Ven. Mar 1st, 2024

L’industria dei semiconduttori ha iniziato l’anno con una crescente fiducia di essersi lasciata alle spalle l’ultima recessione ciclica nel 2023, mentre gli analisti salutano un “punto di svolta” per il mercato da 600 miliardi di dollari.

Ma dietro le previsioni di una ripresa a due cifre nella spesa per chip quest’anno c’è l’incertezza su quanto sarà ampio questo rimbalzo, poiché la crescente domanda per i processori costosi progettati per l’intelligenza artificiale è compensata da una prospettiva più contenuta in altre parti del mondo. il settore tecnologico.

Gli ultimi dati della Semiconductor Industry Association con sede negli Stati Uniti, che rappresenta la maggior parte dei produttori di chip a livello mondiale, mostrano che le vendite mondiali sono salite a 48 miliardi di dollari a novembre, aumentando sia su base annuale che trimestrale per la prima volta in più di un anno. Le vendite mensili hanno raggiunto il picco superiore a 50 miliardi di dollari durante la prima metà del 2022.

John Neuffer, amministratore delegato di SIA, ha affermato che i dati sono “un’indicazione che il mercato globale dei chip sta continuando a rafforzarsi” dopo che la sua unità World Semiconductor Trade Statistics ha previsto una “vigorosa ripresa” nel 2024, con ricavi globali in aumento del 13% a 588 dollari. miliardo.

Tuttavia, Malcolm Penn, fondatore della società di consulenza sui chip Future Horizons, ha affermato che i dati sulla crescita dei ricavi – misurati rispetto a un anno negativo per il settore – non sono stati accompagnati da un aumento delle spedizioni unitarie.

“È molto difficile prevedere come si potrà ottenere una crescita unitaria fino alla seconda metà del 2024”, ha affermato. “Questo non è l’inizio della prossima ripresa: abbiamo ancora molta strada da fare prima di iniziare la fase di carenza del ciclo”.

Da decenni l’industria dei chip oscilla tra carenze ed eccedenze. L’ultima recessione è iniziata nell’estate del 2022, con il settore che ha superato i problemi di approvvigionamento esacerbati dalla pandemia di Covid-19 proprio mentre la spesa dei clienti – sia dei consumatori su PC o smartphone sia dei fornitori di servizi cloud su nuovi server e switch – ha iniziato a sentire il colpo. dell’inflazione.

Penn ha affermato che il settore “ha toccato il fondo” più rapidamente rispetto ai cicli precedenti, in meno di un anno. Ma la velocità della ripresa rimane in discussione in un momento in cui la spesa dilagante da parte dei fornitori di servizi cloud è controbilanciata da una maggiore cautela da parte di consumatori e imprese.

L’eccezione è rappresentata dagli investimenti nell’intelligenza artificiale. Una manciata di ricche società cloud e Internet di consumo hanno acquistato chip ad alte prestazioni mentre l’intelligenza artificiale generativa è decollata sulla scia del successo di ChatGPT.

“In generale, siamo decisamente a un punto di svolta”, ha affermato Geoff Blaber, analista di CCS Insight. “Ma dobbiamo essere realistici: se non fosse per la forza del calcolo ad alte prestazioni, non parleremmo così positivamente di una svolta nel settore dei semiconduttori.”

Taiwan Semiconductor Manufacturing Company, il più grande produttore di chip al mondo, questa settimana ha riportato vendite nel quarto trimestre che sono rimaste stabili rispetto all’anno precedente, ma hanno superato le aspettative degli analisti di un calo. TSMC ha beneficiato della sua posizione di fornitore di riferimento per i chip più avanzati per aziende come Apple e Nvidia, che sono disposte a pagare di più per ottenere un vantaggio competitivo nei prodotti per i quali i loro stessi clienti sono disposti a sborsare.

Anche se le vendite di iPhone di Apple sono state sotto pressione, insieme al resto del mercato degli smartphone, i clienti di Nvidia si sono messi in fila per acquistare i suoi potenti processori AI. Sta appena iniziando a mettersi al passo con la domanda.

I dirigenti di Nvidia, il cui valore delle azioni è triplicato nel corso del 2023, hanno dichiarato questa settimana al Consumer Electronics Show di Las Vegas che si aspettano che una domanda sostenuta promuova un’ulteriore crescita delle vendite nel 2024 e nel 2025.

“L’adozione dell’intelligenza artificiale da parte del mercato è solo nelle fasi iniziali”, ha affermato Colette Kress, direttore finanziario di Nvidia, in un’intervista con gli analisti di JPMorgan al CES. “Sì, possiamo crescere mentre entriamo nel calendario 2025.”

Questa fiducia ha fatto eco ai commenti di metà dicembre del capo di Micron, il produttore di memorie con sede negli Stati Uniti che è spesso visto come un indicatore di semiconduttori perché in genere pubblica i suoi utili un mese prima rispetto ad altri nel settore. Il mercato delle memorie è stato colpito particolarmente duramente dall’ultima flessione del settore, ma gli analisti di HSBC prevedono ora una crescita del 59% su base annua nel 2024.

Sanjay Mehrotra, amministratore delegato di Micron,
Sanjay Mehrotra, amministratore delegato, afferma che Micron prevede che i suoi prezzi continueranno a rafforzarsi nel corso del 2024 ©Reuters

“Il miglioramento del contesto domanda-offerta nell’attuale trimestre solare ci dà ulteriore fiducia nella traiettoria della nostra attività”, ha affermato il mese scorso Sanjay Mehrotra, amministratore delegato di Micron, indicando “una forte inflessione nei prezzi del settore in questo trimestre solare”.

“Ci aspettiamo che i nostri prezzi continuino a rafforzarsi nel corso del calendario 2024”, ha aggiunto.

I ricercatori della società di consulenza taiwanese TrendForce prevedono che quest’anno i prezzi medi di vendita dei chip di memoria Dram utilizzati negli smartphone e altri dispositivi aumenteranno tra il 18% e il 23%. Nel quarto trimestre sono aumentati tra il 13% e il 18%.

Durante un anno di eccesso di offerta tra il 2022 e il 2023, i produttori coreani di chip di memoria SK Hynix e Samsung hanno entrambi tagliato la produzione poiché hanno subito perdite multimiliardarie.

Ma ora Kwak Noh-Jung, amministratore delegato di SK Hynix, che ha aperto la strada allo sviluppo dei cosiddetti chip di memoria a larghezza di banda elevata utilizzati nei server AI, sta mostrando una nota più ottimista. Ha affermato che il produttore di chip di memoria sudcoreano punta a raddoppiare la sua capitalizzazione di mercato nei prossimi tre anni, cercando di sfruttare la domanda di componenti nei sistemi necessari per addestrare i sistemi di intelligenza artificiale.

Kwak ha detto ai giornalisti al CES che “stiamo considerando un cambiamento nella nostra strategia di taglio della produzione nel primo trimestre” a causa di “segnali di miglioramento nel mercato delle Dram”.

Samsung, che produce sia chip logici che di memoria, questo mese ha riportato il minor calo dei profitti su base annua in cinque trimestri.

I prezzi delle azioni di alcuni dei più grandi produttori di chip del mondo, tra cui Intel, AMD e Nvidia, hanno generato grandi guadagni nel corso del 2023 poiché gli investitori hanno anticipato la svolta del ciclo.

“Modelliamo l’accelerazione del ciclo dei semiconduttori fino al 2024 per raggiungere il picco [the first half of] 2025, con conseguente [roughly] Una crescita del 20% quest’anno e una crescita prossima al 2025”, hanno affermato gli analisti di Jefferies in una recente nota ai clienti.

Ma in un momento in cui i volumi unitari languiscono, un aumento dei prezzi medi di vendita è stato il fattore decisivo per il ritorno alla crescita dei ricavi, ha affermato Penn di Future Horizons. “Ciò che non è chiaro al momento è il motivo per cui la crescita dell’ASP è così forte”, ha affermato. Sebbene Nvidia possa addebitare decine di migliaia di dollari per i suoi sistemi di intelligenza artificiale, vendono in volumi relativamente piccoli.

“L’intelligenza artificiale non è uno smartphone e questo è il problema”, ha affermato. “Non sono grandi numeri nello schema generale delle cose.”