Mar. Mar 5th, 2024

La tecnologia sta iniziando a sfidare la supremazia del giudizio umano nel misurare l’impatto della ricerca e dell’insegnamento degli accademici delle business school sulla sostenibilità.

Il valore degli articoli accademici è spesso misurato dal prestigio percepito della rivista in cui è pubblicato il lavoro. Ma i modelli di intelligenza artificiale stanno iniziando a essere utilizzati per portare alla luce e segnalare una gamma più ampia di articoli tra le molte migliaia di articoli pubblicati ogni anno.

I principali fornitori commerciali di statistiche sull’editoria accademica – Web of Science e Scopus – così come i ricercatori della St Joseph’s University e altrove, hanno, negli ultimi anni, sviluppato metodi per determinare automaticamente la rilevanza degli articoli di giornale rispetto agli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite.

Allo stesso modo, Wilfred Mijnhardt, direttore politico dell’ Rotterdam School of Management presso l’Università Erasmusha creato una serie di strumenti basati sull’apprendimento automatico per valutare gli articoli accademici in base alla loro relazione con gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Questo esercizio mostra che l’intelligenza artificiale potrebbe essere utile per individuare documenti che altrimenti verrebbero trascurati, sebbene commetta ancora errori basilari, come segnalare documenti che includono la parola “clima” anche se non correlati alla sostenibilità.

“L’apprendimento automatico è come un bambino”, afferma Mijnhardt. “Ma sta crescendo molto più velocemente degli esseri umani.”

In collaborazione con il FT, ha applicato la sua analisi a due serie di pubblicazioni: l’elenco FT50 delle migliori riviste e l’elenco più lungo della Chartered Association of Business Schools delle migliori riviste A e A*. Entrambe le liste sono redatte su consiglio dei migliori accademici.

Si discute su quanto ampia sia la rete tra le riviste accademiche. Alcuni sostengono che si dovrebbe scegliere un’ampia gamma per includere lavori emergenti, interdisciplinari o trascurati, nonché ricerche provenienti dall’esterno del mondo occidentale e anglofono.

Un approccio alternativo è quello di concentrarsi sulle riviste più prestigiose e rigorose, che godono del massimo rispetto all’interno delle business school, spingendo questo gruppo d’élite a prestare maggiore attenzione alle nuove tendenze e intuizioni sulla sostenibilità.

Utilizzando l’elenco più piccolo di riviste FT50 come proxy per questo secondo approccio e concentrandosi sugli articoli pubblicati a partire dal 2020 pertinenti all’SDG sul cambiamento climatico, il software di Mijnhardt ha selezionato: Impegno aziendale nei confronti del cambiamento climatico: gli effetti dell’ecoinnovazione e della governance climaticada autori delle business school di Portsmouth, Newcastle e Henley.

Dall’articolo emerge che le aziende britanniche citate con comitati ambientali, incentivi climatici e reporting sulla sostenibilità hanno un maggiore impegno nei confronti del cambiamento climatico e sono in grado di realizzare una maggiore “ecoinnovazione”.

Un altro articolo di alto livello ha esplorato come bilanciare le considerazioni sulla sostenibilità con interventi umanitari urgenti ma inquinanti, come la produzione di siringhe per vaccinazioni e bottiglie di plastica per l’acqua.

Ma il software segnalava anche articoli irrilevanti, incluso uno sull’imprenditorialità che conteneva la frase “cambiamenti ambientali – siano essi tecnologici, normativi, demografici, socioculturali o altro”.

L’applicazione del software di Mijnhardt all’elenco CABS più lungo di riviste accademiche ha prodotto ulteriori documenti, come articoli sugli effetti del cambiamento climatico sui ricoveri ospedalieri nelle comunità Inuit e sull’assistenza sanitaria materna nelle zone rurali del Bangladesh. Alcuni hanno erroneamente identificato gli autori come affiliati a una business school, o hanno saltato su termini come “clima socio-economico”.

Un altro approccio più semplice per valutare l’impatto della ricerca degli accademici delle business school consiste nel contare il numero di download da un database popolare. Il Social Science Research Network, ad uso gratuito, ospita il caricamento di articoli da parte di ricercatori, prima che vengano pubblicati su riviste accademiche.

Collaborando con il FT, SSRN ha identificato i documenti di ricerca delle business school più popolari scaricati dagli utenti in posizioni di influenza, tra cui banche commerciali e centrali, regolatori e agenzie governative locali e nazionali.

In cima alla classifica c’era un documento su “Emissione e progettazione di prestiti legati alla sostenibilità”, redatto da accademici di Harvard e dell’Università del Texas a Dallas. È emerso che il prezzo di tali prestiti era solitamente basato su obiettivi deboli che non si collegavano alle condizioni ESG più rilevanti per il mutuatario, quindi era improbabile che i prestiti portassero miglioramenti in termini di sostenibilità.

Il successivo più popolare è stato “Gli investitori possono salvare il pianeta?” da due scuole del Regno Unito, che hanno concluso che le strategie approvate dalla Net Zero Asset Managers Initiative che hanno maggiori probabilità di essere adottate sono anche quelle che hanno meno probabilità di contribuire in modo significativo alla lotta al cambiamento climatico.

Questi esercizi mostrano il potenziale, ma anche i limiti, della tecnologia per aiutare nell’analisi e nella selezione della ricerca accademica.

Un’altra potenziale applicazione della tecnologia non è nella ricerca ma nell’insegnamento, monitorando l’entità e il contenuto dei corsi forniti dalle business school e le specializzazioni di coloro che li insegnano.

Coursesalytics, una società di consulenza per la formazione manageriale digitale, ha intervistato 120 professori, esaminato 14.000 articoli e analizzato i programmi di 168 programmi per dirigenti e laureati legati ai criteri ESG insegnati nelle business school e nelle università dal 2020, utilizzando il web scraping e l’esame accurato.

Si è concluso che si sono concentrati principalmente sulla governance aziendale, sulle pratiche commerciali responsabili e sull’agenda verde. I partecipanti hanno affermato che la sostenibilità ambientale, la governance aziendale e l’impatto sociale avranno la massima priorità nei prossimi due anni.

“In generale, la formazione ESG non riesce ancora a cogliere appieno la domanda delle imprese”, afferma Ilya Breyman, amministratore delegato di Coursesalytics.

L’apprendimento automatico e un supporto e parametri digitali più basilari offrono un potenziale crescente per valutare e mobilitare il settore. Ma, per ora, il giudizio qualitativo umano rimane essenziale per valutare la ricerca e l’insegnamento più significativi e preziosi.