Ven. Mag 24th, 2024
Perché le nuove tariffe di Washington sui beni cinesi di tecnologia pulita sono importanti

Martedì Joe Biden ha lanciato nuove tariffe su miliardi di dollari di beni cinesi, aumentando drasticamente i prelievi sulle importazioni di energia pulita, comprese le parti solari e i veicoli elettrici.

Si è trattato di una mossa progettata per attrarre gli elettori dei colletti blu negli stati americani in bilico elettorale, ma che avrà ramificazioni ben oltre gli Stati Uniti, sollevando timori di un aggravamento delle tensioni commerciali tra le due superpotenze economiche mondiali.

Il presidente degli Stati Uniti non solo mantiene le tariffe su beni cinesi per un valore di 300 miliardi di dollari che il suo predecessore Donald Trump aveva imposto come parte della sua guerra commerciale contro Pechino nel 2018, ma ne aggiunge altre, prendendo di mira le industrie strategiche.

Le misure includono il quadruplicamento dell’aliquota tariffaria sui veicoli elettrici cinesi al 100%, il raddoppio della tassa sulle celle solari al 50% e più che triplicare l’aliquota sulle batterie cinesi agli ioni di litio per i veicoli elettrici al 25%.

Perché gli Stati Uniti stanno facendo questo?

A meno di sei mesi dalle elezioni presidenziali americane, l’amministrazione Biden pone l’accento sulla tutela dell’occupazione mentre porta avanti ampi piani per reindustrializzare l’economia. Biden è particolarmente desideroso di sostenere il sostegno sindacale negli ex centri industriali come la Pennsylvania occidentale e il Michigan.

L’amministrazione ritiene che le tariffe possano far parte della sua strategia per costruire catene di approvvigionamento nazionali in settori critici come la tecnologia pulita e la produzione di veicoli elettrici, potenziando la base industriale statunitense e proteggendola dalle importazioni cinesi a basso costo.

Le nuove tariffe fanno seguito ad altre recenti mosse volte a proteggere i posti di lavoro del settore manifatturiero e dei colletti blu negli Stati Uniti, tra cui l’opposizione di Biden all’acquisizione della US Steel con sede a Pittsburgh da parte della società giapponese Nippon Steel, e il sostegno del presidente ai lavoratori negli scioperi contro le case automobilistiche.

L’amministrazione Biden ha anche promulgato miliardi di dollari di sussidi per le industrie verdi e pulite, con crediti d’imposta progettati per scatenare una nuova ondata di investimenti nella produzione a tecnologia pulita.

Ma i funzionari commerciali statunitensi temono che la Cina possa produrre i propri beni sovvenzionati a un prezzo così basso da poter competere con i produttori americani, lasciando i consumatori e le industrie americane dipendenti dalle importazioni cinesi.

Martedì, Trump ha accusato la Cina di “mangiare il nostro pranzo” e ha detto che Biden avrebbe dovuto imporre tariffe sui veicoli elettrici cinesi “molto tempo fa”.

Biden ha risposto a Trump: “Li ha sfamati per molto tempo”, ha detto, aggiungendo che il suo predecessore aveva fatto poco per incrementare le esportazioni statunitensi.

Cosa significa questo per i veicoli elettrici?

La nuova tariffa del 100% è aggressiva, ma si tratta più di un attacco preventivo da parte degli Stati Uniti, che attualmente importano pochissimi veicoli elettrici dalla Cina: solo 365 milioni di dollari nel 2023, secondo Capital Economics.

Moody's stima che solo il 16% dei veicoli elettrici prodotti in Cina venga esportato e che gli Stati Uniti non siano nemmeno tra le prime 10 destinazioni complessive per le auto cinesi.

Secondo il Center for Strategic and International Studies, un think tank statunitense, nel 2023 la Cina rappresentava il 2% delle importazioni di veicoli elettrici negli Stati Uniti, compresi gli ibridi plug-in. Ciò rispetto al 22% della Germania, al 21% della Corea del Sud e al 18% del Giappone. La maggior parte del resto delle importazioni statunitensi proveniva da paesi europei e dal Messico.

Le principali case automobilistiche cinesi come BYD hanno mostrato ancora poca ambizione di espandersi negli Stati Uniti mentre concentrano i loro sforzi nel sud-est asiatico e in Europa.

“Non abbiamo alcuna indicazione dal quartier generale che abbiamo piani per sviluppare il mercato negli Stati Uniti”, ha dichiarato la settimana scorsa Michael Shu, amministratore delegato di BYD Europe, al Future of the Car Summit del MagicTech.

Ma l’ex funzionario della Casa Bianca Jennifer Harris ha affermato che tale riluttanza potrebbe derivare dalla consapevolezza dei produttori cinesi della minaccia di tariffe più elevate.

“Penso che abbiano trattenuto un po' il fiato, sapendo che questo era in lavorazione”, ha detto Harris. “Il che non è categoricamente il caso. . . nel mercato europeo.”

Le tariffe potrebbero aiutare a prevenire quella che secondo gli analisti potrebbe essere un’ondata di veicoli elettrici a basso costo poiché la capacità produttiva della Cina produce più veicoli di quelli che il mercato interno può assorbire.

Le nuove tariffe mirano a “superare l’ondata di eccesso di capacità cinese nel settore dei veicoli elettrici”, ha affermato Harris.

Gli altri settori saranno maggiormente colpiti?

Gli Stati Uniti hanno già imposto tariffe elevate sulle importazioni di componenti solari cinesi, con grande preoccupazione di alcuni installatori che preferirebbero l’accesso alle unità più economiche.

Nel frattempo, gli ingenti sussidi e crediti d’imposta previsti dall’Inflation Reduction Act sono disponibili solo per gli sviluppatori che acquistano batterie e minerali critici dagli Stati Uniti o da partner commerciali, esclusa la Cina.

Tuttavia, David Oxley, capo economista del clima e delle materie prime presso Capital Economics, ha affermato che l’aumento delle tariffe sulle batterie agli ioni di litio per i veicoli elettrici dal 7,5% al ​​25% “potrebbe dimostrare. . . significativo” per un settore che già fatica a contenere i costi di produzione.

L’aumento delle tariffe di 17,5 punti percentuali potrebbe “avere un impatto significativo sulla loro competitività negli Stati Uniti”, ha affermato riferendosi ai produttori di batterie.

Secondo i dati BloombergNEF, nel 2023 i prezzi medi delle batterie prodotte negli Stati Uniti erano più alti dell’11% rispetto a quelli prodotti in Cina.

Secondo l’Agenzia internazionale per l’energia, nel 2023 quasi l’80% delle catene di fornitura per la produzione di batterie e moduli solari si trovava in Cina, insieme a oltre il 60% della catena di fornitura globale di energia eolica.

I dazi danneggeranno anche le aziende e i consumatori statunitensi?

Gli analisti affermano che senza concorrenza, i veicoli elettrici nel mercato americano diventeranno più costosi e i produttori meno competitivi, arrestando il settore.

“Rallenterà la crescita dell’adozione dei veicoli elettrici negli Stati Uniti”, ha affermato Shay Natarajan, partner di Mobility Impact Partners, un fondo di private equity. “Rischia di rendere le case automobilistiche statunitensi molto meno competitive nei mercati automobilistici al di fuori degli Stati Uniti, dove operano i veicoli elettrici cinesi [companies] può vincere in base al prezzo e alla tecnologia.

Gli analisti di Citi sottolineano inoltre che gli Stati Uniti sono “fortemente dipendenti” dalle batterie cinesi per la nascente industria americana dei veicoli elettrici, con batterie cinesi che rappresentano oltre il 70% di quelle importate lo scorso anno, rispetto a meno del 50% nel 2018.

Chloe Herrera, analista capo delle batterie presso Lux Research, ha affermato che l’aumento delle tariffe sui materiali e sui componenti delle batterie dei veicoli elettrici – come la grafite – “sarà davvero un killer”.

Ha aggiunto: “È inevitabile che i costi di questi veicoli elettrici aumentino”.

Le nuove tariffe Biden impongono anche prelievi del 50% sui semiconduttori cinesi, colpendo tutto, dai telefoni cellulari ai laptop, dalle automobili ai dispositivi medici.

Secondo la Casa Bianca, nei prossimi tre-cinque anni, si prevede che la Cina rappresenterà quasi la metà della nuova capacità messa in rete per i chip semiconduttori “legacy” – chip più grandi utilizzati nei beni di consumo.

Cosa può fare la Cina in risposta?

La Cina potrebbe lanciare tariffe di ritorsione sulle merci statunitensi o un caso presso l’Organizzazione mondiale del commercio a Ginevra per sostenere che Washington sta infrangendo le regole del commercio globale. Pechino ha già avviato una causa presso l’OMC affermando che i sussidi statunitensi per i veicoli elettrici sono “discriminatori”.

Il predominio della Cina nelle catene di approvvigionamento di tecnologia pulita significa anche che Pechino ha il potenziale per frenare l’accesso degli Stati Uniti a decine di risorse, materiali e tecnologie fondamentali per l’economia americana, dagli smartphone ai minerali necessari per le batterie. Ciò potrebbe riaccendere una guerra commerciale.

Wang Wenbin, portavoce del Ministero degli Affari Esteri cinese, ha dichiarato martedì che “la Cina si oppone costantemente agli aumenti tariffari unilaterali che violano le regole dell'OMC e adotterà tutte le misure necessarie per salvaguardare i suoi diritti e interessi legittimi”.

Gli analisti di Citi prevedono che Pechino “probabilmente sarà moderata e calibrata nelle potenziali ritorsioni” ed è improbabile che colpisca le società statunitensi che operano in Cina.

Come ha reagito l’Europa?

Il primo ministro svedese Ulf Kristersson ha affermato che è “una cattiva idea iniziare a smantellare il commercio globale”, mentre il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che i produttori europei “hanno avuto successo nel mercato cinese”.

Ma l’Europa ora rischia di trovarsi nel mezzo di due pesi massimi dell’economia globale, sull’orlo di un ulteriore grave conflitto commerciale. L’Europa sta attualmente conducendo la propria revisione antidumping sui veicoli elettrici cinesi.

Joseph Webster del Consiglio Atlantico ha affermato che i dazi statunitensi potrebbero “forzare la mano a Bruxelles”. “Bruxelles dovrà agire rapidamente, sia per introdurre le proprie tariffe, sia per accettare un’ondata di prodotti di fabbricazione cinese”.