Mar. Mag 21st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Rishi Sunak ha affermato che non si affretterà a regolamentare l’intelligenza artificiale mentre annuncia la creazione di un organismo per la sicurezza dell’IA nel Regno Unito per valutare e testare le nuove tecnologie.

Parlando in vista del vertice della prossima settimana per esaminare le minacce poste dalla tecnologia in rapida evoluzione, il primo ministro ha affermato che il Regno Unito “farà pressioni forti” per una “prima” dichiarazione congiunta dei leader globali sulla natura dei rischi che corre. pose.

Ma ciò non significa che ci debba essere una “corsa a regolamentare” il settore. “Questa è una questione di principio, noi crediamo nell’innovazione”, ha detto, aggiungendo: “Come possiamo scrivere leggi che abbiano senso per qualcosa che non comprendiamo ancora appieno?”

Ha affermato che il nuovo istituto “farà avanzare la conoscenza del mondo sulla sicurezza dell’IA. . . in modo da comprendere di cosa è capace ogni nuovo modello, esplorando tutti i rischi, dai danni sociali come pregiudizi e disinformazione fino ai rischi più estremi”. Ha detto che il suo lavoro sarebbe stato disponibile a tutti.

Proporrebbe inoltre la creazione di un gruppo globale di esperti, nominato dai paesi e dalle organizzazioni presenti al vertice, per pubblicare un rapporto sullo “stato dell’intelligenza artificiale”, sul modello del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite.

In concomitanza con il discorso di Sunak, il governo ha pubblicato una serie di documenti che delineano i potenziali rischi posti dalla rapida introduzione dell’intelligenza artificiale.

Uno di questi scenari delineava come l’automazione potrebbe portare ad un aumento della disoccupazione e della povertà entro il 2030, nel mezzo di un “feroce dibattito pubblico sul futuro dell’istruzione e del lavoro”.

Altri scenari includevano l’emergere di modelli open source in grado di competere con gli esseri umani su un’ampia gamma di compiti “con sorprendente autonomia e azione” e che possono essere utilizzati per istigare attacchi dannosi.

Intervenendo alla Royal Society, l’accademia delle scienze del Regno Unito, a Londra, Sunak ha avvertito che se “sbagliamo” la tecnologia in rapida evoluzione potrebbe rendere più semplice costruire armi chimiche e biologiche, perpetrare attacchi informatici, diffondere disinformazione e commettere crimini contro i bambini. abuso sessuale. Nei casi più estremi “l’umanità potrebbe perdere completamente il controllo dell’intelligenza artificiale”, ha avvertito.

Sunak ha cercato di usare una nota rassicurante, aggiungendo che “questo non è un rischio per cui le persone debbano perdere il sonno in questo momento”, in gran parte perché “il Regno Unito sta facendo molto più di qualsiasi altro paese per tenerti al sicuro”.

“Anche se c’è incertezza, i rischi potrebbero essere significativi, quindi è giusto prendere tutte le misure possibili per proteggere le persone”, ha affermato. “Il popolo britannico dovrebbe avere tranquillità”.

Uno dei documenti di accompagnamento cercava inoltre di dissipare i timori che la tecnologia potesse impazzire: “Molti esperti ritengono che ciò sia altamente improbabile” poiché l’intelligenza artificiale dovrebbe essere in grado di ottenere il controllo ed “essere in grado di evitare di essere spenta”, si legge.

Sunak ha inoltre delineato alcuni dei potenziali benefici dell’intelligenza artificiale nell’assistenza sanitaria e sociale, consentendo agli specialisti di “risolvere alcune delle più grandi sfide del nostro tempo”, inclusa la fame nel mondo.

Il governo spera di ospitare diversi leader mondiali al vertice della prossima settimana, ma si teme che la partecipazione sarà influenzata dalla guerra tra Israele e Hamas.

Al vertice parteciperanno anche Ursula von der Leyen, capo della Commissione europea, la vicepresidente americana Kamala Harris, la segretaria al Commercio Gina Raimondo e rappresentanti della Cina.