Mer. Lug 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Western Digital ha improvvisamente abbandonato le trattative per una fusione con Kioxia, mandando in frantumi le ambizioni di Bain Capital di creare un campione di chip di memoria USA-Giappone, secondo tre persone con conoscenza diretta delle trattative.

Il crollo dei negoziati arriva dopo che il produttore di chip sudcoreano SK Hynix, che ha una partecipazione significativa in Kioxia, ha dichiarato la sua opposizione all’accordo tra le preoccupazioni che l’entità combinata possa mettere in discussione la sua posizione nel settore delle memorie Nand. Gli analisti hanno affermato che la quota di mercato dell’entità risultante dalla fusione sarebbe doppia rispetto a quella di SK Hynix.

I colloqui sulla fusione avevano ricevuto un sostanziale sostegno dietro le quinte da parte dei governi statunitense e giapponese. Entrambi hanno visto la mossa come un mezzo per consolidare la cooperazione sulle catene di fornitura dei semiconduttori, hanno detto persone con conoscenza diretta della situazione.

Un partecipante ai colloqui ha affermato che l’improvviso ritiro di Western Digital è stato “davvero scioccante” dopo che anni di negoziati sembravano prossimi alla conclusione.

Ma altri hanno voluto sottolineare che c’è ancora speranza che la parte americana possa, anche adesso, essere convinta a tornare al tavolo. Due persone coinvolte nelle discussioni hanno affermato che la situazione è “ancora fluida”, aggiungendo che esistono percorsi per consentire la ripresa dei colloqui in futuro.

SK Hynix aveva investito circa 3,5 miliardi di dollari nel consorzio guidato da Bain che nel 2017 aveva presentato un’offerta per l’unità di semiconduttori di Toshiba, successivamente ribattezzata Kioxia, per 18 miliardi di dollari. Attraverso.

L’accordo del 2017, che a sua volta è seguito a mesi di trattative e inversioni eccezionalmente tormentate, è stato il più grande mai condotto da una società di private equity in Giappone ed è arrivato a simboleggiare le enormi ambizioni che l’industria globale del PE aveva per le trattative in Giappone. Allo stesso tempo, hanno affermato i banchieri, le difficoltà incontrate da Bain nell’assicurare un’IPO per Kioxia o una fusione con Western Digital hanno anche evidenziato le crescenti sfide per ottenere un’uscita pulita.

Bain ha accantonato i piani per quotare Kioxia nel 2020 a causa della pandemia di Covid-19 e dell’incertezza geopolitica creata dal deterioramento delle relazioni USA-Cina. Le trattative tra Western Digital e Kioxia iniziarono l’anno successivo, ma secondo persone vicine all’accordo la fusione fu ripetutamente ritardata dopo molteplici scontri tra i team dirigenziali.

Kioxia sta ancora esplorando un’offerta pubblica iniziale, ma il calo della domanda globale di chip di memoria e le continue perdite del gruppo giapponese rendono per ora improbabile questa opzione.

Altri investitori nel consorzio avevano espresso preoccupazione sul fatto che il legame sarebbe stato abbastanza forte da competere con il leader del settore Samsung, hanno detto le fonti.

Giovedì le azioni di Western Digital sono scese fino al 16% dopo la notizia del crollo, riportata per la prima volta da Nikkei.

Kioxia, Bain e SK Hynix hanno rifiutato di commentare. Western Digital non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.