Gio. Giu 13th, 2024
Baillie Gifford in crisi parla con i festival del libro del Regno Unito dopo le minacce di boicottaggio

Baillie Gifford è in crisi nei colloqui con i festival britannici che sostiene dopo la fine dei suoi accordi di sponsorizzazione con due eventi di punta in risposta alla minaccia di boicottaggio che ha lasciato la scena letteraria del Regno Unito in subbuglio.

Le decisioni di Hay Festival e Edinburgh International Book Festival di questo mese di separarsi dal gestore patrimoniale con sede a Edimburgo hanno provocato onde d'urto in tutto il settore, lasciando gli organizzatori a temere per il futuro dei propri eventi.

Baillie Gifford, che gestisce asset per 225 miliardi di sterline, è stata criticata dal gruppo di attivisti Fossil Free Books per i suoi presunti legami con Israele e con l’industria dei combustibili fossili attraverso gli investimenti che detiene.

Gli organizzatori di Hay e del festival del libro di Edimburgo, che si svolgono rispettivamente a maggio e agosto, hanno affermato che il personale è stato preso di mira sui social media e accusato di complicità nel genocidio.

Jenny Niven, amministratore delegato dell'Edinburgh International Book Festival, ha affermato che la pressione sul suo team e sui colleghi di Baillie Gifford è “semplicemente diventata intollerabile”.

I festival letterari sono emersi come un punto fermo del calendario culturale nel Regno Unito e in Irlanda negli ultimi quattro decenni © Credito: Iain Masterton/ Alamy

Il gestore patrimoniale è ora in trattative con altri sette festival letterari del Regno Unito che sostiene per capire se sia fattibile continuare le loro relazioni, secondo diverse persone che hanno familiarità con le discussioni.

“Il mio sospetto è che si ritireranno dal settore perché il gioco non vale la candela”, ha detto una persona coinvolta nei colloqui.

I festival letterari sono emersi come un punto fermo del calendario culturale nel Regno Unito e in Irlanda negli ultimi quattro decenni, crescendo di numero da una manciata a circa 400. Negli ultimi 20 anni, Baillie Gifford è diventata uno dei principali sponsor di alcuni dei eventi di alto profilo, oltre a sostenere un premio annuale di £ 50.000 per la saggistica.

Ma il modello economico degli eventi è precario: si basano su una combinazione di vendita di biglietti e sostegno statale, nonché sulla sponsorizzazione privata e aziendale. Un direttore ha stimato che molti festival letterari erano “solo a un paio di mila dollari dalla bancarotta”.

L’industria è anche scossa dalla pandemia, dalla crisi del costo della vita e da un decennio di tagli ai finanziamenti per l’arte.

“Siamo tutti preoccupati per noi stessi e tristi per i nostri colleghi di Edimburgo e Hay”, ha detto Adrian Turpin, direttore del Wigtown Book Festival nel sud-ovest della Scozia, sponsorizzato da Baillie Gifford.

“Il pericolo è che vedremo un'enorme marea di denaro proveniente dalle arti da parte di aziende ragionevoli ed etiche perché il test di purezza è stato fissato a un livello così elevato. È difficile immaginare una situazione in cui una multinazionale possa giustificare il fatto di essere sufficientemente pura da donare denaro”, ha aggiunto.

Fossil Free Books ha affermato venerdì che “le arti non possono continuare ad essere così
dipendente dalla filantropia e dalle partnership aziendali. . . Abbiamo bisogno di finanziamenti pubblici molto maggiori per le arti”.

I festival letterari si collocano all’interno del settore artistico più ampio, dove la sponsorizzazione è diventata un argomento difficile. Il Museo del Louvre di Parigi e la National Portrait Gallery di Londra sono stati nel 2019 tra i primi a rifiutare le donazioni della famiglia Sackler o a rimuovere il loro nome dagli edifici, in seguito alle proteste per la proprietà dell'azienda nel cuore della mortale epidemia di oppioidi negli Stati Uniti .

Un cartello
Un cartello “Drop BP” è esposto al British Museum nel centro di Londra, durante una protesta dei manifestanti di Extinction Rebellion contro l'accordo di sponsorizzazione del museo con BP ©James Manning/PA

La decisione del British Museum lo scorso anno di rinnovare la sua partnership con la compagnia petrolifera BP, in un accordo di sponsorizzazione da 50 milioni di sterline, è stata criticata da gruppi ambientalisti e attivisti.

I musicisti hanno abbandonato il Latitude Festival a luglio e il Great Escape Festival questo mese a causa del coinvolgimento di Barclays negli eventi. La banca è stata accusata di investire in società di armi che riforniscono Israele. Barclays ha negato l'accusa, sottolineando che la banca non investe per proprio conto.

Il furore intorno al patrocinio letterario di Baillie Gifford è iniziato lo scorso anno prima dell'Edinburgh International Book Festival, quando l'attivista climatica Greta Thunberg ha cancellato la sua apparizione, accusando la compagnia di usare il suo sostegno alle arti per “rinverdire” la sua reputazione.

Una lettera aperta di questo mese da parte di Fossil Free Books, che comprende persone che lavorano nel settore dei libri, ha riavviato la disputa in vista dell'evento di quest'anno di agosto. Ha invitato Baillie Gifford a disinvestire da qualsiasi investimento nell’industria dei combustibili fossili o da qualsiasi società attiva nei territori palestinesi occupati.

“Il nostro obiettivo sono le istituzioni finanziarie. . . Baillie Gifford è un’istituzione sulla quale abbiamo influenza, come hanno dimostrato gli eventi degli ultimi giorni”, ha detto venerdì il gruppo.

Il gestore degli investimenti ha ripetutamente affermato che solo il 2% del denaro dei suoi clienti viene investito in aziende con attività legate ai combustibili fossili, rispetto alla media di mercato dell'11%.

Ha affermato che l’affermazione secondo cui aveva notevoli quantità di denaro nei territori palestinesi occupati era “offensivamente fuorviante”.

Attivisti per il clima prendono di mira gli uffici di Baillie Gifford a Edimburgo nel 2020
Attivisti per il clima prendono di mira gli uffici di Baillie Gifford a Edimburgo nel 2020 © Sally Anderson/Alamy

Il gestore patrimoniale è in trattative con i festival di Cambridge, Stratford, Henley, Cheltenham e Wimbledon in Inghilterra, e Wigtown and the Borders in Scozia, per la sua sponsorizzazione, hanno detto persone che hanno familiarità con la questione.

Una persona vicina a Baillie Gifford ha detto che “non si tratta di gettare la spugna nel sostenere la cultura. . . Ma se come sponsor il tuo coinvolgimento provoca più danni che benefici, allora diventa un problema”.

Per Allan Little, un veterano corrispondente di guerra che presiede l'Edinburgh International Book Festival, l'interruzione è ben lontana dalle origini e dagli obiettivi dell'Edinburgh International Festival, l'evento ombrello.

Il raduno inaugurale si tenne nel 1947 all'indomani della seconda guerra mondiale. Il suo primo direttore, l'impresario d'opera Rudolf Bing, era un ebreo austriaco arrivato nel Regno Unito come rifugiato negli anni '30 dopo essere fuggito dai nazisti.

Nella serata conclusiva del festival, il direttore d'orchestra berlinese Bruno Walter ha guidato i membri dell'Orchestra Filarmonica di Vienna, separati a causa della guerra, in un'interpretazione dell'opera di Gustav Mahler Das Lied von der Erde– La canzone della terra – presso la Usher Hall della città.

“Gli organizzatori volevano scoprire un patrimonio culturale condiviso per l'Europa”, ha affermato Little. “L’idea guida della tradizione del festival di Edimburgo è il ripudio della guerra”.