Dom. Apr 14th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Il New York Times è diventata la prima grande società di media statunitense a citare in giudizio OpenAI e Microsoft per i loro chatbot di intelligenza artificiale, sostenendo che le aziende tecnologiche hanno approfittato di milioni di articoli per costruire la tecnologia innovativa.

Il giornale chiede alle due società un risarcimento danni non meglio specificato per miliardi di dollari a scopo di “profitto”.[ing] dalla massiccia violazione del copyright, dallo sfruttamento commerciale e dall’appropriazione indebita della proprietà intellettuale del Times”.

La mossa arriva mentre le società di media sono sempre più preoccupate che i modelli di intelligenza artificiale generativa – che possono emettere testo, immagini e codice simili a quelli umani in pochi secondi – possano essere stati alimentati con i loro contenuti durante la loro creazione senza permesso o compenso.

I gruppi di intelligenza artificiale hanno affermato che l’acquisizione e l’elaborazione di grandi quantità di informazioni disponibili su Internet costituisce un “fair use” ai sensi delle leggi statunitensi sul copyright. Gli editori temono di perdere traffico, e quindi ricavi, a causa dei chatbot, come il popolarissimo ChatGPT di OpenAI, che riassume i loro risultati.

“L’uso illegale da parte degli imputati del lavoro del Times per creare prodotti di intelligenza artificiale che competono con esso minaccia la capacità del Times di fornire quel servizio” di notizie, analisi e commenti, sostiene la sua causa, depositata mercoledì a New York.

Il giornale sostiene che le due società tecnologiche hanno cercato di “sfruttare a titolo gratuito il massiccio investimento del Times nel suo giornalismo, utilizzandolo per costruire prodotti sostitutivi senza permesso o pagamento”.

OpenAI ha dichiarato: “Rispettiamo i diritti dei creatori e dei proprietari di contenuti e ci impegniamo a lavorare con loro per garantire che traggano vantaggio dalla tecnologia AI e dai nuovi modelli di reddito. Le nostre conversazioni in corso con il New York Times sono state produttive e stanno andando avanti in modo costruttivo, quindi siamo sorpresi e delusi da questo sviluppo. Speriamo di trovare un modo reciprocamente vantaggioso per lavorare insieme, come stiamo facendo con molti altri editori”.

Microsoft non ha risposto a una richiesta di commento.

Microsoft è il più grande sostenitore di OpenAI dopo aver impegnato fino a 13 miliardi di dollari per alimentare la crescita dell’azienda e fornire l’enorme infrastruttura tecnica necessaria per creare i suoi modelli di intelligenza artificiale. La tecnologia GPT di OpenAI è alla base anche della Bing Chat di Microsoft, una funzionalità del motore di ricerca del colosso del software.

Gli editori di notizie di tutto il mondo hanno incontrato per diversi mesi aziende di intelligenza artificiale tra cui OpenAI, Microsoft e Google nel tentativo di concludere accordi per concedere in licenza i loro contenuti.

Questo mese, il tedesco Axel Springer ha stretto un accordo con OpenAI del valore di decine di milioni di euro all’anno per consentire ai suoi sistemi di intelligenza artificiale di utilizzare contenuti di organi di stampa come Bild, Politico e Business Insider.

La causa del Times sostiene che la società ha avuto discussioni simili con Microsoft e OpenAI “per mesi”. “Questi negoziati non hanno portato ad una soluzione”, ha affermato.

La contestazione del Times è l’ultima di una serie di cause legali intentate contro OpenAI, per presunta violazione del copyright. A settembre, un gruppo di autori di bestseller tra cui John Grisham, David Baldacci, Jonathan Franzen e George RR Martin ha citato in giudizio il gruppo tecnologico, accusando i suoi algoritmi di essere coinvolti in un “furto sistematico su scala di massa”.

Il giornalista e scrittore Julian Sancton ha presentato una denuncia simile il mese successivo, e presto è stato raggiunto dalla scrittrice del New Yorker Jia Tolentino, tra gli altri.

Sebbene gli avvocati di OpenAI non abbiano ancora risposto a queste due cause, hanno risposto a una proposta di class action presentata in California, sostenendo che alcune delle accuse dovrebbero essere respinte poiché il suo modello può basarsi sulla dottrina del “fair use”. Sostenevano che questa dottrina fosse stata interpretata da “numerosi tribunali” nel senso che l’uso di “materiali protetti da copyright da parte di innovatori in modi trasformativi non viola il diritto d’autore”.

Gli avvocati di OpenAI hanno anche fatto riferimento a un’ordinanza in un ricorso separato presentato contro il modello di intelligenza artificiale di Meta in California dalla comica Sarah Silverman e dalla scrittrice Ta-Nehisi Coates, tra gli altri, in cui la corte ha ritenuto che l’output del grande modello linguistico dell’azienda non era ” sostanzialmente simili” ai libri scritti dai ricorrenti.

Mercoledì mattina le azioni della New York Times Company sono aumentate di circa l’1%.