Dom. Lug 14th, 2024
Quali sono le linee di battaglia tra l’UE e le Big Tech?

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Questa settimana l'UE ha accusato Microsoft e Apple di soffocare la concorrenza, mentre Bruxelles intensifica le sue sfide legali ai più grandi gruppi tecnologici del mondo.

Martedì le autorità di regolamentazione europee hanno colpito Microsoft con accuse antitrust secondo cui il colosso del software sta ingiustamente raggruppando Teams, la sua app di videoconferenza, con la sua suite Office, il primo attacco di questo tipo contro l'azienda in più di un decennio.

Il giorno prima, la Commissione Europea, il braccio esecutivo dell'UE, aveva accusato Apple di infrangere le nuove regole 'gatekeeper' con le sue restrizioni su come gli sviluppatori di app potrebbero commercializzare le proprie app ai propri clienti all'interno del suo App Store.

Perché questi casi sono così importanti?

La spinta dell’UE per mettere in ginocchio le grandi aziende tecnologiche fa seguito ad anni di lamentele da parte di start-up e attivisti secondo cui i regolatori hanno reagito troppo lentamente a un settore in rapida evoluzione e che non avevano gli strumenti legali per perseguire comportamenti anticoncorrenziali.

La Commissione ha ora iniziato ad applicare il Digital Markets Act, un atto legislativo innovativo approvato nel 2022 volto ad aprire i mercati affinché le start-up possano prosperare nel blocco.

La DMA conferisce alla commissione poteri per la cosiddetta regolamentazione “ex-ante”, introducendo requisiti per le aziende Big Tech affinché gestiscano le loro piattaforme in modo equo o incorreranno in pesanti multe.

“I nuovi poteri stabiliscono in anticipo le regole della strada, mentre le vecchie regole affrontano retrospettivamente qualsiasi preoccupazione”, ha affermato Alec Burnside, partner dello studio legale Dechert con sede a Bruxelles.

A quali sanzioni potrebbero andare incontro le aziende?

La DMA prevede che le aziende, in caso di violazione iniziale delle regole, potrebbero incorrere in sanzioni fino al 10% delle loro entrate globali. La sanzione potrebbe essere raddoppiata al 20% per i recidivi.

Ciò si tradurrebbe in sanzioni per miliardi di euro. Il fatturato di Apple di 383 miliardi di dollari lo scorso anno potrebbe significare una sanzione fino a 40 miliardi di dollari, ad esempio, mentre le vendite di Microsoft di 212 miliardi di dollari potrebbero portare ad una potenziale multa di 20 miliardi di dollari. Tuttavia, sanzioni così ingenti si concretizzano molto raramente nella pratica.

I gruppi tecnologici hanno la possibilità di provare a risolvere casi di lunga data accettando di cambiare le loro pratiche. Apple, ad esempio, è vicina a raggiungere un accordo con l'UE su un'indagine antitrust relativa al suo sistema di pagamento mobile, hanno detto persone a conoscenza del caso.

Qual è la risposta di Big Tech?

Si prevede che le più grandi aziende del mondo si batteranno nei tribunali europei di Lussemburgo negli anni a venire, ritardando l'impatto degli sforzi di applicazione della normativa da parte di Bruxelles.

L’industria tecnologica cercherà di portare avanti la narrazione secondo cui la regolamentazione uccide l’innovazione. Ad esempio, la settimana scorsa Apple ha dichiarato che stava ritardando il lancio delle funzionalità di intelligenza artificiale sui suoi iPhone in Europa, accusando l’incertezza causata dal DMA su come potrebbe combinare i suoi vari servizi.

Chi altro c'è sulla linea di fuoco di Bruxelles?

I casi dell'UE contro Microsoft e Apple sono gli ultimi di una serie di battaglie in corso tra i regolatori e le Big Tech. Sono in corso diverse altre indagini.

L'UE ha indagato la società madre di Facebook, Meta, su come potrebbe indebolire i rivali nella pubblicità riservata. Ha anche accusato Google di abusare del proprio potere nel settore della tecnologia pubblicitaria. Entrambe queste azioni rientrano nelle tradizionali regole antitrust.

Separatamente, Bruxelles sta anche utilizzando i poteri acquisiti con le nuove regole digitali in una serie di potenziali casi.

Ha aperto un procedimento contro Alphabet per il modo in cui governa il proprio app store mobile. Sono state inoltre espresse preoccupazioni sul fatto che Google si stia “auto-preferendo” nella ricerca, inserendo i propri servizi come i risultati di acquisto prima di quelli dei rivali.

Anche Meta è oggetto di indagine ai sensi della DMA per il suo modello “paga o acconsenti”, che ha offerto agli utenti dell’UE la possibilità di pagare un abbonamento o accettare la sua politica sui dati.

I casi dimostrano che l’UE sta adottando qualunque strumento possibile per premiare l’apertura dei mercati per le start-up tecnologiche, afferma un esperto legale con sede a Bruxelles. “Gatto bianco, gatto nero, non importa finché cattura il topo”, ha detto.