Ven. Mag 24th, 2024
Il Vietnam promette una maggiore fornitura di energia mentre la corsa ai chip si surriscalda

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il Vietnam prevede di garantire forniture energetiche sufficienti per le società di chip e altre società tecnologiche, ha detto un funzionario statale a Nikkei Asia, riconoscendo la difficile concorrenza con vicini come la Malesia per gli investimenti nei semiconduttori.

Hanoi attirerà investitori attraverso agevolazioni fiscali, spese per la ricerca e investimenti in infrastrutture come la produzione di energia, ha detto il viceministro della pianificazione e degli investimenti Tran Duy Dong, che non ha voluto fornire cifre.

Secondo lui, il paese in rapida crescita dovrà darsi da fare man mano che la concorrenza internazionale aumenta e la carenza di elettricità diventa una delle principali preoccupazioni delle imprese.

“Sappiamo che nessun paese attende l'occasione”, ha detto quando gli è stato chiesto di altri paesi asiatici. L’India, ad esempio, ha approvato la costruzione del suo primo impianto per la fabbricazione di chip, mentre la Malesia corteggia gli investimenti stranieri e tenta di coltivare gli operatori locali.

Le tensioni geopolitiche e le interruzioni della catena di fornitura dell’era Covid hanno spinto le aziende a diversificare la produzione lontano dalla Cina, in particolare in aree tecnologiche critiche come i chip. Ciò rappresenta un’opportunità unica per altri paesi di sviluppare le proprie industrie di chip.

Il Vietnam sta ora uscendo dalla stagione secca, quando la diminuzione dell’energia idroelettrica minaccia perennemente blackout, che hanno distrutto fabbriche come quella di Samsung nel 2023. Potrebbero volerci anni prima che il Vietnam attiri un’azienda per la fabbricazione di chip, un’azienda di alta precisione sensibile alle interruzioni di energia.

Dong ha detto che il Vietnam sta portando avanti più progetti energetici, citando un progetto da 500 megawatt previsto per la fine dell’anno per fornire elettricità al Vietnam settentrionale, dove si concentrano gli investimenti in chip.

Il Paese ha aumentato drasticamente le importazioni di carbone, sfidando i propri obiettivi di energia rinnovabile, oltre a rappresentare un potenziale problema per le aziende sotto pressione per decarbonizzare le catene di approvvigionamento.

Il Vietnam ospita dozzine di aziende produttrici di chip, incluso il più grande impianto di test e assemblaggio di Intel, e ha intensificato gli sforzi per superare la produzione di base.

Sono previsti quattro centri di ricerca sui chip – due ad Hanoi e uno ciascuno a Ho Chi Minh City e Da Nang – che collaboreranno con aziende private, ha detto Dong, aggiungendo che sta anche lavorando con 36 università per formare almeno 50.000 ingegneri.

Il Vietnam prenderà in considerazione ulteriori tasse e altri incentivi oltre a quelli offerti a tutti gli investitori high-tech, ha affermato Dong. “Miglioreremo le nostre istituzioni”, ha detto. “Il bilancio statale che spenderemo sarà considerevole”.

Storie correlate