Gio. Giu 13th, 2024
Perché la lotta di Elon Musk nel Delaware continuerà anche dopo il voto degli azionisti di Tesla

Gli azionisti di Tesla voteranno giovedì se ripristinare il mastodontico pacchetto salariale dell’amministratore delegato Elon Musk, che è stato annullato quest’anno da un giudice del Delaware. Ma questo non dovrebbe chiudere il libro su una saga legale che ha consumato il produttore di auto elettriche e il principale tribunale commerciale statunitense che ha osato sfidare Musk e i suoi supervisori nel consiglio di amministrazione dell’azienda.

Nel chiedere agli azionisti di approvare lo stesso pacchetto retributivo del 2018 annullato dalla Corte di Cancelleria del Delaware a gennaio, Tesla si basa su un principio legale noto come “ratifica”, in base al quale la validità di un’azione societaria può essere cementata da un azionista votazione. La ratifica, ha detto la società agli azionisti in una nota di delega all'inizio di quest'anno, “ripristinerà la democrazia degli azionisti di Tesla”.

Questo caso, tuttavia, è la prima volta che una società tenta di sfruttare tale principio dopo che si è scoperto che il suo consiglio di amministrazione aveva violato il proprio dovere fiduciario di approvare l’accordo in primo luogo.

Anche Tesla ammette di non sapere cosa accadrà dopo. “IL [Tesla board] il comitato speciale e i suoi consulenti hanno osservato che non potevano prevedere con certezza come il voto degli azionisti per ratificare il premio per la performance del CEO 2018 sarebbe stato trattato ai sensi della legge del Delaware in queste nuove circostanze”, si legge in una dichiarazione di delega inviata agli azionisti.

L’esito del voto è tutt’altro che sicuro. I grandi consulenti per delega, Institutional Shareholder Services e Glass Lewis hanno raccomandato di votare contro la retribuzione, anche se molti grandi azionisti hanno espresso sostegno. Il risultato invierà un messaggio importante su come gli investitori pensano di premiare i CEO visionari di successo, anche quelli che arrivano con il bagaglio.

Ciascuna parte ha espresso opinioni divergenti su cosa significherà il voto di giovedì in un senso più pratico. Se il referendum dovesse passare, gli azionisti dissidenti potrebbero fare nuovamente causa o modificare il loro caso originale per attaccare il nuovo voto retributivo. Potrebbero sostenere che pagare Musk per le performance passate sia di per sé uno “spreco” di risorse aziendali e l’ennesima violazione del dovere fiduciario.

Da parte sua, Tesla ha adottato misure per evitare di ritrovarsi in una situazione simile a quella del 2018, quando, secondo la sentenza del tribunale del Delaware, il consiglio di amministrazione della società era troppo intrecciato con Musk per esercitare un giudizio indipendente, con il risultato finale di approvare termini di pagamento ingiusti. agli azionisti.

Un nuovo direttore indipendente, Kathleen Wilson-Thompson, ha approvato gli stessi termini del 2018: 304 milioni di azioni, che equivalgono a circa un decimo delle azioni Tesla in circolazione, se vengono raggiunti più obiettivi di prezzo delle azioni e di performance operativa. Wilson-Thompson ha assunto i propri consulenti legali, finanziari e accademici, dedicando più di 200 ore alle sue deliberazioni, secondo la procura.

La società ha sostenuto che senza un pacchetto retributivo considerevole, Musk potrebbe perdere la concentrazione sulla casa automobilistica date le sue altre iniziative che vanno dalla piattaforma di social media X a SpaceX e la sua start-up di intelligenza artificiale, xAI. La delega inviata agli azionisti precisava che il miliardario aveva trovato l'accordo salariale “motivante” e aveva confermato “che la sua ratifica lo avrebbe motivato a continuare a dedicare il suo tempo e le sue energie a Tesla”.

Il voto di giovedì lascerà irrisolta la questione di quanto porteranno a casa gli avvocati che hanno fatto causa e hanno vinto sull’accordo del 2018. A marzo hanno chiesto alla corte di concedere loro 29 milioni di azioni Tesla – che ora valgono più di 5 miliardi di dollari – come pagamento per il loro lavoro. L'udienza in tribunale è fissata per luglio.

Tesla si è fortemente opposta a tale richiesta. Oltre a esprimere le sue opinioni nella dichiarazione di delega degli azionisti, ha aggiunto quattro potenti studi legali per rappresentarlo nel caso della paga: le società nazionali Sullivan & Cromwell e DLA Piper, nonché due titani dell'ordine degli avvocati del Delaware, Richard Layton e Morris Nichols.

Tesla afferma che gli azionisti che hanno approvato facilmente il pacchetto retributivo sei anni fa sostengono ancora l’assegnazione di azioni – e il voto di giovedì potrebbe dimostrarlo giusto. Se le azioni venissero restituite a Musk, potrebbero sostenere, gli avvocati del querelante non potrebbero sostenere di aver ottenuto alcun vantaggio per i restanti azionisti e la loro richiesta di compenso dovrebbe essere respinta.

Ciò potrebbe anche indurre il giudice che ha annullato il pacchetto salariale, Kathaleen McCormick, a riconsiderare la sua decisione originale.

Lawrence Hamermesh, professore di diritto alla Widener University, ha dichiarato: “In teoria, il cancelliere potrebbe dire che, avendo gli azionisti approvato su una base pienamente informata, questa è una ratifica effettiva, e il prodotto di un’azione appropriata degli azionisti, e in un certo senso la mia precedente decisione è discutibile”.

La crisi d'identità del Delaware

La retribuzione di Musk non è l'unico punto in ballottaggio giovedì: lo è anche lo stesso Delaware, poiché agli azionisti verrà chiesto di approvare lo spostamento della sede legale di Tesla in Texas, dove si trova la sua sede centrale, dal Delaware, una mossa che il miliardario aveva inizialmente lanciato. all'indomani della sentenza.

La furia di Musk lo ha portato a trasferire due delle sue altre società private in Texas e Nevada. Altri non si sono ancora precipitati a unirsi al suo esodo. Tuttavia, i migliori avvocati si sono preoccupati per le aziende con grandi azionisti di controllo come l’amministratore delegato di Tesla, che si trovano sempre più ad affrontare un severo esame da parte dei giudici del Delaware su fusioni e acquisizioni o altre azioni strategiche.

La decisione di Musk sulla retribuzione è solo una di una serie di recenti sentenze che hanno causato battute d’arresto ai consigli di amministrazione delle società, una tendenza che ha sconvolto l’establishment del diritto societario.

La decisione che ha suscitato più polemiche è una sentenza di marzo che ha invalidato un contratto che il fondatore della banca di investimento Ken Moelis ha stipulato con i direttori della sua omonima società che ha costretto il consiglio di amministrazione a conferirgli potere di veto sulle principali decisioni aziendali.

L'assemblea legislativa del Delaware è entrata in azione per prendere in considerazione nelle prossime settimane modifiche alla legge statale che farebbero oscillare il pendolo nuovamente a favore delle aziende. Le modifiche in esame darebbero alle imprese maggiore libertà di stipulare contratti come l’accordo Moelis con un piccolo azionista o un gruppo di azionisti. Ma i professori e gli avvocati degli azionisti temono che l’idea di base delle società, secondo cui i consigli di amministrazione devono mantenere la flessibilità per prendere tali decisioni, sia minacciata.

Il giudice che ha scritto la decisione Moelis, Travis Laster, ha condiviso la sua preoccupazione su LinkedIn, definendo le modifiche proposte “un intervento chirurgico importante”.

Rick Horvath, un partner californiano di Dechert, ha dichiarato: “Sia le aziende pubbliche che quelle private hanno espresso preoccupazione per l’incertezza percepita dai tribunali del Delaware. Vi è una crescente percezione che le decisioni siano basate sui risultati e un piccolo passo falso potrebbe comportare una significativa esposizione legale. La discussione sui domicili alternativi è al culmine di una generazione”.

Lo stesso giudice che ha bocciato il pacchetto salariale di Musk si è anche inserito nel dibattito in corso sul fatto se la corte del Delaware sia diventata eccessivamente ostile nei confronti delle aziende e dei consigli di amministrazione.

A maggio, McCormick ha scritto una lettera all'ordine degli avvocati dello stato in cui raccomanda modifiche al diritto societario del Delaware, sostenendo che storicamente i cambiamenti alla legge derivanti dalle decisioni dei tribunali non sono avvenuti frettolosamente.

“Nessuno dei tratti distintivi della tradizione del Delaware è presente quest'anno. La proposta non è stata il prodotto di un processo cauto e deliberativo. . . piuttosto il contrario.”

Le decisioni Musk e Moelis hanno dimostrato quanto rigoroso possa essere il diritto societario del Delaware per le società che hanno grandi azionisti che vogliono esercitare il potere, un evento comune nelle imprese sostenute da private equity e venture capital. I consulenti hanno detto al MagicTech che stanno consigliando silenziosamente alle società che hanno azionisti di controllo di considerare alternative al Delaware.

Ann Lipton, professoressa di diritto alla Tulane University, ha dichiarato: “Queste società si sono quotate in borsa con questi accordi tra gli azionisti esistenti [giving power to large shareholders] e per la prima volta sono stati testati legalmente, la corte ha detto di no, non sono OK. Ha spaventato molte aziende”.

Il tribunale del Delaware ha ricevuto circa 1.500 lettere ed e-mail in totale da azionisti ordinari di Tesla che chiedono a McCormick di rispettare i loro desideri se voteranno nuovamente a favore del pacchetto retributivo di Musk.

Un sedicente “piccolo investitore in Tesla”, Steve Lindenmuth di Union City, California, ha scritto: “Ho investito in Tesla solo per una ragione. Questo motivo era perché Elon Musk era allora CEO. Per anni ho detto alla gente che avrei investito in Musk se avesse avuto azioni in suo possesso.

“È innegabile che sia il più grande amministratore delegato della nostra vita”.