Gio. Giu 13th, 2024
La sete di conoscenza dell’intelligenza artificiale guida la crescita nei corsi executive

Un aumento di interesse da parte dei dirigenti per le implicazioni commerciali dell’intelligenza artificiale generativa sta spingendo le business school a offrire una serie di nuovi corsi che insegnano la comprensione e le competenze digitali.

Un sondaggio condotto su circa 10.000 studenti in 40 paesi, pubblicato questo mese dai consulenti educativi CarringtonCrisp, ha rilevato che quasi la metà degli intervistati prevede di apprendere l’intelligenza artificiale nei prossimi cinque anni. Anche altri temi digitali erano in voga: la sicurezza informatica (citata dal 33%), il marketing digitale (31%), l’e-commerce (29%) e l’analisi dei dati (26%), accanto alle competenze aziendali più tradizionali.

Il lancio di strumenti come ChatGPT di OpenAI, supportato da Microsoft, lanciato nel novembre 2022, ha spinto le organizzazioni dei settori pubblico e privato a sperimentare l'intelligenza artificiale generativa. Di conseguenza, le business school segnalano un forte interesse per i programmi di formazione executive di breve durata incentrati sulla tecnologia, siano essi a iscrizione aperta o personalizzati per le aziende.

Annette Saller, direttrice della gestione dei programmi e dei progetti presso il produttore tedesco di apparecchiature mediche Hartmann Group, è arrivata a riconoscere la sua necessità di una visione olistica dell'intelligenza artificiale generativa, oltre le aspettative.

“L’intelligenza artificiale è molto più che generare testo e immagini”, afferma Saller, aggiungendo che il suo datore di lavoro sta implementando la tecnologia sia nell’innovazione dei prodotti che nel miglioramento operativo.

Annette Saller del gruppo Hartmann

L'iscrizione al programma Transforming Your Business with AI di Insead lo scorso anno, al prezzo di 1.850 euro e distribuito online in cinque settimane, ha fornito a Saller informazioni più approfondite su come sfruttare l'intelligenza artificiale negli affari, dissipando al tempo stesso idee sbagliate. “Spesso le persone pensano che l’intelligenza artificiale sia una bacchetta magica”, suggerisce. “Uscendo da questo programma, lo demistifichi.”

Sebbene alcuni effetti siano chiari, come la possibilità di automatizzare le attività, generare insight e aumentare l’efficienza, l’intelligenza artificiale richiede un’attenta comprensione, implementazione e gestione per realizzare il suo pieno potenziale.

Anat Lechner, professoressa clinica di management e organizzazioni presso la Stern School of Business della New York University, ritiene che la formazione in questo ambito sia essenziale. Dice: “Dobbiamo insegnare alle persone come gestire le imprese con l’intelligenza artificiale, altrimenti non esisteranno”.

Il professor Lechner insegna Leading in the Age of AI, un programma di due giorni tenutosi a New York e al prezzo di 3.344 dollari. Osserva una sete di conoscenza tra i dirigenti. La domanda per il corso, lanciato ad aprile, supera di gran lunga l’offerta. “Non riuscivamo a far entrare abbastanza persone nella stanza”, dice.

Le business school stanno rinnovando il loro portfolio di corsi per soddisfare questo clamore. Ora offrono conoscenze e competenze relative a temi come la sicurezza informatica e la trasformazione digitale, riflettendo come la tecnologia sia diventata una preoccupazione dei dirigenti.

“Non è più vero che l'IT sia una funzione di supporto; la tecnologia gioca un ruolo fondamentale nella definizione della strategia”, osserva Javier Zamora, direttore accademico del programma Digital Transformation: Senior Management presso la Iese Business School in Spagna. Questo corso da € 14.500 viene erogato sia online che a Barcellona e Madrid.

Tuttavia, Julian Birkinshaw, vicepreside uscente della London Business School, riconosce che esiste una natura ciclica nella domanda di istruzione nelle nuove tecnologie. “Lo vediamo ogni volta: qualcosa diventa caldo e le persone hanno bisogno di aggiornarsi”, dice. “Alcuni anni fa era la blockchain; in questo momento, è tutta una questione di intelligenza artificiale generativa.

Presso LBS si stanno adattando i corsi e si stanno sviluppando nuove offerte, come il programma Next Generation Digital Strategy, lanciato ad aprile. Birkinshaw afferma che la sfida per gli enti di formazione è distinguere tra montatura e realtà quando si sviluppano i programmi.

“Qualche anno fa si parlava di Web3, ma non si è mai arrivati ​​a nulla”, sottolinea, riferendosi al termine vago per una versione decentralizzata di Internet. “Siamo molto consapevoli che le cose sono sempre eccessivamente pubblicizzate.”

Un secondo problema per le business school è la velocità vertiginosa dello sviluppo tecnologico, che sta accorciando la durata di conservazione dei contenuti. “Data la velocità con cui cambiano le cose, è impossibile per i dirigenti tenere il passo con ciò che significa per loro”, afferma Theos Evgeniou, professore di scienze delle decisioni e gestione della tecnologia presso Insead. “Non possono semplicemente aspettare il prossimo programma tra un anno”.

Ecco perché Insead ha sviluppato un nuovo corso “riempitivo”, AI Executive Forum, che si svolgerà in tre mezze giornate a giugno. Con un costo di 2.990 euro, si concentra sul dare un senso agli ultimi progressi dell’intelligenza artificiale e alle loro implicazioni aziendali. Ma Evgeniou mette in guardia i dirigenti dal perdere di vista gli aspetti fondamentali della tecnologia, come l'infrastruttura IT e la gestione dei dati.

Concentrarsi troppo sul rumore che circonda l’intelligenza artificiale può distrarre dalla comprensione del contesto e delle implicazioni più ampi, suggerisce. “L'intelligenza artificiale è così pubblicizzata che, a volte, ti manca la foresta per gli alberi.”

Anche così, una sfida finale per gli enti di formazione è trovare un numero sufficiente di esperti nelle ultime tecnologie, inclusa l’intelligenza artificiale, per tenere i loro corsi.

Quindi la MIT Sloan School of Management guarda oltre la propria facoltà. Si rivolge ai professori del Laboratorio di informatica e intelligenza artificiale del MIT per fornire il suo programma Intelligenza artificiale: implicazioni per la strategia aziendale. Questo corso dura più di sei settimane online e costa $ 3.500.

“Stiamo facendo del nostro meglio per tenere il passo con la domanda dal lato dell'offerta, ma le competenze scarseggiano”, afferma Peter Hirst, preside associato senior per la formazione esecutiva di Sloan.