Gio. Mag 23rd, 2024
La TV terrestre nel Regno Unito minacciata dallo spostamento online, affermano le emittenti

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Secondo un rapporto sul futuro della TV commissionato dal governo britannico, le emittenti britanniche hanno avvertito che la televisione terrestre rischia di diventare economicamente non sostenibile poiché sempre più persone scelgono di guardare online.

Il rapporto, prodotto dall’organismo di controllo dei media Ofcom e pubblicato giovedì, ha rilevato che molte emittenti e altri gruppi industriali avevano previsto un “punto di svolta” in cui sarebbe stato impossibile supportare la TV terrestre nella sua forma attuale.

In risposta alle domande di Ofcom, questi gruppi hanno avvertito che l’aumento dei costi di distribuzione significa che, man mano che il tempo trascorso dal pubblico a guardare la TV terrestre diminuisce, diventerebbe molto meno conveniente per ogni spettatore servire coloro che rimangono su di essa.

Qualsiasi spegnimento della TV terrestre colpirebbe in particolare il pubblico più anziano e più povero, che ha meno probabilità di disporre della banda larga ad alta velocità necessaria per la prossima generazione di servizi di streaming e TV via Internet.

Ofcom ha presentato tre opzioni che potrebbero sostenere la disponibilità universale dei servizi televisivi: un servizio terrestre più efficiente ed economico; riducendolo a un servizio centrale, o “luce notturna”, dei canali principali; o procedere verso la disattivazione dei canali terrestri negli anni ’30 con il sostegno a chi ne ha bisogno.

Ofcom ha affermato che, con molte licenze di trasmissione multiplex in scadenza nel 2034, e alcune anche prima, la necessità di certezza sull’approccio futuro è “sempre più urgente”.

Molti dirigenti radiotelevisivi riconoscono che la maggior parte degli spettatori sarà probabilmente online tra 10 anni, lasciando un gruppo di spettatori incapaci o non disposti a guardare tramite la banda larga piuttosto che con un'antenna TV tradizionale.

Secondo Ofcom, circa 5,3 milioni di famiglie accedono alla TV esclusivamente tramite Internet, rispetto ai 3,9 milioni di famiglie che si affidano ai servizi televisivi tradizionali. La maggior parte delle case utilizza entrambe le opzioni, anche se l’equilibrio si sta spostando online.

Le famiglie che hanno maggiori probabilità di fare affidamento solo sulla TV terrestre includono persone anziane, meno abbienti o con disabilità, ha affermato Ofcom.

Broadcast 2040+, un gruppo che si batte per salvaguardare la TV e la radio terrestre dopo il 2040, ha dichiarato: “Senza certezza sul futuro, milioni di persone che utilizzano e fanno affidamento sui servizi di trasmissione, compresi molti dei più vulnerabili della società e coloro che non possono o non vogliono pagare per la banda larga superveloce o che non hanno competenze digitali si trovano ad affrontare la minaccia dell’esclusione televisiva”.

Tuttavia, sempre più persone stanno evitando del tutto la TV per i social media o altri servizi Internet.

Ofcom ha affermato che nel 2023 la persona media nel Regno Unito ha trascorso un quarto del tempo in meno guardando la TV quotidiana rispetto al 2018, pari a 149 minuti. L’osservatorio prevede che la visione dei canali TV programmati attraverso la TV terrestre scenderà dal 62% della visione totale dei programmi di lunga durata nel 2023 al 28% entro il 2035 e al 22% entro il 2040.

Ed Leighton, direttore della strategia e della politica dell'Ofcom, ha affermato che la televisione terrestre “si trova ad affrontare grandi sfide a lungo termine e il pubblico che fa affidamento su di essa merita una soluzione che sia sostenibile e adatta al futuro”.

In risposta alla consultazione dell'Ofcom, la BBC ha affermato di aspettarsi un “punto di svolta nei prossimi anni in cui il costo pro capite . . . non è più vitale per una o molte delle emittenti che attualmente collettivamente le rendono vitali”.

La società ha affermato che l'ascolto delle trasmissioni è già in declino tra tutti i gruppi di pubblico, e in particolare tra il pubblico più giovane. “Abbracciare e migliorare [internet TV] è l’unico modo per soddisfare tutte le esigenze e le aspettative del pubblico in termini di qualità e scelta – e per un’universalità a prova di futuro”, ha aggiunto l’emittente nazionale.

Il gruppo mediatico statunitense Paramount, proprietario di Canale 5, ha avvertito che “potrebbe arrivare un punto in cui la distribuzione dovrebbe avvenire entro un limite [terrestrial TV] per le emittenti commerciali semplicemente non è fattibile”.

In risposta alla consultazione ha affermato che il costo per spettatore deve rappresentare “un valore economico ragionevole per un'emittente di servizio pubblico commerciale” e questo “non dovrebbe compromettere la capacità di investimento di Canale 5”.