Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

I semiconduttori realizzati da Mobileye aiutano i veicoli a percepire cosa c’è lungo la strada e dietro l’angolo. Se solo esistesse una tecnologia del genere per il dipartimento di pianificazione strategica dell’azienda.

Giovedì, Mobileye ha affermato che i ricavi del primo trimestre 2024 sarebbero stati solo la metà di quelli realizzati un anno fa. L’azienda israeliana ha attribuito il deficit allo stoccaggio di chip da parte dei suoi clienti produttori di automobili.

Nel 2020 e nel 2021, le case automobilistiche non sono riuscite a procurarsi abbastanza chip per soddisfare la domanda dei consumatori. Gli anni successivi hanno comportato un complesso atto di bilanciamento per allineare l’offerta e la domanda dei componenti, e poi delle stesse automobili finali. Le azioni Mobileye sono crollate di oltre un quarto dopo l’avvertimento di giovedì; è stato colpito anche il settore più ampio dei semiconduttori.

Il prodotto principale di Mobileye è noto come system-on-a-chip (SoC). Nel 2015 ne ha spediti 4,4 milioni. Nel 2019 erano aumentati di 17,5 milioni. Nel 2023, le spedizioni di SoC raggiungeranno i 37 milioni.

Mobileye ora afferma che i clienti hanno dai 6 ai 7 milioni di unità in eccesso. I wafer erano stati accumulati in risposta alle difficoltà nel reperire i materiali negli ultimi anni. Il ripristino è sufficientemente netto da trasformare i profitti del primo trimestre in una perdita e si prevede che le spedizioni complessive di SoC si attesteranno attorno ai 30 milioni.

La società ha affermato che l’equilibrio verrà ripristinato entro la fine dell’anno. Ma tale tumulto è costoso in settori noti per l’elevata intensità di capitale e la complessità della produzione. Il valore azionario di Mobileye è sceso di 8 miliardi di dollari, anche se le sue azioni a poco meno di 30 dollari rimangono al di sopra del prezzo di quotazione del 2022 di 21 dollari al pezzo.

I produttori non vogliono mai essere lasciati a corto di risorse nel soddisfare la preziosa domanda dei clienti. Le case automobilistiche hanno corso il rischio di accumulare scorte a fronte dei prezzi elevati dei componenti. Fornitori come Mobileye hanno seguito l’esempio producendo in eccesso anche se la domanda di auto nuove ha iniziato a indebolirsi a fronte dei prezzi elevati degli adesivi sui piazzali.

La resa dei conti ora sarà costosa poiché la capacità dovrà essere inutilizzata. Forse la prossima volta gli strumenti di percezione nella suite aziendale saranno messi a punto in modo più preciso.