Mar. Giu 18th, 2024
Rinsed di Geoff White: come la magia della Silicon Valley aiuta a riciclare denaro sporco

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Nel 2017, un proprietario di casa colombiano ha sfondato un muro interno della sua proprietà e all’interno ha trovato una camera nascosta. Completo di mensa e bagno, il fetido rifugio era deserto, a parte un mucchio di quella che sembrava carta marcia. Fu solo quando il proprietario lo frugò che “si rese conto di cosa stava toccando: i resti di circa 18 milioni di dollari in contanti”.

Tali depositi incagliati rappresentano un rischio professionale per la criminalità organizzata. Il rifugio di Medellín era stato costruito per il famigerato signore della droga Pablo Escobar (il proprietario della casa era suo nipote Nicolás). Inondato di innumerevoli miliardi, il problema di Pablo era stato come riciclarli attraverso il sistema bancario locale e trasformare ingombranti pile di sudici biglietti verdi in denaro pulito utilizzabile. È stata una sfida che ha affrontato solo parzialmente prima della sua morte nel 1993. Da qui la pila di banconote scomparse.

Escobar, ovviamente, abitava in un mondo analogico in cui assegni, carte e contanti erano i principali mezzi di transazione monetaria. Ora la tecnologia ha aperto nuovi modi per spostare le cose, ed è proprio questa alleanza tra la magia e il crimine della Silicon Valley l'argomento del nuovo libro di Geoff White Risciacquato.

Un tempo corrispondente tecnologico, White ha avuto successo un paio di anni fa La rapina di Lazzaro, un libro su un gruppo di hacker nordcoreani. Ora rivolge la sua attenzione alla criminalità informatica e al modo in cui la tecnologia della Silicon Valley aiuta a riciclare denaro sporco.

Per esplorare come si svolge tutto ciò, White guida il lettore attraverso le tre fasi distinte di qualsiasi operazione di riciclaggio di denaro. Innanzitutto c'è il “collocamento”, che significa non lasciare i propri soldi a marcire in nascondigli ma trovare un modo per immetterli nel sistema finanziario. Lì devono essere mescolati insieme a flussi di cassa legittimi – un processo noto come “stratificazione” – prima che i proventi riciclati possano essere utilizzati per acquistare beni apparentemente innocenti. Queste sono le riserve di valore che fanno sì che il crimine paghi.

La tecnologia ha reso tutto questo più semplice e molto più scalabile. La bellezza della valuta digitale non risiede solo nel suo anonimato, ma nella sua flessibilità e nell’accesso ai mercati globali, al contrario delle banche locali con cui Escobar ha dovuto fare i conti. I pagamenti possono essere suddivisi e inseriti in milioni di portafogli digitali, ma il loro enorme volume rende molto più difficile qualsiasi tracciamento.

I cosiddetti “mixer” – programmi per computer che mescolano valuta digitale segreta e innocente – ovviano alla necessità di lavare faticosamente fondi attraverso gli allibratori o qualche attività di contanti. La tecnologia consente la distanza: puoi eseguire le tue operazioni losche praticamente da qualsiasi parte del mondo e lontano da dove i crimini vengono effettivamente commessi. E il cosiddetto dark web consente ai fornitori informatici criminali, alle bande di hacker e ai truffatori di creare alleanze online con discrezione.

Il risultato è un’economia illecita vasta e sempre più connessa, in cui i mercati online del dark web come il sito di spaccio di droga russo Hydra operano come parodie criminali di eBay o Amazon. Le bande nigeriane come Black Axe operano a livello globale, eseguendo truffe tramite “compensi anticipati” (in cui un principe immaginario, ad esempio, vuole condividere la sua eredità), ransomware che bloccano i computer o “compromissione di e-mail aziendali” in cui il gioco consiste nell'ingannare un'azienda per farla pagamenti apparentemente legittimi su un conto fasullo. Ripetere e (si spera) risciacquare è l'obiettivo. A differenza dello spaccio di droga, con la sua complessa logistica, queste sono operazioni opportunistiche a basso consumo di capitale. Come dice un agente di polizia: “Le stronzate costano poco, sono abbondanti, sono infinite”.

Come in ogni buona saga di poliziotti e ladri, i criminali non fanno tutto a modo loro. La tecnologia consente inoltre ai bravi ragazzi di inseguirli e le storie di White si concentrano sulle tecniche utilizzate dai detective per perseguitare le loro prede informatiche. Anche Bitcoin è tracciabile se segui il breadcrumb digitale attraverso il registro pubblico della blockchain. La tecnologia non potrà mai eliminare del tutto la fallibilità umana: l’anello debole della maggior parte delle frodi. Le truffe bancarie più sofisticate possono finire con i cosiddetti “money mules” in coda agli sportelli bancomat per ritirare il bottino in dollari o euro.

Il rapido calo dei furti con scasso – diminuiti dell’86% in Inghilterra e Galles negli ultimi 30 anni – mostra quanta criminalità sia ora migrata online. Dopo tutto, perché rischiare di sfondare la testa nella proprietà di qualcuno quando puoi derubarlo dalla tua scrivania con un semplice clic del mouse? Il resoconto dettagliato di White mette a nudo questo nuovo mondo abilitato dalla tecnologia; guidandoci attraverso gli aspetti pratici di ogni truffa e rapina.

A volte è piuttosto complicato, e ha il fastidioso tic didattico di ricapitolare periodicamente per il lettore ciò che ha appena detto. Ma la sfrontatezza di alcune rapine è avvincente, come l’attacco ransomware che ha distrutto Colonial Pipeline, un fornitore di carburante statunitense, e ha quasi portato alla penuria di benzina in tutti gli Stati Uniti.

Anche le ricompense stanno diventando sempre più grandi, come dimostra la rapina di criptovalute del 2022 da parte di una società di gioco con sede a Singapore, Sky Mavis, che ha fruttato la sorprendente cifra di 625 milioni di dollari. Ciò che rendeva tutto ciò ancora più sinistro era che la tecnologia utilizzata per lavare la criptovaluta era l’equivalente di un’auto senza conducente: un mixer autonomo senza proprietario che lo controlla. Fu il crimine tecnocratico perfetto e gran parte del bottino non fu mai recuperato.

Anche se queste storie sono avvincenti, Risciacquato lascia una domanda in sospeso: cosa fare con tutta questa innovazione abusata? Il bianco non ha davvero una risposta. “Non possiamo impedire ai creatori di tecnologia di spingersi oltre i limiti e, probabilmente, non vorremmo farlo”, afferma.

La migliore speranza quindi è che i bravi ragazzi vincano la corsa agli armamenti tecnologici e tengano a bada i criminali. Questo non è un dato di fatto. Molti dei crimini peggiori hanno origine in giurisdizioni in cui le autorità sembrano chiudere gli occhi o essere attivamente conniventi in tali attività criminali, paesi come Russia e Corea del Nord. L’impunità sovrana rende il lavoro delle forze dell’ordine molto più difficile, qualunque sia il peso della tecnologia che utilizzano.

In definitiva, Risciacquato è una storia su sistemi potenti e amorali e su come possono essere usati o abusati. È anche un avvertimento su ciò che potrebbe accadere se le nazioni decidessero di intraprendere una guerra informatica totale.

Rinsed: dai cartelli alle criptovalute: come l'industria tecnologica lava i soldi per i criminali più letali del mondo di Geoff White Penguin Business £ 20, 288 pagine