Ven. Mar 1st, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

Spotify taglierà quasi un quinto della sua forza lavoro dopo aver avvertito che la crescita economica ha subito un drastico rallentamento e che è necessario tagliare i costi mentre il colosso dello streaming musicale cerca di trasformare la crescita degli abbonati in una redditività costante.

Lunedì, in una nota indirizzata allo staff, l’amministratore delegato Daniel Ek ha affermato che Spotify taglierà circa il 17% della sua forza lavoro globale, circa 1.500 persone. Spotify impiega più di 9.000 persone in tutto il mondo.

“Riconosco che ciò avrà un impatto su un numero di individui che hanno dato un contributo prezioso”, ha affermato Ek. “Per essere sinceri, molte persone intelligenti, talentuose e laboriose ci lasceranno”.

Le azioni di Spotify sono aumentate dell’8% negli scambi mattutini a New York.

Nonostante la sua popolarità, Spotify nel corso della sua storia ha lottato per ottenere profitti consistenti, una fonte di crescente frustrazione da parte degli investitori. L’investitore attivista ValueAct a febbraio ha acquisito una partecipazione in Spotify e ha espresso preoccupazione per il fatto che le sue spese fossero “esplose”.

In combinazione con le precedenti serie di tagli, nel 2023 Spotify ha licenziato più di 2.000 dipendenti, ovvero un quarto della sua forza lavoro, mentre la crescita dei suoi utenti è aumentata vertiginosamente.

“Il colpo su Spotify da parte degli investitori per così tanto tempo è stato: servizio straordinario, piattaforma straordinaria, non un grande business”, ha affermato Rich Greenfield, analista di LightShed. “Ciò sta dimostrando agli investitori che questo può essere un grande business. La gente negli ultimi anni ha perso fiducia in questo”.

L’annuncio di lunedì arriva poco più di un mese dopo che la spinta di Spotify al taglio dei costi ha mostrato segni di dare i suoi frutti. Nel mese di ottobre, la società quotata a New York ha puntato sulla riduzione dei costi e sull’aumento dei prezzi per aiutarla a registrare il suo primo profitto trimestrale da più di un anno.

Ek ha riconosciuto che l’entità dei tagli ai posti di lavoro sarebbe una sorpresa dato il recente miglioramento degli utili. Ha detto che il gruppo ha discusso di effettuare tagli minori l’anno prossimo e nel 2025, ma ora ha optato per una ristrutturazione più ampia. Il personale a rischio di perdere il lavoro verrà informato lunedì.

Spotify si è posta l’obiettivo di raggiungere margini di profitto lordi a lungo termine compresi tra il 30 e il 35%. Nell’ultimo trimestre i margini lordi si sono attestati al 26%.

“Considerando il divario tra il nostro obiettivo finanziario e i nostri attuali costi operativi, ho deciso che un’azione sostanziale per ridimensionare i nostri costi era l’opzione migliore per raggiungere i nostri obiettivi”, ha detto Ek lunedì.

I risultati finanziari di Spotify avevano beneficiato di una precedente tornata di tagli dei costi dopo aver liquidato una costosa scommessa sui podcast, che includeva l’eliminazione di circa 600 posti di lavoro all’inizio del 2023 e altri 200 in estate.

Gli analisti della Bank of America in ottobre avevano affermato che Spotify aveva raggiunto un “punto di flessione” per i profitti, affermando che “i recenti commenti del management e le azioni sulle spese dovrebbero portare a un miglioramento continuo”.

Lunedì Ek ha affermato che Spotify si trova ad affrontare nuove realtà, incluso un costo del capitale più elevato, e che il gruppo deve diventare più efficiente.

Agli albori di Spotify “il nostro ingegno e la nostra creatività erano ciò che ci distingueva”, ha detto Ek. “Man mano che siamo cresciuti, ci siamo allontanati troppo da questo principio fondamentale di intraprendenza.”

Nell’ultimo anno, ha cancellato una serie di suoi programmi podcast originali, tra cui diverse serie true crime. Il gruppo ha speso molto in podcast esclusivi di celebrità come Michelle e Barack Obama, con un accordo tra il Duca e la Duchessa di Sussex che sarebbe costato 25 milioni di dollari per soli 12 episodi.

Ek ha ammesso che l’azienda ha approfittato dell’opportunità offerta dal capitale a basso costo per investire in modo significativo nei team, nei contenuti, nel marketing e in nuove aree di business.

Ha affermato che questi investimenti “generalmente hanno funzionato, contribuendo all’aumento della produzione di Spotify e alla robusta crescita della piattaforma”, ma ha ammesso che di conseguenza la sua struttura dei costi è diventata troppo grande.

“Secondo la maggior parte dei parametri, eravamo più produttivi ma meno efficienti”, ha affermato. “Dobbiamo essere entrambi. . . In due parole, dobbiamo diventare incessantemente intraprendenti”.

Ek ha delineato un piano per riportare Spotify alla mentalità da start-up dei suoi inizi, quando le risorse limitate venivano utilizzate in modo efficiente e ingegnoso per ottenere un successo “conquistato a fatica”.