Gio. Mag 23rd, 2024
A casa con Rolf Sachs e Mafalda von Hessen – la principessa-pittrice e l'eclettico

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

“Adoro la parola 'grinta'”, dice Rolf Sachs, seduto con la sua fidanzata, la principessa e pittrice tedesca Mafalda von Hessen, nel soggiorno della sua casa di St Moritz. Il creativo eclettico, meglio conosciuto per i giocosi pezzi di design che ha prodotto dalla metà degli anni '80, usa questa parola per riassumere la sua pratica creativa. Ma il rifugio alpino ha anche molta grinta.

Nel mezzo della sfarzosa località sciistica svizzera – dove hanno case il magnate dell’acciaio Lakshmi Mittal, l’amministratore delegato di Moncler Remo Ruffini e la famiglia Heineken – Sachs ha fatto rivivere lo stadio costruito per i Giochi Olimpici Invernali del 1928. Un tempo utilizzato per guardare l'hockey su ghiaccio e il pattinaggio artistico, il lungo e basso edificio in stile Bauhaus è oggi un miscuglio di architettura modernista e cimeli sportivi locali: mazze da hockey coprono una tromba delle scale; le pietre da curling sono nascoste sotto una panca popolare; e fotografie d'epoca con pattinatori, slittini e bob fiancheggiano i corridoi.

Mafalda von Hessen nella sua casa a St Moritz © Torviol Jashari

Nel mix ci sono i progetti di Sachs: un tavolo da pranzo con il ripiano in vetro lungo 7 metri è pieno di testo sale e neon; sopra, uno dei suoi Luci versate, del 2006, presenta un secchio antincendio rovesciato forato da piccoli fori; le sedie della vecchia scuola sono realizzate in resina; e il 2012 Inseparabile Il tavolino, costituito da due slitte, è una delle numerose opere ispirate alle tradizioni della circostante Valle dell'Engadina.

“Il mio trisavolo arrivò a St. Moritz nel 1900”, dice Sachs, 68 anni, la cui storia familiare abbraccia generazioni di industriali e inventori, produttori di motociclette, biciclette, automobili – e diverse fortune. Ma è suo padre, Gunter Sachs, defunto fotografo, collezionista d'arte e terzo marito di Brigitte Bardot, ad essere noto per aver messo il Ritz a St Moritz. Ha rinvigorito il Circolo del Bob (il cui storico tracciato ha una curva intitolata in suo onore) e fondò l'esclusivo Dracula Club.

Durante una cena al club dei membri a tema vampiri, sono stretto tra Sachs e von Hessen, trascinato nella scena dell'élite europea insieme a ospiti tra cui gli amici d'infanzia di Sachs, il direttore dello studio e la pin-up dai capelli fiammeggianti. esque Betony Vernon, gioielliere, autore di La Bibbia del Boudoir e un caro amico di von Hessen. Il gruppo si distingue dalla massa: un mare di smoking, abiti attillati e volti paffuti che si spostano in massa dalla tavola alla discoteca, ballando al ritmo di “Murder On the Dancefloor”. Una goccia di “sangue” smaltato cola sul mio bicchiere di vino e Sachs prende una scheggia sottilissima dal mio piatto. È subito simpatico; meno playboy del jet set di suo padre, più allegro e bon viveur.

La coppia a casa
La coppia a casa © Torviol Jashari

Sachs e von Hessen frequentano da tempo gli stessi ambienti (“I nostri padri erano amici”, dice Sachs). Il legame alpino di Von Hessen risale al 1916. Il suo parente Ernest Louis, granduca d'Assia, ereditò Castello Tarasp, un imponente castello dell'XI secolo a nord-est di St Moritz. Oggi il castello è di proprietà dell'artista svizzero Not Vital ed è aperto al pubblico.

La coppia ha iniziato a vedersi romanticamente 10 anni fa. “Quando ho saputo che era divorziato, l'ho chiamato”, dice von Hessen. A 58 anni, l'ex modella e ambasciatrice di stile di Giorgio Armani è alta e slanciata, indossa una camicetta in stile vittoriano. Sachs, nel frattempo, abbina i suoi caratteristici occhiali dalla montatura rotonda con un maglione tipicamente luminoso e grafico. Colpiscono una coppia improbabile. Eppure, dice Sachs, “c’è una meravigliosa armonia”.

Saal Schloss Tarasp di Mafalda von Hessen, 2023, nel soggiorno di Villa Flor
Saal Schloss Tarasp di Mafalda von Hessen, 2023, nel soggiorno di Villa Flor © Torviol Jashari
Inviti alle mostre personali di von Hessen e Sachs, tenutesi contemporaneamente nella valle
Inviti alle mostre personali di von Hessen e Sachs, tenutesi contemporaneamente nella valle © Torviol Jashari

“È meraviglioso vivere con un altro artista”, aggiunge von Hessen, la cui casa barocca dalle pareti rosa a Roma, Villa Polissena, è sia il suo studio che la loro base principale. “La sera mostro sempre a Rolf il mio lavoro – e lui ride perché dico sempre la stessa cosa: 'Ci stiamo arrivando.'”

Von Hessen ha studiato pittura quando aveva vent'anni alla New York University; “ma non mi piaceva il mio lavoro figurativo così ho applicato la mia arte al costume e alla scenografia teatrale”, racconta. Nel 2015 ha lanciato il suo omonimo marchio di moda, collaborando con Eric Wright, braccio destro di lunga data di Karl Lagerfeld, ma ha “interrotto l'attività” durante il Covid-19. Dopo la chiusura, ha usato la pittura per riempire il “vuoto” che sentiva.

Quest'inverno ha tenuto la sua prima mostra personale presso Villa Fiore – un albergo nel villaggio engadinese di S-chanf. La serie esplora la sua “connessione con le montagne”, concentrandosi sugli interni e realizzando pitture spesse e dai colori armoniosi. Ha seguito il suo debutto svizzero con una personale londinese, attualmente alla JGM Gallery. La pittura fa parte di “un capitolo totalmente nuovo”, dice von Hessen, che ha quattro figli da due dei suoi tre matrimoni precedenti. “Ora i miei figli sono fuori casa. Ho la libertà di fare finalmente quello che voglio”. Sachs è d'accordo: “Siamo entrambi liberi di lavorare con la mente molto lucida. È anche una grande fortuna [our practices] sono agli antipodi: Mafalda è super-accademica mentre io sono più concentrato sull'idea concettuale. Siamo ottimi critici l’uno dell’altro”.

Il lavoro di Sachs è sempre stato a cavallo tra arte e design, ma “pian piano mi sono spostato sempre più nel regno dell'arte”, dice. Questo rinnovato fervore è stato incanalato in una serie di progetti. Lo scorso ottobre, una mostra di vendita alla Sotheby's di Londra è stata dedicata alla novità di Sachs Immagini fisse in movimento: fotografie di oggetti di uso quotidiano come rotoli di carta igienica. E a dicembre ha inaugurato una mostra personale presso Stalla Madulain in un fienile di 500 anni, che è diventato in parte un mini-universo di Sachs, in parte una lettera d'amore per l'area in cui è cresciuto. Era la prima volta che mostrava dipinti, tele astratte accartocciate e poi spiegazzate che lui chiama Sbrinamento. “È un po' come mostrarsi nudi”, dice, ma è una disciplina a cui intende attenersi.

Sachs sta ora lavorando a un'importante retrospettiva museale nel 2025. Ma ciò non impedisce alla coppia di essere un elemento centrale della scena locale sempre più vivace. Sfrecciano per la valle a bordo di un paio di Fiat Panda immediatamente riconoscibili con il tetto in cestino di vimini. “Sono le auto migliori per la guida sul ghiaccio”, afferma Sachs, che guida a una certa velocità sulle ripide e tortuose strade di montagna. Il paesaggio creativo della zona è “la vera anima” di St Moritz, dice Sachs. “Non le pellicce, lo champagne e i cagnolini.”

Mafalda von Hessen: Looking In è alla JGM Gallery fino al 25 maggio; jgmgallery.com. rolfsachs.com