Sab. Feb 24th, 2024

Il numero record di attacchi aerei della Russia contro l’Ucraina nel periodo di Capodanno ha evidenziato la lotta di Kiev per rafforzare la sua tecnologia di guerra elettronica volta a disturbare e deviare i droni nemici e i missili guidati.

Entrambe le parti hanno investito molto in sistemi in grado di neutralizzare reciprocamente gli eserciti di droni, ma Mosca mantiene il sopravvento poiché si era già concentrata su queste capacità prima di lanciare l’invasione su vasta scala dell’Ucraina quasi due anni fa.

Le forze ucraine stanno tuttavia cercando di recuperare terreno.

Mykola Kolesnyk, comandante di un’unità di droni ucraini, ha affermato che i duelli di guerra elettronica (EW) con le forze russe sono stati feroci e implacabili. Li ha descritti come “forbici invisibili che interrompono la connessione. . . di un dispositivo controllato a distanza”.

Ucraina e Russia utilizzano entrambe decine di migliaia di droni al mese. Entrambi quest’anno si sono rivolti sempre più a droni economici e disponibili in commercio con visione in prima persona, controllati da operatori che utilizzano una telecamera montata sulla testa.

“I russi ne hanno prodotti così tanti ultimamente che stanno diventando una minaccia enorme”, ha affermato il colonnello Ivan Pavlenko, capo della guerra elettronica e della guerra informatica presso lo stato maggiore dell’Ucraina. “Quello che sta succedendo qui, l’uso massiccio di droni, è nuovo. . . Quindi l’EW diventa sempre più importante”.

Pavlenko ha invitato gli alleati a fornire maggiori capacità in grado di “sopprimere o falsificare” il sistema di guida satellitare (GNSS) dei missili e dei droni guidati russi.

“La consegna all’Ucraina di un numero sufficiente di potenti disturbatori GNSS o almeno di amplificatori di segnale potrebbe anche aiutare a contrastare gli attacchi aerei nemici”.

Inoltre, poiché i sistemi di guerra elettronica della Russia richiedono componenti ad alta tecnologia come amplificatori, sintetizzatori e software, era importante che gli alleati occidentali imponessero sanzioni su tali componenti, ha affermato.

L’ubiquità dei droni sul campo di battaglia è una delle ragioni per cui la tanto attesa controffensiva ucraina quest’anno non è riuscita a ottenere guadagni territoriali significativi e perché la guerra terrestre è ora in gran parte statica. Qualsiasi raggruppamento di carri armati o veicoli corazzati può essere individuato e distrutto in pochi minuti.

Mykola Kolesnyk davanti a un gruppo di droni
Mykola Kolesnyk, comandante di un’unità di droni ucraini, afferma che i duelli di guerra elettronica con le forze russe sono feroci e implacabili ©Facebook

La Russia ha sempre più utilizzato la guerra elettronica per spingere fuori rotta le munizioni a guida di precisione fornite dall’Ucraina, come i razzi Himars e i proiettili di artiglieria Excalibur. Mosca ha anche utilizzato le sue capacità di guerra elettronica per imitare il lancio di missili e droni al fine di confondere le difese aeree dell’Ucraina e identificare le loro posizioni, ha detto Pavlenko.

Senza protezione EW, le truppe ucraine sono facili prede per attacchi di artiglieria guidati da droni, droni che sganciano bombe e attacchi kamikaze facendo esplodere veicoli aerei senza pilota.

Un soldato ucraino si è lamentato della mancanza di protezione elettronica per la sua unità, che è stata in gran parte annientata durante settimane di intensi bombardamenti sul fronte orientale, con i droni russi “che ci colpivano come zanzare”.

“Quale guerra radioelettronica? . . . Non ne avevamo nessuno. Non voglio nemmeno ricordare quei giorni in trincea. I nostri ragazzi cadevano come mosche”, ha aggiunto.

Il generale Valeriy Zaluzhny, comandante in capo delle forze armate ucraine, ha avvertito a novembre che l’EW è “la chiave per la vittoria nella guerra dei droni” – e per sbloccare la situazione in prima linea.

“Abbiamo anche bisogno di un maggiore accesso all’intelligence elettronica da parte dei nostri alleati, compresi i dati provenienti da risorse che raccolgono informazioni sui segnali, e di linee di produzione ampliate per i nostri sistemi EW anti-drone in Ucraina e all’estero”, ha scritto su The Economist.

I sistemi EW sono disponibili in molte forme e dimensioni, dagli array radar e dai trasmettitori-ricevitori montati su camion ai dispositivi tascabili. Entrambe le parti si sono affrettate a proteggere le truppe costruendo sistemi di guerra elettronica improvvisati, che secondo un ingegnere ucraino i volontari assemblano nei garage.

Sia la Russia che l’Ucraina hanno mantenuto forti scuole di ricerca e sviluppo per l’EW che erano state istituite in epoca sovietica, ma il governo russo ha investito molto in nuovi kit per più di un decennio.

“La guerra elettronica è una parte estremamente importante delle operazioni moderne, e i russi ne hanno avuto un vantaggio significativo durante tutta la guerra, il che si è rivelato un problema duraturo per l’Ucraina”, ha affermato Jack Watling, membro senior del Royal United Services Institute, un think tank britannico.

Secondo un rapporto di consulenza militare condiviso con il MagicTech, il sistema russo di soppressione della guida Pole-21 può essere posizionato a terra, su torri o montato su veicoli e può bloccare un’area di 150 km. Un altro è Murmansk, che utilizza vaste torri d’antenna estensibili da 32 metri montate su veicoli blindati mobili.

Sistemi di guerra elettronica russi
Sistemi di guerra elettronica russi parcheggiati durante una prova nella regione di Voronezh © Servizio Stampa/AP del Ministero della Difesa russo

“Il problema è che i russi sono in grado di schierare sistemi di guerra elettronica su gran parte del fronte, fino al livello dei plotoni in alcuni casi quando si parla di cose come Pole-21”, ha detto Watling.

Tuttavia, l’Ucraina ha periodicamente trovato punti deboli nelle difese elettriche e aeree della Russia, consentendo ai suoi droni di colpire in profondità il territorio russo per colpire basi aeree, depositi e altri obiettivi, incluso lo stesso Cremlino.

Prima di lanciare attacchi missilistici a lungo raggio sulla flotta russa del Mar Nero a Sebastopoli all’inizio di quest’anno, i commando ucraini su motoscafi hanno disabilitato i sistemi EW russi montati su piattaforme petrolifere. Il porto della Crimea era uno dei luoghi più protetti dagli EW durante la guerra.

Kiev, che inizialmente faceva affidamento su attrezzature sovietiche obsolete, afferma di aver migliorato le sue capacità di guerra elettronica grazie a sistemi prodotti internamente e forniti dagli alleati occidentali, sebbene i dettagli siano tenuti segreti.

Il sistema Bukovel ucraino, che può essere montato su veicoli, rileva i droni, blocca la trasmissione dei dati e può bloccare i sistemi di guida satellitare, incluso il Glonass russo. Lodandone l’efficacia, le truppe ucraine hanno chiesto al governo di produrre molte più unità.

Un nuovo sistema ucraino, nome in codice Pokrova, può, secondo alcuni rapporti, contrastare i missili bloccandone il sistema di guida.

Pavlenko, dello stato maggiore ucraino, ha affermato che è fondamentale che gli aerei da combattimento F-16 forniti dagli alleati occidentali, di prossima consegna, siano equipaggiati con moderni sistemi EW, aggiungendo che Kiev sta lavorando con gli alleati su questa richiesta.

Si vantava del fatto che i sistemi EW dell’Ucraina fossero stati utilizzati per catturare preziosi UAV russi come l’Orlan e avessero ingannato altri droni facendoli tornare in Russia.

Pavlenko ha affermato che l’Ucraina potrebbe essere utilizzata come laboratorio di guerra elettronica, anche se ha ammesso che alcuni eserciti occidentali sono riluttanti a condividere la tecnologia.

“Qualsiasi apparecchiatura sofisticata ad alta tecnologia dispone di un software che può essere influenzato. E questo è il futuro”, ha detto Pavlenko. “Questo approccio è più promettente, e dove è meglio testarlo se non in Ucraina?”