Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’autorità di regolamentazione della concorrenza del Regno Unito ha mosso i primi passi di un’indagine sulla partnership multimiliardaria di Microsoft con OpenAI, uno dei legami più redditizi del settore tecnologico.

Venerdì l’Autorità per la concorrenza e i mercati ha dichiarato di aver avviato un “processo di raccolta di informazioni”, necessario precursore di un’indagine che probabilmente inizierà l’anno prossimo.

“La CMA ha deciso di indagare e invita a commentare”, ha affermato l’agenzia sito web.

La CMA ha chiesto alle due società, nonché a “qualsiasi parte interessata” come concorrenti e clienti, se “la partnership tra Microsoft e OpenAI, compresi i recenti sviluppi, ha portato a una situazione di fusione rilevante”. Il termine per commentare è il 3 gennaio.

Microsoft ha recentemente assunto un posto di osservatore senza diritto di voto nel consiglio di amministrazione di OpenAI dopo lo sconvolgimento del mese scorso all’avvio, quando l’amministratore delegato Sam Altman è stato estromesso e poi riassunto giorni dopo.

Brad Smith, vicepresidente e presidente di Microsoft, ha affermato in un comunicato che il suo rapporto con OpenAI è “molto diverso da un’acquisizione”.

L’investimento di Microsoft fino a 13 miliardi di dollari in OpenAI l’ha reso il più grande sostenitore del creatore di ChatGPT.

L’accordo concedeva a Microsoft alcuni diritti esclusivi per commercializzare la tecnologia di OpenAI per i clienti aziendali. In cambio, oltre a miliardi di dollari di capitale, OpenAI ha ottenuto l’accesso alle risorse di cloud computing necessarie per addestrare il suo grande modello linguistico, GPT, e un percorso accelerato verso il mercato.

Microsoft ha integrato la tecnologia di intelligenza artificiale di OpenAI in molti dei suoi prodotti, comprese le applicazioni Office e il servizio di codifica GitHub.

L’accordo è diventato un modello per le alleanze di Big Tech con le start-up dell’intelligenza artificiale. Il rivale di OpenAI, Anthropic, si è recentemente assicurato miliardi di dollari di investimenti dai due principali rivali del cloud computing di Microsoft, Amazon e Google.

“Dal 2019, abbiamo stretto una partnership con OpenAI che ha favorito una maggiore innovazione e concorrenza nel campo dell’intelligenza artificiale, preservando al contempo l’indipendenza di entrambe le società”, ha affermato Smith.

“L’unica cosa che è cambiata è che Microsoft ora avrà un osservatore senza diritto di voto nel consiglio di amministrazione di OpenAI, il che è molto diverso da un’acquisizione come l’acquisto di DeepMind da parte di Google nel Regno Unito”, ha aggiunto. “Lavoreremo a stretto contatto con la CMA per fornire tutte le informazioni di cui ha bisogno.”

Sorcha O’Carroll, direttore senior per le fusioni presso la CMA, ha dichiarato: “L’invito a commentare è la prima parte del processo di raccolta delle informazioni della CMA e arriva prima dell’avvio di qualsiasi indagine di fase 1, che avverrebbe solo una volta che la CMA avrà ricevuto le informazioni di cui ha bisogno dalle parti del partenariato.

OpenAI non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.