Ven. Giu 14th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Lo sconvolgimento che ha colpito venerdì i vertici della società pionieristica di intelligenza artificiale OpenAI ha portato qualcosa che, solo un giorno prima, sarebbe stato difficile da immaginare. La leadership nell’intelligenza artificiale generativa, l’innovazione più importante del settore tecnologico da anni, è stata improvvisamente messa in discussione – e ora sembra probabile una corsa mentre si formano nuove alleanze attorno ad alcuni dei nomi più importanti del settore dell’intelligenza artificiale.

La società con sede a San Francisco dietro ChatGPT ha scioccato il mondo della tecnologia con l’improvviso annuncio di aver costretto a lasciare l’amministratore delegato Sam Altman, che era diventato il volto pubblico dell’intelligenza artificiale dal lancio del chatbot basato sull’intelligenza artificiale quasi un anno fa.

OpenAI ha affermato che Altman non è stato “costantemente sincero nelle sue comunicazioni con il consiglio”, ma non ha fornito ulteriori dettagli.

Microsoft, la cui stretta collaborazione con OpenAI ha portato la tecnologia alla base di ChatGPT a essere incorporata in alcuni dei prodotti software più utilizzati, si è mossa rapidamente per cercare di proteggere il proprio investimento di oltre 11 miliardi di dollari nell’azienda. Il CEO Satya Nadella ha insistito sul fatto che tutto andava come al solito, con Microsoft che continuava ad avere pieno accesso a tutta la tecnologia di OpenAI e nessuna modifica all’accordo a lungo termine tra le due società.

Tuttavia, ulteriori allontanamenti di alto livello dalla società pionieristica dell’intelligenza artificiale nel corso della giornata, insieme a segnali di uno scisma nel consiglio di amministrazione e nella leadership senior di OpenAI, hanno minacciato maggiori sconvolgimenti. E venerdì sera, un certo numero di dirigenti tecnologici e finanziatori senior avevano pubblicamente offerto il loro sostegno ai dirigenti di OpenAI in partenza, aumentando la prospettiva di un’impresa rivale nel campo dell’intelligenza artificiale e di ulteriori allontanamenti da OpenAI.

L’improvvisa sollevazione di venerdì ha colto di sorpresa Microsoft e altri investitori di OpenAI, così come lo stesso Altman. Solo il giorno prima, il capo di OpenAI era salito sul palco di un incontro di leader politici asiatici a San Francisco per discutere di intelligenza artificiale. E meno di due settimane fa, ha presentato i suoi piani aziendali più ambiziosi per portare la tecnologia di OpenAI nel mainstream, incluso il lancio di un negozio online per una nuova classe di chatbot personalizzati che un giorno potrebbero rappresentare una sfida per l’App Store di Apple.

Microsoft ha scoperto che Altman era stato costretto a lasciare l’azienda solo “pochi minuti” prima che la notizia fosse trasmessa al mondo, secondo una persona a conoscenza della situazione. Anche allora, non sono state fornite più informazioni di quelle rilasciate pubblicamente da OpenAI, anche se i suoi giganteschi investimenti e la stretta partnership tecnologica hanno fatto molto per plasmare la nuova era dell’intelligenza artificiale generativa.

OpenAI aveva detto all’inizio della giornata che il co-fondatore e presidente Greg Brockman si sarebbe dimesso dal suo altro ruolo di presidente, ma avrebbe continuato a lavorare presso l’azienda. Meno di quattro ore dopo, però, Brockman scrisse su X che anche lui se n’era andato. Ha inoltre affermato che il consiglio di amministrazione aveva licenziato Altman, senza preavviso, in una riunione video avvenuta solo 30 minuti prima che la decisione fosse annunciata pubblicamente.

La coppia ha utilizzato i post su X per ringraziare i sostenitori del settore tecnologico che li avevano sostenuti pubblicamente e accennare a nuove iniziative, anche se nessuno dei due ha spiegato il motivo per cui il consiglio si era mosso contro Altman. “Cose più grandi arriveranno presto”, ha scritto Brockman.

Lo sconvolgimento ha lasciato Ilya Sutskever, capo scienziato di OpenAI, come unico membro rimasto del gruppo fondatore che ha creato la società di intelligenza artificiale otto anni fa. L’idea di OpenAI è nata durante una riunione nell’appartamento di Brockman, e i principali sostenitori del gruppo fin dall’inizio sono stati Altman, che in seguito divenne anche amministratore delegato, ed Elon Musk, che si dimise dopo una rissa per il controllo dell’azienda. Secondo Brockman, Sutskever, insieme ai tre direttori non esecutivi di OpenAI, aveva preso l’iniziativa di cacciare Altman.

Un certo numero di figure di spicco della Silicon Valley si sono rapidamente allineate con i fondatori di OpenAI estromessi, con dirigenti tecnologici tra cui Brian Chesky di Airbnb che hanno espresso il loro sostegno.

Eric Schmidt, l’ex CEO di Google che è diventato uno dei principali sostenitori dell’ultima generazione di start-up basate sull’intelligenza artificiale, si è rivolto a X per elogiare Altman per aver costruito un’azienda “da zero a 90 miliardi di dollari di valore”, aggiungendo: “Non posso aspetta di vedere cosa farà dopo.

Alfred Lin, partner della società di venture capital Sequoia, che ha una piccola partecipazione in OpenAI, ha accennato in modo ancora più forte all’interesse di Altman e Brockman a sostenere eventuali future start-up, dicendo della coppia: “Attendiamo con ansia il prossimo mondo -cambiare le aziende che @sama E @gdb costruire.”

Altman “probabilmente rimane una forza determinante nei mercati del software e dell’intelligenza artificiale”, ha affermato Fred Havemayer, analista di Macquarie. A seconda delle precise circostanze che hanno portato alla scissione, altri dipendenti di OpenAI potrebbero seguirlo, ha scritto in una nota agli investitori.

Per Microsoft, nel frattempo, l’improvviso fallimento ai vertici di OpenAI ha lasciato dubbi su un’alleanza che fino a venerdì le aveva portato un chiaro vantaggio sul resto dell’industria del software.

Gli analisti del software hanno affermato che le conseguenze di OpenAI non avrebbero causato alcuna interruzione immediata dei prodotti o dei servizi di Microsoft, dal momento che il suo accordo con OpenAI gli garantiva l’uso dei modelli della società di intelligenza artificiale. Le azioni di Microsoft sono crollate del 2% dopo la notizia della partenza di Altman.

Ma la dipendenza di Microsoft dai suoi stretti legami con OpenAI potrebbe ancora rivelarsi un problema nelle “guerre dell’intelligenza artificiale” scoppiate tra le più grandi aziende tecnologiche, secondo Matt McIlwain, partner della società di venture capital Madrona di Seattle. Mentre Microsoft dipende fortemente da una società, la rivale Amazon Web Services ha distribuito le sue scommesse tra una serie di società di intelligenza artificiale, ha aggiunto.

“Penso che questo crei una finestra per AWS”, ha detto McIlwain.