Mar. Giu 18th, 2024
il futuro del lavoro asincrono

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

“Questo incontro avrebbe potuto essere un'e-mail” è una lamentela comune sul posto di lavoro. Per alcune aziende, ora è un principio guida.

Da quando la pandemia ha tagliato i legami con l’ufficio, sempre più persone lavorano quando e dove preferiscono, anziché nello standard dalle nove alle cinque. Questo approccio “asincrono” implica che i colleghi si sovrappongano meno e debbano comunicare in modi diversi per svolgere il proprio lavoro in modo efficace.

Ciò significa meno riunioni – di persona, ibride o virtuali – e promemoria più dettagliati, video didattici e documenti collaborativi, poiché i colleghi registrano il proprio lavoro in spazi di lavoro online condivisi disponibili 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

“Si tratta solo di garantire che quando mi siedo al lavoro, disponga delle informazioni necessarie per iniziare”, afferma Kyle Daigle, direttore operativo di GitHub, una piattaforma di sviluppo di proprietà di Microsoft. Molti dei circa 3.000 dipendenti dell'azienda lavorano in modo asincrono.

Molti professionisti sono abituati a mantenere orari leggermente diversi rispetto ai colleghi: lo fanno funzionare inviando e-mail durante la notte o creando documenti di passaggio in modo che i colleghi all'estero possano continuare a lavorare su un progetto.

Ma in un ambiente di lavoro completamente – o quasi – asincrono, i dipendenti devono abbracciare abitudini insolite: resistere alla tentazione di convocare così tante riunioni; documentare in dettaglio la propria attività e le proprie decisioni affinché i colleghi possano vederle; e garantire l'accesso a livello aziendale al loro lavoro.

“La conoscenza è intrappolata nella testa delle persone. . . Ciò che abbiamo dovuto fare è adattarci a condividere quella conoscenza senza riunire le persone in riunioni in tempo reale”, afferma Scott Farquhar, co-CEO della società di software Atlassian, che conta più di 11.000 dipendenti che lavorano in 13 paesi.

Finora, le aziende tecnologiche hanno aperto la strada all’adozione di modelli di lavoro asincroni. Ciò è in parte dovuto al fatto che scrivere codice si presta a lunghi periodi di concentrazione solitaria, ma anche perché il lavoro asincrono dipende fortemente dai processi online con cui i lavoratori tecnologici hanno già familiarità.

Scoop, una società di tecnologia ibrida che monitora le politiche lavorative di quasi 6.000 aziende con sede negli Stati Uniti come parte del suo “Flex Index”, afferma che il 32% di queste aziende non richiede tempo d’ufficio ai propri dipendenti. Questi funzionano prevalentemente in modo asincrono, afferma Rob Sadow, amministratore delegato di Scoop.

Diverse aziende, come Notion e Atlassian, sono nate offrendo strumenti asincroni, consentendo ai colleghi di creare materiali di riferimento interni, delegare compiti, monitorare lo stato di avanzamento dei progetti e collaborare al lavoro in qualsiasi momento, ovunque si trovino.

Circa 1.500 aziende utilizzano Slite, una piattaforma di gestione dei documenti con sede a Parigi che consente ai lavoratori di creare documenti e trovare rapidamente informazioni, afferma l'amministratore delegato Christophe Pasquier. “Per la stragrande maggioranza dei nostri utenti diventa uno strumento di lavoro asincrono”.

Slite consente agli utenti di vagliare la grande quantità di dati prodotti quando il personale documenta quasi tutto ciò che fa. “Quando hai un vero team che lavora davvero in modo asincrono, soprattutto quelli remoti, è scioccante la quantità di dati che ci sono”, afferma Pasquier. “C'è così tanta roba che non riesci a trovare quella che conta.”

In teoria, i modelli di lavoro asincroni rendono più veloce la collaborazione dei dipendenti di base senza riunioni o supervisione: tutti lavorano direttamente sui progetti in uno spazio di lavoro condiviso, che consente alle aziende di avere un livello di gestione più sottile. “Essenzialmente, i manager sono solo trasmissioni di informazioni. . . tutto ciò è accessibile a tutti i membri dell’organizzazione contemporaneamente”, spiega Liam Martin, co-fondatore della società di monitoraggio dei dipendenti Time Doctor. Secondo le sue stime, le aziende asincrone tendono ad avere circa la metà dei manager. “Molte delle cose classiche che facevano i manager sono essenzialmente ridondanti all’interno del sistema asincrono [organisations].”

Tuttavia, il passaggio a questa nuova forma di lavoro non è facile. Quando Martin ha aiutato circa 20 aziende a passare al lavoro asincrono durante la pandemia “è stato un grande fallimento”. Il flop, dice, è stato in parte dovuto alla mancanza di entusiasmo da parte dei dirigenti e al fatto che i dipendenti erano riluttanti a descrivere dettagliatamente il proprio lavoro. Quando lo facevano, i colleghi raramente leggevano gli appunti. “In un'azienda, abbiamo riscontrato che il 98% dei documenti scritti non era stato consultato più di due volte.”

Anche i sostenitori più accaniti del lavoro asincrono riconoscono che alcune situazioni necessitano di una rapida discussione. Lavorare con orari diversi “non significa che non partecipi mai a una chiamata Zoom”, afferma Daigle, aggiungendo che l'innovazione è ancora “molto più semplice” quando coinvolge comunicazioni personali o riunioni dal vivo. Per costruire uno spirito di squadra e creare connessioni più organiche, molte organizzazioni asincrone programmano “chat di caffè” video o dedicano del tempo alle chiamate per replicare le chiacchiere delle riunioni di persona. Molti riuniscono anche il personale per le giornate in trasferta.

“La nostra convinzione sul lavoro distribuito non è che non sia mai necessario riunirsi”, aggiunge Farquhar di Atlassian. “Il fatto è che non è necessario sedersi accanto a qualcuno in un cubicolo ogni singolo giorno per creare fiducia.”