Gio. Mag 23rd, 2024
Le spie cinesi si rivolgono all'Europa

Brest è un piovoso porto industriale, bagnato dall’Atlantico, che ospita la marina francese e il suo deterrente nucleare sottomarino. Negli ultimi anni è stato anche testimone di un notevole numero di matrimoni tra studentesse cinesi e marinai che lavorano nelle sue basi navali.

“Come dovremmo valutare tali relazioni?” ha chiesto un parlamentare preoccupato al capo delle forze sottomarine nucleari francesi durante un'udienza a porte chiuse presso l'Assemblea nazionale a Parigi.

Gli “Honeypots”, in cui un agente cerca di intrappolare romanticamente il proprio obiettivo, sono un punto fermo dei thriller di spionaggio audaci. Sono anche un indicatore di come le operazioni di spionaggio della Cina si siano espanse in Europa, culminando la scorsa settimana in un’ondata di arresti altamente pubblici.

Tre cittadini tedeschi sono stati arrestati perché sospettati di aver tentato di vendere tecnologia militare sensibile alla Cina. La polizia ha anche arrestato un membro dello staff di un deputato tedesco di estrema destra del Parlamento europeo, accusato di lavorare sotto copertura per la Cina. I pubblici ministeri britannici, nel frattempo, hanno accusato due uomini di presunta spionaggio a favore di Pechino, uno dei quali era un ricercatore parlamentare.

Mentre l’ammiraglio Morio de l’Isle avrebbe messo in guardia i legislatori francesi sui matrimoni di Brest nel 2019, gli attuali ed ex ufficiali dell’intelligence hanno affermato che gli ultimi incidenti erano più tipici degli sforzi di spionaggio della Cina in Europa.

In particolare, sono stati esempi, come ha affermato un funzionario, della “squisita semina” di operazioni da parte di Pechino che cercano pazientemente di coltivare l’influenza politica e modellare l’atteggiamento europeo nei confronti della Cina. Ciò è diventato sempre più importante per Pechino poiché i politici europei arrivano a vedere la Cina, e la sua relazione strategica con la Russia, come una minaccia alla sicurezza e non semplicemente come una fonte di opportunità economica.

“I cinesi stanno facendo di più [espionage]e l'intelligence occidentale sta diventando sempre più brava a individuarlo”, ha affermato Nigel Inkster, ex direttore delle operazioni del Secret Intelligence Service, l'agenzia britannica di intelligence straniera, altrimenti nota come MI6.

“A differenza degli Stati Uniti, le agenzie di intelligence cinesi lo hanno fatto [so far] stato meno attivo in Europa. Ma nel frattempo gli atteggiamenti europei hanno cominciato a irrigidirsi [towards China], possiamo aspettarci di vedere di più. . . influenzare le operazioni”.

La scorsa settimana il ministero degli Esteri cinese ha respinto l'ultima ondata di accuse di spionaggio – scoppiate subito dopo il ritorno del cancelliere tedesco Olaf Scholz da un viaggio di tre giorni in Cina, il più grande partner commerciale della Germania – come “montagna pubblicitaria”.

“L'intenzione . . . è molto evidente, il che significa screditare e reprimere la Cina e minare l’atmosfera della cooperazione Cina-UE”, ha detto il portavoce del ministero.

Con la visita del presidente Xi Jinping in Europa il mese prossimo, Pechino è più sensibile del solito riguardo alle accuse di spionaggio. “Negli ultimi anni, prima e dopo le interazioni ad alto livello tra Cina ed Europa, spesso si manifesta una nuova ondata di clamore”, ha aggiunto il portavoce.

Ma le agenzie di intelligence occidentali e gli analisti della sicurezza affermano che le attività di spionaggio cinesi, in particolare quelle guidate dal suo organismo di spionaggio civile, il Ministero della Sicurezza di Stato, erano reali. Ancora più preoccupante, ci sono segnali che potrebbero intersecarsi con le reti russe che sono penetrate negli estremi politici europei.

“Cina e Russia hanno obiettivi comuni che promuovono congiuntamente quando ciò serve ai loro interessi. Entrambi stanno cercando di indebolire la posizione dei paesi occidentali”, ha avvertito alla fine dell'anno scorso il servizio di sicurezza e intelligence finlandese.

I fucilieri francesi Marins partecipano a una cerimonia in una base sottomarina della marina vicino a Brest © Stephane Mahe/AFP/Getty Images

Fondato nel 1983, l'MSS cinese è un servizio di polizia segreta civile che gli Stati Uniti hanno descritto come una combinazione di FBI e CIA. La sua portata si estende a tutta la società cinese, con l’agenzia responsabile del controspionaggio e della sicurezza politica per il regime comunista.

È stato anche accusato di operazioni di spionaggio e influenza ad ampio raggio all’estero, insieme al furto di intelligence e tecnologia straniera.

A differenza delle sue controparti occidentali più centralizzate, secondo i funzionari occidentali, l’MSS basa alcune delle sue operazioni di spionaggio fuori dai centri provinciali concorrenti. L’ufficio di Shanghai in genere si occupa di spionaggio statunitense, mentre il Zhejiang tende a concentrarsi sull’Europa.

Negli ultimi anni un agente centrale dell’MSS in Europa, Daniel Woo, ha spinto Frank Creyelman, ex senatore belga, a influenzare le discussioni in Europa su questioni che vanno dalla repressione cinese della democrazia a Hong Kong alla persecuzione degli uiguri nello Xinjiang.

Si dice anche che Woo sia stato il contatto cinese per altri politici di estrema destra che hanno mostrato strette simpatie con la Russia, anche agendo come osservatori elettorali per i finti referendum di Mosca nell’Ucraina occupata.

“Cina e Russia stanno seguendo lo stesso schema autoritario: seminare dubbi sulla democrazia e acquisire influenza tra tutti i gruppi che sfidano le divisioni politiche esistenti, attraverso una lenta goccia d’azione”, ha affermato Dan Lomas, assistente professore di relazioni internazionali presso l’Università. di Nottingham.

“L’obiettivo è creare discordia”, ha aggiunto. “La Russia e la Cina non stanno creando i problemi; sono autocreati dalle democrazie. Piuttosto, l’approccio è quello di eliminare la crosta di questi problemi fomentando il sostegno tra i gruppi estremisti”.

Il presidente cinese Xi Jinping (a destra) accoglie il cancelliere tedesco Olaf Scholz
Gli ultimi casi di spionaggio sono scoppiati subito dopo la visita del cancelliere tedesco Olaf Scholz, a sinistra, a Pechino e poco prima che il leader cinese Xi Jinping, a destra, partisse per l’Europa © Michael Kappeler/dpa

La portata delle operazioni di spionaggio della Cina in Europa è potenzialmente vasta. Nel 2019, il servizio estero dell’UE avrebbe avvertito che c’erano circa 250 spie cinesi conosciute a Bruxelles, rispetto ai 200 agenti russi.

Più recentemente, il comitato di intelligence e sicurezza del parlamento britannico ha avvertito, alla fine dello scorso anno, che le dimensioni dell’apparato statale di intelligence cinese, “quasi certamente il più grande al mondo, con centinaia di migliaia di funzionari dell’intelligence civile”, avevano creato “una sfida per le nostre agenzie coprire”.

“La raccolta di informazioni umane in Cina è prolifica”, si legge.

Al contrario, l’MI6 britannico e la sua controparte nazionale M15 hanno uno staff complessivo di circa 9.000 persone, secondo i dati più recenti disponibili.

Inoltre, la Cina conduce estese operazioni informatiche, che oltrepassano i confini internazionali. Christopher Wray, direttore dell'FBI, aveva avvertito a gennaio che la Cina avrebbe potuto schierare hacker che superassero in numero il personale informatico della sua stessa agenzia di “almeno 50 a uno”.

Funzionari e analisti dell'intelligence hanno affermato che uno dei motivi della maggiore attenzione dell'Europa allo spionaggio cinese è stata l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia. Ciò ha ampliato l’apertura delle agenzie, che dal 2001 hanno spostato l’attenzione dalle minacce guidate dallo Stato all’antiterrorismo. Ha anche portato a una maggiore cooperazione tra agenzie.

“Lo shock dell'invasione ha portato i partner nazionali, che non sempre cooperano, ma anzi cooperano”, ha detto un funzionario occidentale. “La combinazione dei dati crea set di dati migliori e consente di stabilire più connessioni.”

Il potere economico e il peso geopolitico della Cina fanno sì che le politiche europee nei confronti della Cina rimarranno più sfumate rispetto a quelle nei confronti della Russia.

“C’è sempre un dibattito sul fatto se la Cina rappresenti una minaccia alla sicurezza o un’opportunità economica”, ha affermato Lomas. “Questo dibattito continuerà finché la Cina rimarrà una potenza economica che rispetta le regole del gioco internazionali”.

Eppure il dibattito potrebbe cambiare. Alla fine dello scorso anno, l’Italia ha formalmente rotto con l’iniziativa cinese sulle infrastrutture Belt and Road. La settimana scorsa, Bruxelles ha fatto irruzione negli uffici di Nuctech, un fornitore cinese di apparecchiature di sicurezza, con nuovi poteri anti-sovvenzioni straniere.

Allo stesso tempo, man mano che le agenzie di intelligence europee collaborano di più, le reti di spionaggio cinesi e russe potrebbero tacitamente fare lo stesso.

Adam Ni, editore della newsletter China Neican, ha affermato che i gruppi di estrema destra europei potrebbero fornire un terreno fertile. Mentre molti gruppi europei non lavorerebbero per spie straniere, alcuni potrebbero cooperare volentieri con Mosca e Pechino.

“Vogliono emulare alcuni aspetti del modello di Russia e Cina”, ha detto Ni. “C’è la tendenza a . . . d’accordo con loro su una gamma sempre più ampia di argomenti”.

Filip Jirouš, analista di intelligence presso il think tank Jamestown Foundation con sede a Washington, è d'accordo e ha indicato figure specifiche come Ladislav Zemánek, uno studioso e politico ceco di estrema destra che è elencato come collaboratore del Valdai Club sponsorizzato dal Cremlino e è soggetto a sanzioni in Ucraina.

Zemánek scrive per l'Istituto China-CEE con sede a Budapest, gestito dall'Istituto di studi europei dell'Accademia cinese delle scienze sociali con sede a Pechino. Il direttore dell’istituto e capo del China-CEE è Feng Zhongping, ex figura senior del China Institutes of Contemporary International Relations, un think tank che gli studiosi occidentali ritengono sia una copertura MSS.

Poiché Cina e Russia, ha scritto di recente Jirouš, “continuano ad allinearsi, è più probabile che i singoli cooptati lavoreranno per entrambi gli stati autoritari. E man mano che i movimenti di estrema destra diventano più mainstream – e i partiti politici tradizionali diventano più di estrema destra – aumenta il rischio della RPC [People’s Republic of China] l’intelligence che influenza la politica europea attraverso le reti coltivate dalla Russia continuerà ad aumentare”.

Contattati dal MagicTech, i rappresentanti della CASS hanno affermato che il China-CEE Institute non si è impegnato in attività politiche, ha perseguito opinioni accademiche obiettive e indipendenti e ha rispettato la legge ungherese e dell'UE.

La CASS non aveva alcuna affiliazione con l'MSS o con le attività di influenza sociale del “Fronte Unito” cinese, hanno detto, e Feng ha lasciato il CICIR diversi anni fa. Hanno detto che Zemánek era solo un collaboratore occasionale.

Zemánek, interpellato dal FT, ha dichiarato: “Lo spirito del maccartismo è stato rianimato, i nostri diritti fondamentali sono sotto attacco”.

Ha detto che i giornalisti dovrebbero “concentrarsi sull’investigazione dell’influenza degli Stati Uniti sull’Europa e sulla loro interferenza nei nostri affari piuttosto che aiutare gli americani a creare divisioni tra i paesi”.