Gio. Giu 20th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La Banca industriale e commerciale cinese sta cercando di ridurre al minimo le perdite dopo che un attacco ransomware alla più grande banca del paese ha interrotto il mercato dei titoli del Tesoro statunitensi, ha affermato il ministero degli Esteri cinese.

In un briefing di venerdì, il ministero ha affermato che la ICBC ha fatto un buon lavoro nel gestire l’attacco alla sua divisione di servizi finanziari.

“L’ICBC ha monitorato attentamente la questione e ha fatto del suo meglio nella risposta alle emergenze e nella comunicazione di supervisione”, ha affermato il portavoce del ministero Wang Wenbin.

Negli ultimi anni la ICBC Financial Services, con sede a New York, è diventata un attore chiave a Wall Street per l’autorizzazione del Tesoro, poiché i finanziatori cinesi si sono espansi all’estero.

È l’unico broker cinese con una licenza di compensazione di titoli negli Stati Uniti, ha affermato quest’anno la ICBC in un post su un account ufficiale sui social media in Cina. Ha creato l’attività dopo aver acquistato l’unità dei servizi di prime dealer di Fortis Securities nel 2010.

Un avviso apparso giovedì sera sul sito web dell’ICBC FS ha confermato la notizia del MagicTech secondo cui quest’ultimo avrebbe “subito un attacco ransomware che ha provocato l’interruzione di alcuni servizi” [financial services] sistemi”. L’attacco era iniziato mercoledì.

La banca stava “conducendo un’indagine approfondita e. . . proseguendo i suoi sforzi di recupero” con l’aiuto di esperti di sicurezza informatica, ha aggiunto, affermando che né la sede centrale né la filiale di New York della stessa ICBC sono state colpite.

Secondo trader e banche, l’attacco ha impedito alla ICBC FS di regolare le operazioni del Tesoro per conto di altri partecipanti al mercato. Gli hedge fund e i gestori patrimoniali hanno reindirizzato le operazioni a causa dell’interruzione e l’attacco ha avuto qualche effetto sulla liquidità del mercato del Tesoro, secondo fonti commerciali.

L’attacco informatico ha “un impatto limitato e quasi risolto”, secondo una fonte normativa cinese. L’attacco “non scatenerà a questo punto un’ulteriore revisione normativa sulla vulnerabilità dei sistemi offshore delle istituzioni finanziarie cinesi in generale”, ha detto questa persona, aggiungendo che il caso è stato segnalato all’Amministrazione nazionale cinese per la regolamentazione finanziaria (NAFR), che vigila sulle banche commerciali del paese.

Dopo che è emersa la notizia dell’attacco ransomware, i dipendenti della sede centrale della ICBC a Pechino hanno tenuto riunioni urgenti con la loro unità statunitense, secondo un membro dello staff che ha partecipato a questi incontri.

NAFR, la banca centrale cinese e l’ICBC non hanno risposto immediatamente alle richieste di commenti inviate via email. Venerdì le azioni della ICBC sono scese dello 0,5% a Hong Kong, mentre le azioni quotate a Shanghai sono rimaste stabili sui mercati continentali.

Dopo la pandemia di coronavirus gli attacchi ransomware si sono moltiplicati, in parte perché il lavoro a distanza ha reso le aziende più vulnerabili e in parte perché i gruppi criminali informatici sono diventati più organizzati.

“L’incidente dell’ICBC ricorda l’elevata posta in gioco e il ruolo essenziale di porre le persone e un cambiamento misurabile di comportamento al centro della salvaguardia delle risorse digitali di un’organizzazione”, ha affermato Oz Alashe, fondatore di CybSafe, una società britannica di sicurezza informatica e analisi dei dati.

“Con la crescente gravità, sofisticatezza e frequenza degli attacchi informatici, che spesso comportano errori umani, le aziende devono urgentemente ripensare il loro approccio alla difesa dai ransomware”, ha affermato.

Secondo la relazione semestrale del gruppo madre, alla fine di giugno 2023 la ICBC FS aveva un patrimonio totale di 24,5 miliardi di dollari e ha registrato una perdita di 11,8 milioni di dollari durante i primi sei mesi del 2023. La ICBC, nel frattempo, aveva un patrimonio totale di 43,7 trilioni di Rmb (5,9 trilioni di dollari) alla fine di giugno.