Ven. Mag 24th, 2024
Il problema più grande di Tesla: le automobili

Gli utili del primo trimestre di Tesla avrebbero potuto essere un'estrema delusione per i rialzisti che proprio la settimana scorsa, per non parlare dell'anno scorso, si aspettavano un risultato molto migliore. Fedele alla forma, tuttavia, il CEO Elon Musk ha utilizzato la teleconferenza per parlare di tutto tranne che del business automobilistico.

Penso che Cathie Wood l'abbia detto meglio. In realtà, dovremmo essere considerati un'azienda di intelligenza artificiale o robotica. Se apprezzi Tesla proprio come un'azienda automobilistica [then] fondamentalmente, è semplicemente il quadro sbagliato e se fai la domanda sbagliata, la risposta giusta è impossibile.

E:

Il modo di pensare a Tesla è quasi interamente in termini di risoluzione dell’autonomia e di capacità di attivare quell’autonomia per una flotta gigantesca. E penso che potrebbe verificarsi il più grande apprezzamento del valore patrimoniale della storia quando arriverà quel giorno, in cui potrai guidare in completa autonomia senza supervisione.

Chi vuole perdersi il più grande apprezzamento del valore patrimoniale della storia? Non gli Illuminati di Tesla, che hanno risposto con giubilo. Ad un certo punto, mercoledì mattina, il titolo è salito del 16%, ovvero più di 80 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato. È più di un intero Diageo, o Richemont, o Glencore. È anche più di un'intera Volkswagen, o Stellantis, o Ferrari.

I grandi movimenti intraday rendono più facile trascurare il fatto che Tesla è ancora in ribasso di quasi il 50% rispetto al livello in cui è stata scambiata l'estate scorsa, e che è (di gran lunga) la performance peggiore di gran lunga dei cosiddetti “Magnifici Sette” fino ad oggi.

Invece di affrontare il calo delle vendite unitarie del trimestre, i minori ricavi, il crollo degli utili o la sofferenza del prezzo delle azioni, Musk si è concentrato sul “calcolo dell'inferenza distribuita”. L'approvazione normativa per la guida completamente autonoma rivelerà le somiglianze tra Tesla e AWS, la mucca da mungere del cloud computing di Amazon, ha affermato, aggiungendo in seguito che dovremmo “pensare a [Tesla’s fleet] come una combinazione di Airbnb e Uber.”

Sdraiati e pensa a qualcosa di diverso da Tesla.

Naturalmente c'era anche Optimus, con Musk che descriveva come Tesla avrebbe dovuto far sì che i robot umanoidi si occupassero delle faccende domestiche nelle loro fabbriche entro la fine dell'anno, e forse avrebbe potuto venderli al grande pubblico l'anno prossimo.

Quando riportato al tema delle automobili, Musk non si sarebbe attratto dai piani di Tesla per nuovi modelli o da cosa si intendesse specificamente con il riferimento nella dichiarazione dei risultati a un veicolo “più conveniente”.

Un Modello 2 a prezzo ridotto è stato presentato per la prima volta all’AGM di Tesla del 2023, con Musk che a gennaio aveva dichiarato che sarebbe stato in produzione verso la fine del prossimo anno, ma l’atteso annuncio del prodotto primaverile non è mai arrivato.

Tesla ora afferma che sta “accelerando” i suoi piani, anche se, come con il Cybertruck, è facile confondere l'acceleratore con i freni. L’idea che un Modello 2 potrebbe essere costruito in nuovi stabilimenti in Messico o altrove è stata sostituita con vaghi impegni a riorganizzare le infrastrutture e le linee di produzione esistenti.

Naturalmente non si discuteva su dove sarebbero state costruite le auto di fascia alta sostituite. E non ci sono state domande da parte degli analisti lato vendita sulla riduzione del potenziale risparmio sui costi, né su cosa sarebbe necessario sacrificare per creare la nuova capacità. Quando qualcuno ha osato chiedere una roadmap dettagliata del prodotto, è stato accolto dal silenzio.

Più importanti sono stati i pensieri della doccia di Musk:

Sarà molto simile agli ascensori. Gli ascensori venivano gestiti da un ragazzo con un interruttore a relè. Ma a volte il ragazzo si stancava o si ubriacava o semplicemente commetteva un errore e mandava qualcuno a metà tra i piani. Quindi prendiamo semplicemente l'ascensore e premiamo il pulsante, senza pensarci. In effetti, è piuttosto strano se qualcuno è lì con un interruttore a relè. E sarà così che funzioneranno le auto. Basta richiamare l'auto utilizzando il telefono. Entri. Ti porta a destinazione. Esci.

Nella mente di Elon, la decisione su come sarà un'auto, quanto costa e quale utilità fornisce non ha molta importanza per le persone. Questo tipo di pensiero potrebbe spiegare il Cybertruck, anche se meritava a malapena una menzione al di là di una guida secondo cui la produzione è di 1.000 a settimana. Gli osservatori che speravano di vedere almeno 250.000 Cybertruck venduti entro la fine del prossimo anno avrebbero ormai dovuto rendersi conto che è molto improbabile che ciò accada.

Ma solo per ridere, diamo un'occhiata a come l'azienda ha effettivamente fatto nell'ultimo trimestre.

Delle vendite trimestrali totali di Tesla pari a 21,3 miliardi di dollari, l'82% erano effettivamente “ricavi automobilistici” mentre il resto erano energia e servizi. Nonostante questi numeri, Tesla è concettualizzata da alcuni come un'azienda di intelligenza artificiale e/o robotica, e quindi potremmo utilizzare il quadro di valutazione sbagliato, quindi ci scusiamo in anticipo con la folla “non è un'azienda automobilistica”, ma:

  • La crescita sequenziale delle unità vendute è scesa del 13% su base sequenziale.

  • Il prezzo di Tesla per veicolo, esclusi i crediti normativi e i proventi da leasing o finanziari, era di 38.924 dollari.

  • Questo è sceso del 13% rispetto ai 44.642 dollari dell’anno scorso, che a sua volta è sceso dell’11% rispetto ai 50.037 dollari dell’anno precedente.

L’estrema pressione sui prezzi sta imponendo a Tesla veicoli a prezzi accessibili, indipendentemente dal fatto che scelga di lanciarne uno. A causa della mancanza di domanda di veicoli elettrici in generale, e di Tesla in particolare, i suoi ricavi automobilistici trimestrali sono diminuiti di quasi il 13% nell’ultimo anno e di oltre il 19% su base sequenziale.

I margini automobilistici “puliti” (che escludono crediti regolamentari e proventi da leasing) sono scesi dal 29,7% nel primo trimestre del 2022, al 18,3% nel primo trimestre del 2023 e di nuovo al 15,6% nel primo trimestre del 2024. Se si annullano i nuovi crediti d'imposta IRA statunitensi (che Tesla non sembra rivelare), il margine lordo automobilistico sembra essere sceso ancora di più, a circa il 14,1%.

Le spese in conto capitale e gli investimenti necessari per mantenere la macchina in prima marcia hanno fatto sì che Tesla bruciasse 2,5 miliardi di dollari in contanti nel trimestre. Le scorte sono cresciute di oltre il 10% arrivando a 16 miliardi di dollari. Di conseguenza, l’EPS GAAP è sceso del 53% su base annua, accelerando rispetto al calo del 23% nel primo trimestre del 2023. Anche utilizzando l’EPS non GAAP si tratta di una diminuzione del 47% rispetto all’anno scorso.

Nell'estate del 2022, quando il titolo superava i 300 dollari, gli analisti si aspettavano un EPS del primo trimestre del 24 pari a 1,80 dollari. Invece, hanno ottenuto $ 0,45. Si tratta di un downgrade del 75% rispetto alle aspettative. Ma senza un declassamento proporzionato alla macchina narrativa di Elon, le azioni sicuramente non sono scese del 75%. Non ancora, comunque.

Vale anche la pena sottolineare che il riconoscimento dei ricavi differiti della FSD potrebbe aver aiutato il numero dell’EPS, e in modo insostenibile. Di conseguenza, non saremo sorpresi di vedere 1,85 dollari di EPS non GAAP per l’intero anno 2024, il che significa che Tesla viene scambiata su un PE a termine di circa 86x. La Volkswagen ha un PE in avanti inferiore a 5x.

In un certo senso, il desiderio di Musk si è già avverato. Tesla è valutata come una pura azienda di intelligenza artificiale e robotica, anche se non lo è ancora. Potrebbe ottenere tutto ciò che desidera, ma il prezzo delle azioni e la conseguente capitalizzazione di mercato presuppongono già che ciò accadrà. Questo è il pericolo per coloro che possiedono le azioni.

Se il business automobilistico valesse 3 o 4 volte il multiplo di una Stellantis o di una Volkswagen, allora otterrebbe un PE anticipato di, diciamo, 20x. Si tratta di una cifra più che generosa per un'azienda di cui il CEO parla come di un'attività secondaria ereditaria.

I numeri civici di Tesla sono costantemente troppo alti, ma anche utilizzando l’EPS di consenso del 2024 di 2,64 dollari, Tesla varrebbe poco più di 50 dollari per azione. Utilizzando le azioni diluite di oggi (e supponendo che non ne emettano di più, cosa che faranno) si ottiene una capitalizzazione di mercato di 181 miliardi di dollari.

La capitalizzazione di mercato completamente diluita di Tesla al momento è ancora di 580 miliardi di dollari. Semplificando, ciò significa che gli azionisti stanno già pagando circa 400 miliardi di dollari per esperimenti aziendali in “robotica e intelligenza artificiale”, insieme a qualsiasi altra cosa Musk abbia o cerchi di evocare.

Per fare soldi nel mercato azionario, è necessario anticipare sviluppi fondamentali che superano quelli già implicitamente incorporati nel prezzo delle azioni. Nonostante la caduta in disgrazia del titolo, temo che molti azionisti di Tesla ancora non lo capiscano. A nostro avviso, ci vorrà un miracolo affinché gli azionisti di Tesla evitino ulteriori sofferenze.