Dom. Lug 14th, 2024
L’Europa ridefinisce coraggiosamente la sicurezza per una nuova era di minacce

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Nonostante tutto il clamore suscitato da un’impennata dell’estrema destra alle elezioni del Parlamento europeo, il risultato è a favore della riconferma della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che è una centrista. Questa prospettiva continuerebbe la sua spinta verso un’Europa “geopolitica”, che dovrebbe rallegrare l’Ucraina, la NATO e tutti i sostenitori di un’Europa più attiva e influente negli affari globali. Ma il concetto dell’Europa come attore geopolitico dell’UE include una visione delle minacce alla Terra stessa e alle nazioni che la abitano, e una comprensione più ampia del potere necessario per affrontarle.

Potere è la nuova parola d’ordine dell’UE. Intervenendo il mese scorso ad una conferenza dell'Istituto Universitario Europeo, Josep Borrell, responsabile della politica estera dell'UE, annunciato che l’UE deve “imparare a usare il linguaggio del potere” ed essere più assertiva nel mondo. UN rapporto pubblicato dal Conclave europeo a marzo concorda: “L’Unione europea deve osare affermarsi come una potenza globale, sostenibile e responsabile e non solo come un partecipante diviso tra altre potenze”.

Ma che tipo di potere? Nonostante tutta l’enfasi posta sullo sviluppo della capacità di difesa – l’emissione di un Strategia industriale europea della difesa e un’esplosione di investimenti di capitale di rischio nelle start-up europee della difesa: è improbabile che l’UE possa replicare il complesso militare-industriale degli Stati Uniti. La tecnologia e la ricerca militare americana si sono riversate nel settore civile, e la creazione di Internet ne è il primo esempio. In Europa è probabile che le frecce puntino nella direzione opposta, con un complesso ambientale-industriale, che comprende i settori dell’energia, della salute e dei materiali, che si riverserà in una nuova generazione di armi.

Consideriamo la recente dichiarazione congiunta del presidente francese Emmanuel Macron e del cancelliere tedesco Olaf Scholz sul “rafforzamento della sovranità europea”. Si concentrano sulla competitività, costruendo le basi per la leadership industriale e tecnologica globale. Invece di un continente irto di armi, riaffermano l’ambizione di rendere l’UE il “primo continente a impatto climatico zero”.

La Russia rappresenta la più grande minaccia alla libertà dell’Europa, poiché ha dimostrato ancora una volta di essere disposta a impugnare le armi per conquistare territorio. Eppure il cambiamento climatico rappresenta una minaccia esistenziale per la vita e gli stili di vita più grave di Russia, Cina, Iran, Corea del Nord o di tutte e quattro queste nazioni messe insieme. Allo stesso modo, un’altra pandemia potrebbe spazzare via milioni di persone e sconvolgere nuovamente l’economia globale. L’Europa si trova ad affrontare anche minacce transnazionali come la sicurezza alimentare ed energetica e il terrorismo che si prospettano nel 2022 Strategia di sicurezza nazionale degli Stati Uniti si identifica come situato al “centro stesso della sicurezza nazionale e internazionale”.

La risposta tedesca a questo insieme molto più complesso di minacce è il concetto di “sicurezza integrata”, definito nell’art Strategia di sicurezza nazionale tedesca in tre dimensioni: “protezione dalla guerra e dalla violenza”; “la libertà di poter modellare le nostre vite, la nostra democrazia come vogliamo”; e “concentrarsi sui bisogni di sicurezza individuali delle persone”, utilizzando i diritti delle donne e dei gruppi vulnerabili come barometro sociale.

Sullo sfondo di questa ridefinizione coraggiosa e lungimirante di ciò che significa e richiede la sicurezza nazionale, le prescrizioni di Macron e Scholz su come l’UE può diventare una potenza ambientale e tecnologica, “rendendo il Green Deal e la transizione digitale un successo”, posizionano l’UE militarmente che economicamente. Un Green Deal completo metterà fine alla dipendenza dell’UE dall’energia russa, costruendo al contempo nuove relazioni commerciali e diplomatiche con i paesi dell’Africa e del Medio Oriente. Una transizione digitale che costruisca un settore tecnologico attorno a “intelligenza artificiale, tecnologie quantistiche, spazio, 5G/6G, biotecnologie, tecnologie a impatto zero, mobilità e prodotti chimici” darà all’Europa la prosperità e il dinamismo necessari per fornire burro E armi per tutta la sua gente.

I titani americani della tecnologia probabilmente scherniranno. Si noti, tuttavia, che gli ostacoli all'aumento della competitività e dello sviluppo tecnologico sono meno l'assenza di fondi che la continua presenza di barriere commerciali e finanziarie nazionali. L'UE semplicemente non è un mercato unico quando si tratta di approvvigionamento militare o sviluppo tecnologico, né ha ancora raggiunto un mercato dei capitali unificato e un'unione fiscale. Rimuovere queste barriere sarà difficile, ma più facile che mobilitare miliardi in nuovi finanziamenti. Anche ora, l'Europa è leader o competitiva a livello globale nelle applicazioni quantistiche, nelle tecnologie 5G/6G e nelle tecnologie net zero.

Gli Stati Uniti e la Cina sono grandi potenze economiche e militari. L’UE sta tracciando il percorso per diventare la prima potenza di sicurezza integrata al mondo, capace allo stesso modo di proteggersi dalle minacce esistenziali militari e non militari.