Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Secondo uno studio che mappa per la prima volta le attività non divulgate in mare, la diffusa pesca non tracciata sta ostacolando gli sforzi globali per proteggere gli stock ittici e gli ambienti marini depauperati.

Secondo una ricerca dell’organizzazione ambientalista Global Fishing Watch (GFW), circa il 75% dei pescherecci industriali del mondo non sono monitorati pubblicamente, mettendo a rischio la sicurezza alimentare, i mezzi di sussistenza e gli ecosistemi marini.

Mentre l’impronta delle industrie estrattive terrestri come l’agricoltura è tracciata quasi fino all’ultimo metro quadrato, gli oceani erano “ancora il selvaggio west”, ha affermato David Kroodsma, uno degli autori principali dello studio e direttore della ricerca e dell’innovazione della GFW.

Questa discrepanza lascia i governi e le organizzazioni che operano all’oscuro, ostacolando gli sforzi per raggiungere l’impegno globale assunto al vertice sulla biodiversità COP15 del 2022 per proteggere almeno il 30% della terra e del mare entro il 2030, ha affermato.

Lo studio della GFW, pubblicato sulla rivista Nature mercoledì, ha utilizzato le posizioni GPS di centinaia di migliaia di navi oceaniche, nonché immagini radar satellitari e intelligenza artificiale per tracciare l’attività in mare tra il 2017 e il 2021.

Si è scoperto che in un dato momento venivano rilevate in media 63.000 navi. Circa la metà erano pescherecci industriali, tre quarti dei quali erano fuori radar, compresi molti in Africa e nell’Asia meridionale.

Del resto, comprese le navi portacontainer e le petroliere, nonché le navi passeggeri e di rifornimento, un quarto non è stato rintracciato.

Kroodsma ha affermato che alcune di queste cosiddette navi fantasma non dispongono di transponder del sistema di identificazione automatica (AIS), che trasmettono la loro posizione e identità alle autorità costiere e ad altre navi. Altri hanno spento i dispositivi, spesso perché impegnati in attività illecite come la pesca non regolamentata o illegale o il lavoro forzato, ha aggiunto.

Secondo le sue stime, circa il 20% della pesca era potenzialmente non regolamentata o condotta illegalmente, “ma la verità è che non lo sappiamo perché i dati sono molto scarsi”.

Lo studio ha inoltre rilevato che la distribuzione globale della pesca industriale differisce dal modello generalmente compreso.

Secondo i dati AIS, Europa e Asia hanno livelli di attività simili in termini di ore di pesca. Ma considerando anche le navi che non effettuano trasmissioni, l’Asia rappresenta il 70% dell’attività di pesca globale, rispetto al 12% dell’Europa.

Il totale della pesca tracciata e non tracciata in Nord America e Africa rappresentava rispettivamente il 7% del totale globale, mentre in Sud America e Australia era rispettivamente del 4 e 2%.

Un’altra scoperta chiave è stata che i pescherecci non tracciati entravano abitualmente nelle aree marine protette, con una media di cinque che operano ogni settimana nella Riserva marina delle Galápagos e 20 nella Grande Barriera Corallina.

Secondo il gruppo attivista Oceana, per proteggere tali aree e salvaguardare gli stock ittici, i governi dovrebbero imporre che tutte le navi siano pubblicamente tracciabili. “Se stai pescando nell’oceano, stai pescando su una risorsa pubblica e ti dovrebbe essere richiesto di dimostrare che lo stai facendo legalmente”, ha detto l’amministratore delegato Andrew Sharpless.

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura stime, un terzo degli stock ittici mondiali sono sovrasfruttati, il che significa che i pesci vengono catturati più velocemente di quanto possano riprodursi. Anche gli habitat marini critici si stanno esaurendo, con una perdita tra il 30 e il 50% a causa delle attività umane.

Secondo GFW, l’attività di pesca è diminuita a livello globale del 12% durante la pandemia di Covid-19 e non si è ancora completamente ripresa, ma la precedente pesca eccessiva ha fatto sì che molti stock fossero comunque al limite. “Stiamo già catturando tutto il pesce che possiamo catturare”, ha detto Kroodsma.

La pesca eccessiva rappresenta un rischio non solo per gli ecosistemi marini ma anche per i 500 milioni di persone in tutto il mondo che dipendono dal settore della pesca per il proprio sostentamento, ha avvertito. Gli stock ittici sono cruciali anche per la sicurezza alimentare globale.

Le infrastrutture offshore si stanno espandendo in tutto il mondo.  Mappa globale che mostra la posizione e il numero di piattaforme petrolifere e turbine eoliche

Secondo lo studio, gli oceani si trovano ad affrontare un’ulteriore pressione man mano che aumentano le altre attività industriali nel mare. Il numero di navi portacontainer, petroliere e impianti energetici offshore è aumentato durante il periodo di ricerca, con le turbine eoliche offshore che hanno superato per la prima volta le piattaforme petrolifere, escluse le infrastrutture nel lago Maracaibo in Venezuela.

La GFW prevede che con la crescita della domanda di energia rinnovabile, i mari vedranno un maggiore sviluppo. Ciò potrebbe creare conflitti sullo spazio, che dovranno essere gestiti, ha affermato Kroodsma.

“Il quadro più ampio qui è che l’economia oceanica sta crescendo più velocemente dell’economia globale”, ha affermato, aggiungendo che lo studio aiuterebbe a evitare che ciò accada “del tutto non mappato”.