Lun. Giu 17th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

La società statunitense di chip Vishay Intertechnology ha accettato di acquistare Newport Wafer Fab per 177 milioni di dollari dalla società cinese Nexperia, tracciando una linea dopo anni di incertezza sul destino della più grande società di chip del Regno Unito.

Il governo britannico ha deciso di bloccare la vendita di Newport Wafer Fab a Nexperia, di proprietà della cinese Wingtech Technology, per motivi di sicurezza nazionale lo scorso novembre, dopo mesi di dispute che avevano lasciato il più grande produttore di chip britannico nel limbo.

Toni Versluijs, country manager di Nexperia UK, ha affermato che Nexperia “avrebbe preferito continuare la strategia a lungo termine implementata quando ha acquisito la fabbrica affamata di investimenti nel 2021 e ha previsto massicci investimenti in attrezzature e personale”.

Ma, ha detto, “questi piani di investimento sono stati interrotti dall’inaspettato e illecito ordine di disinvestimento emesso dal governo britannico nel novembre 2022”, aggiungendo che Nexperia è stata costretta a ridurre il personale dello stabilimento da 100 a circa 350.

Vishay Technology, con sede in Pennsylvania, che ha una capitalizzazione di mercato di 3,2 miliardi di dollari e vende semiconduttori e componenti elettronici in Asia, Europa e nelle Americhe, ha dichiarato di voler spendere 1,2 miliardi di dollari per aumentare la propria presenza globale nei prossimi tre anni.

Joel Smejkal, presidente e amministratore delegato di Vishay, ha affermato che l’acquisizione sarebbe “strumentale” al suo obiettivo di espandere la capacità e “garantirebbe anche che la struttura diventi una fabbrica pienamente operativa e redditizia”.

Nexperia ha acquistato Newport Wafer Fab per circa 60 milioni di sterline (74 milioni di dollari) nel 2021, dopo aver posseduto in precedenza il 14% della società. Non ha rivelato quanti profitti aveva ricavato dal suo investimento, ma una persona vicina alla società ha notato che Nexperia aveva investito decine di milioni di sterline nell’impianto.

L’accordo traccia una linea sotto una disputa politicamente tesa sul futuro di una società britannica precedentemente oscura che produce wafer di silicio utilizzati nelle automobili.

La vendita di uno dei pochi asset strategici di semiconduttori della Gran Bretagna a una società cinese ha subito una forte reazione da parte di politici britannici, dirigenti del settore e potenze straniere che l’hanno vista come un segno che il governo non riusciva a proteggere gli asset strategici e si rendeva vulnerabile al furto di proprietà intellettuale. .

Inizialmente il governo aveva rifiutato l’accordo, dopo che il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Sir Stephen Lovegrove, aveva concluso in un’indagine retrospettiva che non c’erano ragioni sufficienti per bloccarlo per motivi di sicurezza, data la natura a bassa tecnologia della società.

Ma i ministri hanno cambiato idea man mano che crescevano le preoccupazioni politiche e industriali riguardo alla più ampia resilienza delle catene di approvvigionamento dei semiconduttori in un contesto di incertezza geopolitica internazionale.

Kwasi Kwarteng, l’ex segretario agli affari, ha annunciato nel maggio dello scorso anno che avrebbe “richiamato” l’acquisizione di Newport da parte di Nexperia ai sensi del National Security and Investment Act, una nuova legislazione in base alla quale il governo è in grado di limitare o bloccare le transazioni che coinvolgono risorse nazionali strategiche.

Nexperia, che è diventato il secondo maggiore azionista di Newport Wafer Fab nel 2019, ha lanciato l’acquisizione del produttore di chip nel 2021, quando la società gallese stava lottando per ripagare i propri debiti e si trovava ad affrontare una potenziale bancarotta.

Da allora lo stabilimento ha venduto i suoi prodotti esclusivamente a Nexperia, alimentando i timori di un trasferimento tecnologico dal Regno Unito alla Cina.

Il produttore di chip è diventato una pietra di paragone nella battaglia globale per i chip, alcuni dei componenti più onnipresenti nella tecnologia moderna.

La produzione di chip è fortemente concentrata a Taiwan, dove è cresciuta la preoccupazione per un potenziale conflitto con la Cina, portando i governi di tutto il mondo a diversificare le proprie catene di approvvigionamento.

Il prezzo delle azioni di Vishay Intertechnology è sceso di quasi il 4% nelle contrattazioni mattutine dopo l’annuncio dell’acquisizione.