Dom. Lug 21st, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

La Corte costituzionale tedesca ha ripetutamente dimostrato di essere pronta a dare fastidio ai politici che vogliono fare qualcosa. È stato a lungo utilizzato come arma dagli oppositori della Banca Centrale Europea: nel 2020, ha usurpato l’autorità della Corte di Giustizia Europea di interpretare il diritto europeo, a scapito dell’allentamento quantitativo.

Mercoledì scorso la massima corte del paese ha silurato la politica economica interna. I giudici di Karlsruhe hanno bloccato un intervento di bilancio da 60 miliardi di euro effettuato nei primi giorni del governo di coalizione formato da socialdemocratici, liberali e verdi.

A causa della pandemia, le rigide regole del “freno al debito” che limitano l’indebitamento pubblico sono state ancora sospese nel 2021. Quando il governo si è insediato alla fine di quell’anno, ha utilizzato un bilancio supplementare – per il 2021 anche se approvato nel 2022 – per spostare i prestiti inutilizzati autorizzazione dal bilancio principale in un fondo pluriennale separato fuori bilancio per investimenti verdi. La Corte ha ora ritenuto che ciò violasse le rigide regole della Costituzione contro il finanziamento del deficit.

L’abolizione di tale manovra di bilancio rappresenta una sfida economica immediata. Persino la più grande economia europea non riuscirà a tirare fuori dalla manica altri 60 miliardi di euro (più dell’1,5% della produzione annua) senza sforzo. Se lo Stato ha già stanziato una parte del denaro, allora sfortuna: il dice la corte essa “deve compensare ciò con altri mezzi”.

Ciò non è insormontabile: i 60 miliardi di euro dovevano essere spesi in diversi anni. È possibile modificare i calcoli, apportare modifiche tecniche, massimizzare i margini di sicurezza e le riserve per trovare più denaro. Al contrario, la sentenza minaccia anche altri fondi fuori bilancio, sia a livello federale che statale.

L’alternativa di non sostenere la spesa per il clima sarebbe disastrosa dopo due decenni di investimenti insufficienti in un’economia che ha urgente bisogno di essere attrezzata per raggiungere lo zero netto e in un mondo geopoliticamente precario. Berlino dovrà senza dubbio impegnarsi molto nell’aumentare le tasse.

Le conseguenze politiche potrebbero essere maggiori delle conseguenze economiche. La manovra originaria ha giocato un ruolo chiave nel rendere possibile la coalizione: poteva soddisfare le ambizioni climatiche dei verdi e allo stesso tempo rassicurare gli elettori fiscalmente conservatori dei liberali sul fatto che la correttezza del bilancio tedesco veniva rispettata.

Ma ora la corte ha chiarito che non si possono avere entrambe le cose. I rigidi limiti legali al finanziamento del deficit, che Berlino ha introdotto nella crisi finanziaria globale e ha imposto con forza al resto d’Europa, rendono estremamente difficile perseguire la politica economica che molti ora ritengono essenziale sia per la ripresa industriale che per la sopravvivenza planetaria. La Germania è stata issata sul suo stesso petardo ordoliberale.

Ciò avrà importanza anche nella politica dell’UE. I ministri delle finanze stanno cercando di concordare, entro la fine dell’anno, una sostituzione delle regole fiscali del blocco, il cui contributo principale deve essere quello di rendere la sostenibilità fiscale compatibile con maggiori investimenti. In una fase avanzata dei colloqui, Christian Lindner, il ministro delle finanze dei liberali, ha chiesto limiti di deficit annuali più severi che nemmeno gli amici più frugali della Germania hanno richiesto.

Non è una buona idea dare lezioni agli altri sulla disciplina fiscale e sulla necessità di regole più severe mentre la Corte Suprema ti schiaffeggia per trucchi contabili volti ad aggirare i tuoi. Se Berlino ricorresse a nuove manovre di bilancio piuttosto che a scelte economiche difficili, non aiuterà Lindner rispetto ai suoi omologhi europei.

Al contrario, se il governo tedesco rispondesse con seri aumenti delle tasse o tagli alla spesa per sostenere tutte le sue ambizioni di investimento, potrà dire di mettere in pratica ciò che predica. Ma non aspettatevi troppo: coloro che si oppongono più fortemente all’indebitamento pubblico sono solitamente anche i più forti oppositori all’aumento delle tasse, mentre pochi politici amano tagliare la spesa. In ogni caso, i prossimi giorni di colloqui sul bilancio a Berlino saranno importanti per quelli di Bruxelles.

Qualcosa di buono potrebbe venirne fuori, se la sentenza di Karlsruhe innescasse un serio dibattito in Germania su come fare al meglio la politica economica – e la politica economica. Perché la fede in regole rigide riflette il desiderio di escludere la politica dalla gestione economica. Ciò tradisce la mancanza di fiducia dei politici gli uni negli altri, ma soprattutto nella loro stessa rettitudine.

Questa è la radice della filosofia economica ordoliberale tedesca, per ragioni storiche, ma può essere trovata in gran parte dell’Europa. Si tratta, tuttavia, di un’illusione. La politica economica è ineliminabilmente politica; la domanda è come renderlo tale in modo responsabile. Se questa palla curva legale provocherà risposte a tutto ciò, in Germania e nell’UE, ne sarà valsa la pena.

[email protected]