Ven. Mag 24th, 2024
Perché la Lituania sta valutando la possibilità di inviare soldati in Ucraina

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Buongiorno.

Oggi il primo ministro lituano spiega alla mia collega perché il suo paese è pronto a intervenire in Ucraina. E abbiamo un dispaccio delle proteste studentesche che si diffondono in tutta Europa e chiedono che le università taglino i legami con Israele mentre continua il suo attacco a Gaza.

Ci prenderemo una pausa fino alla prossima settimana a causa della festività dell'Ascensione. Buon (lungo) fine settimana.

Pronto

La Lituania è pronta a inviare i suoi soldati in Ucraina in missione di addestramento, ha affermato il suo primo ministro detto Andy Limiti.

Contesto: la Lituania, che ha dichiarato l’indipendenza da Mosca nel 1990, vuole rafforzare il proprio sostegno militare all’Ucraina. Il presidente francese Emmanuel Macron ha proposto di inviare soldati europei in Ucraina, anche se altri paesi sono stati cauti nel provocare uno scontro diretto con la Russia.

Ingrida Šimonytė ha detto al FT di avere il permesso parlamentare di inviare truppe in Ucraina per scopi di addestramento – qualcosa che il suo governo aveva già ventilato in precedenza – ma che Kiev non lo aveva ancora chiesto.

Šimonytė ha riconosciuto che la Russia l’avrebbe considerata una provocazione, ma ha aggiunto: “Se pensassimo solo alla risposta russa, non potremmo inviare nulla. Ogni due settimane senti che qualcuno verrà bombardato”.

Questa settimana, la Russia ha condotto esercitazioni con armi nucleari tattiche in risposta ai commenti di Macron. Šimonytė dubitava che le armi sarebbero state utilizzate, dato che la pioggia radioattiva avrebbe colpito anche la Russia. “La maggior parte delle volte i venti soffiano da ovest a est”, notò seccamente.

Secondo Šimonytė, la Russia ha intensificato gli attacchi contro le infrastrutture civili ucraine come centrali elettriche, scuole e ospedali. “La Russia sta cercando di provocare una nuova ondata di persone in fuga dall'Ucraina perché non ci sono servizi di base né servizi di base”, ha detto il premier lituano.

L’UE ospita più di 4,2 milioni di rifugiati provenienti dall’Ucraina. Ma a più di due anni dall’inizio della guerra, le persone in alcuni paesi europei stanno diventando sempre più critiche nei confronti del sostegno dato agli ucraini.

Šimonytė ha minimizzato le notizie secondo cui la Lituania avrebbe aiutato a riportare uomini in età da combattimento in Ucraina, che sta cercando disperatamente di reclutare più soldati. “Non organizzeremo deportazioni né cercheremo uomini ucraini nel paese perché ciò non sarebbe legale”, ha detto Šimonytė, aggiungendo che l'UE ha garantito loro protezione fino a marzo 2025.

Tuttavia, a coloro ai quali Kiev dimostra di aver eluso il servizio militare potrebbe essere negata la residenza permanente, ha detto Šimonytė. Era “desiderosa di aiutare l’Ucraina, di garantire che abbia il potenziale per rinnovare le sue forze armate e di far riposare le persone che combattono da molto tempo”.

Chart du jour: Ancora caldo

Mentre assistiamo all’ennesimo periodo di temperature record – e clima insolitamente umido in alcune parti d’Europa – gli scienziati mettono in guardia da modelli meteorologici più estremi a livello globale, con ondate di caldo, siccità e inondazioni che diventano più comuni.

Università libere

Le proteste studentesche contro le operazioni militari israeliane a Gaza si sono diffuse in Europa e, come ogni buon movimento di occupazione, le autorità non sono esattamente entusiaste dei disordini.

Contesto: lo scioglimento delle proteste filo-palestinesi alla Columbia University di New York, iniziate il mese scorso, ha galvanizzato gli studenti di tutta Europa, che chiedono anche alle istituzioni accademiche di tagliare i legami con Israele e prendere posizione nel conflitto in corso.

La polizia tedesca ieri ha disperso diverse decine di manifestanti che si erano accampati presso la Freie Universität di Berlino. L'università ha sporto denuncia per violazione di domicilio e vandalismo, e la senatrice berlinese per l'istruzione superiore Ina Czyborra ha affermato che le proteste “che mirano allo scontro” non erano “legittime”.

Nei Paesi Bassi, la polizia ha interrotto una protesta simile quel giorno all’Università di Amsterdam. detenzione diverse decine di persone. A Bruxelles, gli studenti hanno occupato un edificio dell'Università Libera di lingua francese, e la polizia francese ha ripetutamente cacciato i manifestanti dal famoso Sciences Po Paris.

Ciò ha attirato l'attenzione anche delle alte sfere francesi, con il primo ministro Gabriel Attal che ieri ha messo in guardia contro l'“indignazione selettiva” che “deve cessare da parte di coloro che alzano sempre la voce contro Israele, ma che sono muti di fronte ad Hamas e i suoi abusi”.

In Irlanda, gli studenti che si accampano nel Trinity College di Dublino hanno bloccato l’accesso all’antico manoscritto del Libro di Kells lì conservato. Il Trinity ha affermato di essere “solidale con gli studenti nel nostro orrore per ciò che sta accadendo a Gaza” e sta cercando di porre fine agli investimenti nelle aziende israeliane. Ma ha anche multato di 214.000 euro il Trinity Students' Union per la perdita di entrate causate dalle proteste “dirompenti”.

Campi e proteste sono sorti anche nelle università di Austria, Finlandia, Danimarca, Spagna, Italia e Regno Unito.

Cosa guardare oggi

  1. Il presidente cinese Xi Jinping visita l’Ungheria.

  2. Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg incontra a Roma il primo ministro italiano Giorgia Meloni.

  3. Il presidente finlandese Alexander Stubb visita la Germania per incontrare il cancelliere Olaf Scholz.

Ora leggi questi