Lun. Giu 24th, 2024
Cinque punti salienti dalle elezioni del Parlamento europeo

Buongiorno. “Il centro costruttivo e pro-europeo ha retto”, ha detto ieri sera la presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola mentre arrivavano i risultati elettorali. Infatti, nonostante un’impennata dei voti per i partiti di estrema destra, i due principali gruppi centristi hanno aumentato la loro quota aggregata del voto. Camera.

Oggi vi presentiamo i cinque principali punti salienti della notte delle elezioni e un dispaccio dalle elezioni federali belghe che si sono svolte contemporaneamente.

Meloni, Le Pen e AfD impennano

I partiti di estrema destra hanno avuto le loro migliori elezioni al Parlamento europeo di sempre, con importanti guadagni in Francia, Germania e Italia, e complessivamente hanno vinto quasi un quarto dei seggi alla Camera.

Il Rassemblement National di Marine Le Pen ha ottenuto la vittoria più eclatante, conquistando 30 degli 81 seggi del paese e più del doppio dei voti del partito Renew del presidente Emmanuel Macron. Quel massacro politico ha spinto Macron a indire elezioni anticipate.

Altrove, Fratelli d'Italia del primo ministro italiano Giorgia Meloni ha vinto 24 seggi e ha aumentato la sua quota di voti nazionali, e l'Alternativa per la Germania (AfD) è arrivata seconda in Germania e ha conquistato 15 seggi. I partiti di estrema destra sono in testa ai sondaggi anche in Austria e Ungheria.

L’estrema destra ha ottenuto importanti guadagni anche in Spagna dopo la scioccante apparizione di un nuovo partito guidato da un influencer dei social media e a Cipro il partito di estrema destra ELAM ha conquistato il suo primo seggio in parlamento.

Lotta liberale

Oltre al duro colpo in Francia, il gruppo liberale Renew ha perso pesantemente in Germania e Spagna, scendendo complessivamente da 102 a 80 seggi. Si è mantenuto al terzo posto grazie al maggiore sostegno in paesi come la Slovacchia.

Oggi i suoi leader dovrebbero discutere se il VVD olandese debba essere espulso dato il suo sostegno a una coalizione nei Paesi Bassi che includa l’estrema destra, una decisione che contrappone l’etica del partito al desiderio di non perdere ancora più seggi in parlamento.

Miscuglio per von der Leyen

La candidatura di Ursula von der Leyen per un secondo mandato quinquennale come funzionario più potente dell’UE rimane sulla buona strada, ma non è affatto una certezza.

Il Partito popolare europeo (PPE), di cui lei era ufficialmente il candidato principale, ha vinto generosamente – è la sesta vittoria consecutiva – e ha aumentato il suo numero di seggi. I funzionari del partito hanno immediatamente dichiarato che lei è l'unico candidato legittimo alla guida della Commissione europea fino al 2029.

Ma c’è nervosismo riguardo alle dimensioni della sua coalizione tradizionale. Il PPE, i Socialisti & Democratici e Renew otterranno circa 403 seggi. Ciò le dà un margine di circa il 10% per ottenere la maggioranza con 361 voti. Storicamente, il tasso minimo di defezione nello scrutinio segreto è del 10%, il che significa che potrebbe aver bisogno di più amici.

I verdi perdono molto

La ripresa di cui hanno goduto i Verdi sulla scia dell’entusiasmo ambientalista è stata di breve durata. I partiti verdi si sono assicurati 52 seggi, lo stesso risultato delle elezioni del 2014, e molto meno dei 71 vinti nel 2019.

Le perdite più pesanti si sono verificate negli Stati membri più grandi e dove sono al governo, in particolare in Germania, dove hanno fatto parte di un governo di coalizione che proponeva leggi impopolari come un divieto effettivo delle caldaie a gas.

Gli attivisti climatici sono profondamente preoccupati. “I partiti europei al centro politico hanno la pesante responsabilità di costruire una coalizione senza forze politiche che indeboliscano la capacità dell'Europa di agire per politiche climatiche stabili e ambiziose”, ha affermato Vincent Hurkens del think tank sul clima E3G.

Affluenza invariata

Circa il 51% dei cittadini europei ha votato in tutto il continente – solo un po’ di più rispetto alle ultime elezioni, quando ha votato il 50,7%. È anche molto inferiore al 71% previsto dal ultimo sondaggio Eurobarometro.

Grafico del giorno: Accomodatevi

Clicca qui per ulteriori grafici sul voto di ieri sera.

Un'altra elezione

Dall'altra parte della città rispetto al Parlamento europeo, il primo ministro belga Alexander De Croo ha ammesso la sua sconfitta alle elezioni nazionali del paese, scrivere Laura Dubois E Daria Mosolova.

Contesto: parallelamente al Parlamento europeo, ieri anche i belgi hanno eletto le loro assemblee federali e regionali. Per formare un governo federale, i partiti regionali, che spesso non parlano la stessa lingua, devono formare una coalizione su scala nazionale.

I sondaggisti avevano previsto che il Vlaams Belang, il partito di estrema destra di lingua olandese che promuove l’indipendenza delle Fiandre, sarebbe arrivato primo e avrebbe complicato notevolmente i colloqui, dato che vogliono dividere il loro paese.

Ma il VB alla fine è arrivato secondo, guadagnando 20 dei 150 seggi parlamentari, e non riuscendo a superare i rivali meno radicali, N-VA, che hanno ottenuto 24 seggi.

Anche il Movimento Riformatore liberale (MR) ha ottenuto 20 seggi, seguito dal Partito Socialista (PS), che ha perso quattro seggi, scendendo a 16.

Il liberale Open Vld di De Croo è stato tra i maggiori perdenti, guadagnando 7 seggi. “Questo non è il risultato che speravamo”, ha detto ieri sera uno sconsolato De Croo ai suoi sostenitori.

Il politico, che dal 2019 è a capo di una coalizione di sette partiti, ha lasciato intendere che non tornerà nel prossimo governo. “Abbiamo perso queste elezioni”, ha detto. “Domani mi dimetterò da primo ministro. . . Preparerò tutto per un corretto trasferimento dei file attuali a un successore.”

Ma De Croo potrebbe restare a fare il custode ancora per parecchio tempo. Il Belgio ha un record di lunghi colloqui di coalizione, ed è possibile che ci sia una nuova Commissione Europea prima del prossimo governo belga.

Cosa guardare oggi

  1. Ursula von der Leyen tiene un discorso a Berlino dopo l'incontro con il suo partito democristiano.

  2. Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ospita il presidente cileno Gabriel Boric.

Ora leggi questi

  • Niente da mostrare per: Il calcio francese è sull'orlo della crisi, poiché l'operatore del campionato fatica a trovare un'emittente per le prossime stagioni.

  • Governo “stupido”: Il capo della Deutsche Börse tedesca ha criticato il cancelliere Scholz per non aver fatto abbastanza per risolvere i problemi economici della Germania.

  • Battaglia ideologica: L'italiana Giorgia Meloni afferma che i pannelli solari rappresentano una “minaccia alla sovranità alimentare” e ne sta limitando l'uso sui terreni agricoli. Ma gli agricoltori non sono d’accordo.