Gio. Mag 23rd, 2024
L'Ucraina afferma di aver sventato il piano russo per uccidere Volodymyr Zelenskyy

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L'Ucraina ha affermato di aver scoperto una rete di agenti russi nel paese che pianificavano di assassinare il presidente Volodymyr Zelenskyy, tra cui due colonnelli che lavoravano per l'agenzia incaricata della sua sicurezza.

Martedì il servizio di intelligence interno ucraino (SBU) ha affermato che i due sono stati incaricati da Mosca di trovare persone nella scorta di sicurezza di Zelenskyj che avrebbero preso in ostaggio il presidente e poi lo avrebbero ucciso.

L'agenzia per cui lavoravano, nota come Servizio di Protezione dello Stato, supervisiona la sicurezza del presidente dell'Ucraina, dei ministri e di altri alti funzionari.

Uno dei colonnelli, ha detto la SBU, aveva acquistato armi e droni per l'operazione ed è stato registrato mentre parlava con i suoi assistenti presso l'FSB, l'agenzia di spionaggio russa.

La presunta cospirazione è stata l'ultima di una serie di complotti russi sventati che secondo le autorità ucraine avevano lo scopo di uccidere o catturare il presidente, dall'invasione su vasta scala dell'Ucraina da parte della Russia nel 2022. Ciò avviene poche settimane dopo che le autorità ucraine e polacche avevano annunciato l'arresto di un Cittadino polacco accusato di aver aiutato l'intelligence militare russa a portare a termine un simile complotto omicida.

Zelenskyj ha dichiarato al MagicTech nel novembre 2022 di essere sopravvissuto a “diversi” tentativi di attentato alla sua vita dall’inizio dell’invasione. Il suo capo di gabinetto Andriy Yermak ha detto che agenti dormienti russi avevano tentato di assaltare l'ufficio presidenziale per catturare o uccidere il capo dello stato nelle prime ore dell'invasione di Mosca.

Oltre a Zelenskyj, gli agenti pianificavano di uccidere il capo della SBU, Vasyl Malyuk, e il capo dei servizi segreti militari ucraini, Kyrylo Budanov, nonché altri funzionari di alto rango. Entrambi i funzionari hanno supervisionato operazioni audaci utilizzando droni aerei e navali per attaccare le infrastrutture energetiche in Russia e la flotta del Mar Nero in Crimea.

Il piano di uccisione di Budanov – previsto prima di Pasqua, secondo la SBU – prevedeva di colpire l'edificio in cui si trovava con un lancio di razzi. Un terzo uomo ucraino, separato dai colonnelli, è stato incaricato di attaccare poi con un drone chiunque rimanesse nella zona colpita. Quindi i russi avrebbero pianificato di utilizzare un secondo attacco missilistico per distruggere ogni traccia dei droni.

In una conversazione intercettata pubblicata dalla SBU, il presunto coordinatore dell'FSB a Mosca, Dmitry Perlin, ha descritto il complotto razzo-drone-razzo contro Budanov come una sorta di “sandwich”.

Perlin ha detto al terzo uomo reclutato per aiutare a portare a termine l'assassinio che doveva trovarsi in un certo punto entro le 19:00 per avere una visuale degli ospiti che arrivavano in una casa e che l'FSB aveva già utilizzato il posto per spiare ed era “sicuro”. Perlin ha aggiunto che l'uomo avrebbe ricevuto più di 50.000 dollari per l'assassinio di Budanov.

“Un numero limitato di persone era a conoscenza della nostra operazione speciale e ne ho monitorato personalmente l’andamento. L'attacco terroristico, a cui avrebbe dovuto essere un regalo [Vladimir] Putin prima dell’Inaugurazione è stato in realtà un fallimento dei servizi speciali russi”, ha detto Malyuk.

Invece, il complotto è stato scoperto proprio mentre Putin prestava giuramento per un nuovo mandato di sei anni come presidente. Parlando dalle sale dorate del Cremlino, il leader russo ha affermato che la “scelta” tra guerra e pace spetta esclusivamente all’Occidente.

La SBU ha affermato che l’FSB aveva reclutato i colonnelli ucraini prima dell’invasione su vasta scala della Russia, incontrando uno dei colonnelli nel gennaio 2022 in un paese vicino più di una volta.

Un portavoce della SBU ha detto che i colonnelli sono stati arrestati domenica ma ha rifiutato di dire per quanto tempo sono stati indagati prima dell'arresto.

I sospettati sono accusati di tradimento ai sensi della legge marziale e di preparazione di un atto terroristico. Rischiano l'ergastolo se condannati per i crimini.

L'SPS, l'equivalente ucraino dei servizi segreti statunitensi, ha rifiutato di commentare. Una dichiarazione sul suo sito web afferma di aver collaborato con la SBU per smascherare la rete.