create le nuove applicazioni”.

Un’altra preoccupazione dell’amministratore delegato di Ericsson era che il continente rimanesse indietro rispetto alla connettività 5G autonoma e ad alta velocità.

Secondo un nuovo rapporto commissionato da Ericsson alla società di consulenza Analysys Mason, la copertura autonoma 5G a livello di popolazione in Europa genererebbe più di 100 miliardi di euro di valore economico entro il 2030.

Lo studio prevedeva un deficit di 28,2 miliardi di euro di investimenti commerciali necessari per raggiungere questo livello di copertura dello spettro della banda media in 30 paesi europei, che potrebbero essere utilizzati per qualsiasi cosa, dai trattori autonomi alla consegna di medicinali con droni.

Ericsson all'inizio di questo mese ha riportato che le vendite nette sono diminuite del 15% su base annua nel primo trimestre. Anche la rivale Nokia ad aprile ha registrato un calo delle vendite nette del 20% nel primo trimestre rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, a causa della “continua debolezza del mercato”.

Entrambi hanno anche precedentemente annunciato tagli di posti di lavoro e programmi di riduzione dei costi.

“Forse dovrei semplicemente voltare pagina e dimenticarmi del museo, ma sono nato in Svezia. . . Credo che l’Europa abbia un valore reale nel mondo, ma voglio che l’Europa sia competitiva”, ha aggiunto Ekholm.