Lun. Giu 24th, 2024
Il Regno Unito rischia di perdere la corona tecnologica europea

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Una delle aziende più interessanti al mondo in questo momento è Mistral, una start-up di intelligenza artificiale con sede a Parigi. In appena un anno è passata da un'idea nella mente dei suoi fondatori a un'azienda ben finanziata in grado di competere con aziende del calibro di OpenAI.

Alcuni dei migliori talenti tecnici internazionali al mondo, tra cui ex figure senior di Nvidia e Tesla, stanno ora scegliendo di avviare la propria attività a Parigi. Il mese scorso, la conferenza tecnologica francese VivaTech ha attirato più di 165.000 visitatori: un nuovo record.

Questi sono tutti segnali che l’ecosistema tecnologico francese ha raggiunto un punto di flessione. Siamo molto lontani dalla Francia soffocante e insulare (un tempo definita) di dieci anni fa, quando si potevano contare sulle dita di una mano il numero di start-up entusiasmanti.

Cosa è cambiato? Secondo i partecipanti al piccolo evento post-VivaTech che organizziamo, la risposta non è la politica ma qualcosa di ancora più potente: il marketing. Più nello specifico, i dati del settore in Francia danno credito al giovane presidente Emmanuel Macron che, da quando è stato eletto nel 2017, è stato un appassionato sostenitore dell’ecosistema tecnologico.

“Il cambiamento più importante che abbiamo avuto nel settore tecnologico francese è stato l’elezione di un giovane presidente pro-business”, ha affermato Xavier Niel, imprenditore e investitore miliardario delle telecomunicazioni. “La cosa più importante non è ciò che ha effettivamente cambiato, ma l'immagine della Francia che ha cambiato completamente.”

I commenti di Niel hanno portato a una discussione tra i partecipanti, tra cui l'inventore del World Wide Web Sir Tim Berners-Lee, il capo scienziato dell'intelligenza artificiale di Meta Yann LeCun, Charles Gorintin (co-fondatore di Mistral) e Jim Breyer, l'investitore miliardario statunitense, sulla potere dei politici di plasmare l’immagine degli ecosistemi tecnologici nel bene e nel male.

La loro conversazione mi ha fatto riflettere sulle priorità del prossimo governo nel Regno Unito. Il futuro primo ministro sarà là fuori a gridare che il Regno Unito è aperto all’imprenditorialità?

Sebbene il Regno Unito sia ancora l’ecosistema tecnologico più vivace d’Europa, le corone possono andare perse. Alcune parti della politica del paese hanno fatto marcia indietro. Il sussidio per gli imprenditori è sceso dal limite di 10 milioni di sterline a vita sotto Gordon Brown a 1 milione di sterline, ad esempio. I governi recenti non hanno sempre avuto messaggi sul fronte e il centro della tecnologia.

Recentemente, un importante politico britannico mi ha detto che “non ci sono voti nel settore tecnologico”. Ciò evoca fiducia nel futuro del nostro Paese come leader globale nel settore? Se a tutto ciò si aggiungono cambiamenti draconiani relativi ai non domicili, proposte di aumento delle tasse sul private equity con interessi, leggi onerose sulla protezione dei lavoratori e un'incombente repressione sugli immigrati qualificati, non c'è da meravigliarsi se siamo minacciati.

Nel frattempo, i francesi stanno diventando sempre più favorevoli ai fondatori. Stanno emulando alcune delle politiche a favore dell’imprenditorialità del Regno Unito, come l’Enterprise Investment Scheme, e stanno andando oltre in altri settori. Politiche come “apport-cessioneLe regole consentono ai fondatori di reinvestire il proprio capitale esentasse entro due anni. Inoltre, il “patto Dutreil” può ridurre l’imposta di successione sulle imprese fino al 75%. Le strutture di holding consentono inoltre la protezione del capitale fino al pagamento dei dividendi. Sono anche in vantaggio sui fondi pensione che investono in asset privati, mentre il loro mercato azionario è ora posizionato per competere con quello del Regno Unito. E le politiche favorevoli come il regime fiscale “impatriato” sono più attraenti dell’equivalente quadriennale del Regno Unito.

Mi piacerebbe che il prossimo primo ministro britannico prendesse decisioni politiche favorevoli alla tecnologia. Ma, cosa altrettanto importante, mi piacerebbe che riconoscessero l’enorme potere di essere un campione della scena tecnologica britannica sulla scena globale.

Il Labour annuncerà presto le sue politiche tecnologiche e spero che siano audaci, a lungo termine e non populiste. Dal lato conservatore, il primo ministro Rishi Sunak è stato ostacolato da alcuni fanatici del suo partito, ma è chiaramente esperto in tecnologia. Potrebbe usare questa abilità per portare gli innovatori del Regno Unito al livello successivo e trasformare il Paese in una calamita globale per i talenti. Ha già ottenuto un notevole successo con il Summit sull’intelligenza artificiale del Regno Unito. Gli imprenditori britannici hanno molte idee, ma il Paese deve costruire una voce unica e più forte.

Questa settimana si svolge la London Tech Week e ospiteremo il nostro annuale Founders Forum Global, un evento che porta molti dei migliori fondatori del mondo nel Regno Unito. Potrebbe essere un’opportunità per le comunità tecnologiche francesi e britanniche di approfondire la loro cooperazione e partnership. Ma spero che i politici di entrambi gli schieramenti siano ispirati a pensare a come amplificare il lavoro delle aziende presenti.

Mi considero una delle più grandi cheerleader del Regno Unito. Come immigrato che ha scelto di vivere qui per più di 45 anni, voglio vedere questo paese continuare a prosperare. Secondo me, è ancora il posto migliore in Europa per avviare un’attività tecnologica. Anche così, i venti del cambiamento sono minacciosi. Non possiamo accontentarci.