Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La raccolta fondi da parte delle società di venture capital statunitensi ha toccato il minimo degli ultimi sei anni nel 2023, un segnale inquietante per le start-up con riserve di liquidità in diminuzione e per le imprese nascenti che fanno affidamento su tale sostegno per sopravvivere.

Secondo l’analisi del fornitore di dati sui mercati privati ​​PitchBook e National Venture, i 67 miliardi di dollari raccolti dai VC statunitensi nel 2023 rappresentano il totale annuo più basso dal 2017 e rappresentano un calo del 60% rispetto ai 173 miliardi di dollari raccolti nel 2022, l’anno di punta per la raccolta fondi. Associazione Capitale.

A livello globale, nel 2023 gli investitori di venture capital hanno raccolto il livello di capitale più basso dal 2015.

Il forte calo aumenta la pressione sulle start-up, che hanno sopportato una siccità di finanziamenti negli ultimi 18 mesi. I VC sono riluttanti a versare più liquidità nelle imprese che hanno sostenuto ai vertici del mercato, mentre le valutazioni del settore tecnologico privato sono in calo.

Kyle Stanford, analista capo di VC presso PitchBook, ha dichiarato: “Il fondo sembra ancora lontano. Molte di queste aziende che sono ancora private faranno ancora fatica, vedremo molti più cicli ribassisti e difficoltà per uscire. Ci sarà molta concorrenza per i soldi a disposizione”.

I VC hanno faticato a raccogliere nuovi fondi mentre i loro stessi soci accomandanti – investitori istituzionali come fondi pensione, assicuratori, fondi universitari e fondazioni – si sono ritirati a causa dell’aumento dei tassi di interesse, che hanno reso le scommesse tecnologiche rischiose una proposta più costosa.

Un certo numero di importanti investitori di venture capital, tra cui Insight Partners e Tiger Global, hanno abbassato gli obiettivi di raccolta fondi per riflettere il contesto più difficile dello scorso anno.

Ciò a sua volta ha dato ai VC statunitensi meno capitale fresco da impiegare. L’anno scorso hanno investito un totale di 171 miliardi di dollari, secondo PitchBook e NVCA, meno della metà dell’importo speso nel 2021.

Oltre alla riduzione degli investimenti da parte dei soci accomandanti, i VC statunitensi si trovano a fronteggiare un forte rallentamento delle uscite delle start-up, come le offerte pubbliche iniziali o le acquisizioni, che sta ostacolando la loro capacità di restituire il capitale ai propri sostenitori.

Secondo PitchBook e NVCA, lo scorso anno il valore creato dall’uscita di start-up negli Stati Uniti è stato di soli 61,5 miliardi di dollari, rispetto a un picco del 2021 di 797 miliardi di dollari. In Europa, il valore di uscita delle start-up è stato inferiore a 12 miliardi di euro nel corso dell’anno, il livello più basso da un decennio.

La recessione sta aumentando la pressione sulle start-up che hanno speso l’anno scorso bruciando la liquidità raccolta nel 2021 e all’inizio del 2022. Man mano che queste aziende finiscono senza strada, i fondatori e gli investitori esistenti sono più propensi ad accettare termini più duri per i nuovi finanziamenti, secondo Peter Hébert, cofondatore del fondo di venture capital statunitense Lux Capital.

“I giorni dei cerotti e della speranza sono alle spalle e le persone stanno accettando la nuova realtà”, ha detto. «Per i nuovi finanziamenti si inizia a vedere la presenza di offerte basse. [In 2023] le persone erano imbarazzate nel sostenere quella conversazione, ora tutti stanno diventando più costruttivi”.

Questo sarà anche l’anno in cui i VC abbandoneranno gli artisti con scarsi risultati, prevede Hébert: “Sono stati due anni di ponti interni. Ora i VC dicono alle aziende: ‘Mi dispiace che siamo arrivati ​​​​il più lontano possibile.'”

Verso la fine del 2023, un piccolo gruppo di start-up, una volta valutate almeno un miliardo di dollari, ha iniziato a crollare. Tra loro c’erano la start-up di autotrasporti Convoy e la società sanitaria Olive, entrambe valutate circa 4 miliardi di dollari al loro apice. Anche la società di scooter elettrici Bird, una volta valutata 2,5 miliardi di dollari, ha dichiarato fallimento a dicembre.

Il grafico a linee del capitale totale raccolto (miliardi di dollari) mostra che la raccolta fondi di venture capital negli Stati Uniti è crollata nel 2023

Secondo PitchBook, circa una start-up su sei che ha raccolto liquidità lo scorso anno ha tagliato le proprie valutazioni. Questa mossa è tipicamente un anatema per i fondatori e gli investitori che danno priorità alla crescita sopra ogni altra cosa, ma Stanford prevede che tale proporzione aumenterà drasticamente nel 2024 quando i fondatori esauriranno altre opzioni.

Poiché le valutazioni scendono verso un livello che i nuovi investitori possono sopportare, è probabile che il volume delle transazioni aumenti, ha affermato Hébert: “Chi ha capitale è il re in questo mercato”.

Grazie agli anni eccezionali di raccolta fondi nel 2021 e nel 2022, alcune società di venture capital hanno accumulato fondi ingenti, che sono state riluttanti a investire in un mercato in declino.

Allo stesso modo, alcune start-up ricche di liquidità hanno scelto di attendere maggiori certezze prima di fare la prossima mossa. Nick Schneider, amministratore delegato della società di sicurezza informatica Arctic Wolf da 4,3 miliardi di dollari, ha dichiarato in un’intervista al MagicTech che aspetterà quanta più chiarezza possibile sulle condizioni del mercato prima di lanciare un’IPO tanto attesa.