Gio. Giu 13th, 2024
Macron scommette su elezioni francesi anticipate dopo la vittoria di Le Pen nel voto europeo

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il presidente Emmanuel Macron ha stupito la Francia domenica quando ha indetto elezioni parlamentari anticipate dopo che la sua alleanza centrista è stata sconfitta dal movimento di estrema destra di Marine Le Pen in un voto parlamentare europeo.

Gli exit poll hanno mostrato che il Rassemblement National (RN) si è assicurato circa il 33% dei voti rispetto al 15% dell’alleanza centrista del presidente francese, un duro colpo per Macron.

“Per me, che ritengo sempre che un'Europa unita, forte e indipendente sia un bene per la Francia, questa è una situazione che non posso tollerare”, ha detto. “Ho deciso di restituirvi con un voto la scelta del nostro futuro parlamentare”.

Il primo turno delle elezioni parlamentari si terrà tra tre settimane, il 30 giugno, con ballottaggio il 7 luglio.

Lo scioglimento è una scommessa straordinaria da parte del leader francese che ha già perso la maggioranza parlamentare dopo aver vinto un secondo mandato presidenziale due anni fa. La sua alleanza potrebbe essere schiacciata, aprendo potenzialmente la strada a una possibile “coabitazione” con l’estrema destra se dovesse ottenere la maggioranza dei seggi.

Macron ha affermato di ritenere necessario un voto per calmare i dibattiti instabili nel parlamento francese e ottenere chiarezza sulla direzione del paese. Funzionari dell'Eliseo hanno affermato che il presidente stava considerando la possibilità da tempo di affrontare lo stallo in parlamento. La sua mossa arriva dopo che la RN aveva chiesto per mesi uno scrutinio.

François Bayrou, un politico centrista il cui partito è alleato con Macron, ha detto che il presidente mira a “porre fine all’impasse” in politica ponendo agli elettori una semplice domanda su “se la Francia si riconosce davvero nelle proposte dell’estrema destra”.

La leader nazionale del Rassemblement Marine Le Pen e il candidato leader del partito alle elezioni europee Jordan Bardella si preparano a parlare ai sostenitori domenica ©Reuters

Le Pen ha celebrato la vittoria e ha acclamato la risposta di Macron. “Ciò dimostra che quando il popolo vota, il popolo vince”, ha detto in un discorso di vittoria. “Posso solo salutare la decisione del presidente di indire elezioni anticipate. . . Siamo pronti ad esercitare il potere se i francesi ci daranno il loro appoggio”.

RN ha 88 seggi su 577 nell'Assemblea nazionale, rendendolo il più grande partito di opposizione. L’alleanza centrista di Macron ne ha 249.

Ci sono state due precedenti coabitazioni politiche in Francia – dove un presidente deve condividere il potere con un primo ministro e un governo di un partito avversario – da quando è stata fondata la Quinta Repubblica nel 1958.

Nelle elezioni del Parlamento europeo di domenica, la RN ha preceduto tutti gli altri partiti francesi. L’alleanza centrista di Macron è arrivata al secondo posto, con il suo 15% che ha evitato per un soffio un umiliante terzo posto dietro al centrosinistra, che ha vinto circa il 14%.

Il margine di vittoria potrebbe dare un enorme slancio all’ambizione di Le Pen di succedere a Macron come presidente nel 2027. La decisione di indire elezioni anticipate potrebbe essere un tentativo ad alto rischio di ostacolare la sua avanzata.

“Si tratta di una grave sconfitta per Macron, dato che è presidente da sette anni e da tempo afferma che il suo obiettivo è combattere l’estrema destra”, ha affermato Bruno Cautrès, accademico e sondaggista di Sciences Po a Parigi.

La sconfitta è arrivata dopo che Macron aveva sostenuto che il futuro dell’UE era in gioco a causa dell’aggressione della Russia contro l’Ucraina, della concorrenza economica con gli Stati Uniti e la Cina, nonché della necessità di combattere il cambiamento climatico – tutti argomenti su cui ha detto il lontano non ci si poteva fidare del diritto.

Eppure il messaggio non sembra aver commosso gli elettori francesi, che storicamente hanno utilizzato le elezioni europee come voto di protesta contro il presidente in carica.

“Dato che Emmanuel Macron ha cercato di posizionarsi come leader intellettuale d'Europa, il fatto che gli elettori francesi non lo seguano è per lui problematico”, ha aggiunto Cautrès.

Le prime stime di voto mostravano che la lista del RN, guidata dal carismatico capo del partito 28enne Jordan Bardella, aveva ottenuto quasi tanti voti quanto il totale combinato dell'alleanza di Macron, guidata da una poco conosciuta eurodeputata Valerie Hayer, e dei partiti tradizionali. del centrodestra e del centrosinistra.

“Concedendoci più del 30% dei voti, i francesi hanno espresso il loro verdetto e hanno sottolineato la determinazione del nostro Paese a cambiare la direzione dell'UE”, ha detto Bardella in un discorso dal quartier generale della sua campagna elettorale. “Questo è solo l'inizio.”

I risultati mostrano la crescente popolarità del RN a partire dal 2019, quando alle ultime elezioni europee ottenne il 23,3% dei voti, superando di poco la lista di Macron che ottenne il 22,4%.

L'esperienza di Bardella sui social media e la sua messaggistica raffinata hanno ampliato il loro appeal verso fette di elettorato, come gli impiegati e i pensionati, che storicamente avevano rifiutato la RN in quanto troppo radicale.

Oltre alla grande vittoria della RN, si stima che un altro partito di estrema destra, Reconquête, abbia ottenuto circa il 6% dei voti.

Come cambieranno l’Ue le elezioni del Parlamento europeo? Unisciti a Ben Hall, redattore europeo, e ai colleghi di Parigi, Roma, Bruxelles e Germania per un webinar per abbonati il ​​12 giugno. Registrati ora e poni le tue domande al nostro panel all'indirizzo ft.com/euwebinar