Ven. Mag 24th, 2024
Le azioni di Tesla aumentano dopo che Elon Musk si è assicurato un accordo con la cinese Baidu

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Le azioni di Tesla sono aumentate dopo che l’amministratore delegato Elon Musk ha stretto un accordo con il gruppo cinese di ricerca e mappatura Baidu, aprendo la strada all’introduzione della tecnologia di guida semi-autonoma della società statunitense nel più grande mercato automobilistico del mondo.

L’accordo è arrivato dopo che Musk ha incontrato domenica a Pechino il leader numero due della Cina, il premier Li Qiang. La casa automobilistica statunitense ha recentemente dovuto fare i conti con il calo delle vendite e le preoccupazioni sulla sicurezza dei dati.

Lunedì le azioni Tesla sono aumentate del 17% a 197 dollari, dando alla società un valore di mercato di 615,8 miliardi di dollari. Sono aumentati di oltre un terzo durante la scorsa settimana, dopo essersi dimezzati negli ultimi due anni.

Tesla ha superato un importante ostacolo normativo con l’accordo Baidu. Secondo una persona che ha familiarità con la questione, le società straniere che vendono veicoli intelligenti in Cina sono tenute a utilizzare uno dei circa 20 fornitori locali approvati di sistemi di mappatura e navigazione.

Tesla deteneva circa il 7,5% del mercato dei veicoli elettrici in Cina nel primo trimestre, e il paese è il secondo mercato più grande della casa automobilistica.

Ma Musk sta spingendo per lanciare e monetizzare il sistema di “guida completamente autonoma” di Tesla nel paese mentre la casa automobilistica lotta con il calo delle vendite in mezzo alla crescente concorrenza. Il sistema può accelerare, sterzare e frenare ma non è strettamente una tecnologia completamente autonoma.

Il prezzo delle azioni di Tesla è sceso di circa il 30% quest’anno poiché ha perso terreno rispetto ai rivali locali in Cina. L’azienda è stata anche colpita da un rallentamento globale nella crescita delle vendite di veicoli elettrici e dal taglio di migliaia di posti di lavoro. Tesla non ha risposto a una richiesta di commento.

All’inizio di quest’anno, Tesla ha tagliato il prezzo dell’abbonamento mensile per il suo sistema di guida autonoma negli Stati Uniti. Musk ha anche parlato di concedere in licenza i suoi sistemi ad altre case automobilistiche.

“Attaccare il muro all’autonomia è una mossa assolutamente ovvia”, ha scritto Musk su X, la sua piattaforma di social media, all’inizio di questo mese.

L’implementazione della tecnologia in Cina aumenterebbe notevolmente i ricavi degli abbonamenti, oltre ad aiutarla a differenziare le sue auto rispetto a un numero crescente di veicoli elettrici competitivi dei produttori locali.

L’accesso alla mappatura ad alta definizione è fondamentale anche per il funzionamento di un sistema tecnologico a guida parzialmente autonoma. I sistemi autonomi si basano su una combinazione di sensori, come telecamere o radar, che possono vedere gli ostacoli, nonché mappe della rete stradale esistente, per navigare.

Per sterzare in sicurezza, i veicoli devono sapere esattamente dove si trovano, spesso con una precisione millimetrica, così come i contorni del terreno attorno a loro.

Domenica, i veicoli elettrici di Tesla sono stati inclusi in un elenco di oltre 70 modelli di auto che sono stati testati per la conformità alla sicurezza dei dati da un gruppo industriale cinese.

Ma Tom Nunlist, esperto di regolamentazione tecnologica cinese presso la società di consulenza Trivium con sede a Pechino, ha affermato che i test di conformità del gruppo industriale non equivalgono all’approvazione per Tesla.

“Non è una certificazione. Non è un'approvazione. E' solo una valutazione. Questo organismo industriale sta esaminando l’adesione di queste aziende a una serie emergente di requisiti su base volontaria”, ha affermato.

Pechino richiede inoltre ai venditori di veicoli con tecnologia di guida autonoma di archiviare in Cina i dati degli utenti necessari per migliorare i loro sistemi, che sono in gran parte sviluppati negli Stati Uniti.

Musk nel 2021 ha affermato che Tesla aveva creato un data center in Cina per localizzare “tutti i dati generati dalla nostra attività qui, inclusi produzione, vendite, assistenza e ricarica”.