Mar. Lug 16th, 2024
Le banche centrali sono esortate a tenere il passo con l’intelligenza artificiale “game changer”.

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Secondo la Banca dei regolamenti internazionali, le banche centrali devono urgentemente “alzare la posta” per affrontare le sfide e le opportunità dell’intelligenza artificiale, poiché trasforma le economie e il sistema finanziario.

Le conclusioni della BRI, delineate in un rapporto pubblicato martedì, sottolineano la consapevolezza delle autorità finanziarie globali di dover tenere il passo con l’ondata di innovazione rilasciata dall’intelligenza artificiale generativa, compresi i grandi modelli linguistici come ChatGPT.

L'organizzazione, che gestisce servizi bancari per le banche centrali del mondo, ha effettuato diversi esperimenti utilizzando la tecnologia. L’intelligenza artificiale sarà probabilmente “un punto di svolta per molte attività e avrà un profondo impatto” sull’economia e sul sistema finanziario in generale.

“C’è un urgente bisogno che le banche centrali alzino la posta in gioco”, ha aggiunto.

“Prove recenti suggeriscono che l’intelligenza artificiale aumenta direttamente la produttività in compiti che richiedono capacità cognitive”, ha affermato la BRI. Ha citato uno studio del colosso cinese della tecnologia finanziaria Ant Group, che ha scoperto che i suoi programmatori erano il 55% più produttivi quando utilizzavano un LLM per aiutare con la programmazione.

Tuttavia, la BRI sembrava meno sicura di ciò che l’intelligenza artificiale avrebbe significato per l’inflazione, affermando che potrebbe agire come una forza deflazionistica aumentando la produttività dei lavoratori – come molti avevano previsto – ma delineando anche un futuro in cui avrebbe aumentato i prezzi aumentando la domanda.

Pur sottolineando i vantaggi per le banche centrali derivanti dallo sfruttamento dell’intelligenza artificiale nelle proprie operazioni, l’organismo con sede a Basilea ha anche segnalato diversi potenziali rischi derivanti da questa tecnologia, come il fatto che fornisca informazioni errate e la sua vulnerabilità agli attacchi hacker.

“L’intelligenza artificiale influenzerà i sistemi finanziari, nonché la produttività, i consumi, gli investimenti e i mercati del lavoro, che a loro volta hanno effetti diretti sui prezzi e sulla stabilità finanziaria”, si legge.

“Per affrontare le nuove sfide, le banche centrali devono migliorare le proprie capacità sia come osservatori informati degli effetti dei progressi tecnologici, sia come utenti della tecnologia stessa”.

Addestrata su grandi set di dati, l’intelligenza artificiale generativa è in grado di avere conversazioni umane e produrre contenuti unici.

Molte aziende hanno sfruttato la tecnologia per ottenere un vantaggio competitivo sin dalla sua comparsa lo scorso anno, anche nel settore finanziario. Ma le banche centrali sono state più caute a causa delle preoccupazioni sull’affidabilità, sui rischi legali e sulla trasparenza.

La Federal Reserve americana ha iniziato a esaminare come utilizzare l’intelligenza artificiale nelle proprie operazioni, ma i funzionari stanno procedendo con cautela e in questa fase non ne considerano l’utilizzo in alcun lavoro politico.

La Banca d'Inghilterra detto quest'anno che stava utilizzando l’intelligenza artificiale “per supportare e migliorare” le sue capacità, ad esempio nel tentativo di prevedere la crescita economica, le difficoltà del settore bancario e le crisi finanziarie.

Il MagicTech ha rivelato di recente che la Banca Centrale Europea ha iniziato a utilizzare l’intelligenza artificiale per accelerare molte delle sue attività più banali, dalla redazione di briefing e riepilogo di dati bancari alla scrittura di codici software e alla traduzione di documenti.

La BRI ha affermato che ci sono limiti alla misura in cui la tecnologia potrebbe sostituire gli esseri umani nelle banche centrali. “Sebbene possa essere in grado di eseguire compiti che richiedono capacità cognitive moderate e persino di sviluppare capacità 'emergenti', non è ancora in grado di eseguire compiti che richiedono ragionamento e giudizio logici”, ha affermato.

Ma la BRI ha identificato diverse aree in cui le banche centrali potrebbero trarre vantaggio dall’intelligenza artificiale, come i sistemi di “nowcasting” per scansionare grandi quantità di dati in tempo reale per individuare l’accumulo di rischi finanziari o per prevedere le recessioni.

Altri usi includono il rilevamento del riciclaggio di denaro. La BRI ha affermato che il suo Progetto Aurora ha testato la capacità dell’intelligenza artificiale di trovare denaro sporco nei dati sui pagamenti e ha scoperto che “i modelli di apprendimento automatico superano i tradizionali metodi basati su regole prevalenti nella maggior parte delle giurisdizioni”.

Tuttavia, ha avvertito che la tecnologia comporta anche dei rischi, come quando i modelli di intelligenza artificiale vengono danneggiati da “attacchi di avvelenamento dei dati”, rendendoli vulnerabili alla manipolazione. L’uso diffuso dell’intelligenza artificiale potrebbe portare a pregiudizi e discriminazioni, sollevare problemi di privacy dei dati e portare a una dipendenza da alcuni grandi fornitori di modelli, ha aggiunto la BRI.

Potrebbero inoltre esserci rischi per la stabilità finanziaria se un gran numero di istituti finanziari utilizzassero gli stessi algoritmi. Ciò “potrebbe amplificare la prociclicità e la volatilità del mercato esacerbando la pastorizia, l’accumulo di liquidità, le corse e le svendite”, ha affermato.