Lun. Giu 24th, 2024
Giorgia Meloni rafforza la sua posizione di mediatrice di potere nell’UE

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Il primo ministro italiano Giorgia Meloni ha salutato la vittoria schiacciante del suo partito alle elezioni del Parlamento europeo, che ha rafforzato la sua posizione politica come intermediario di potere nei prossimi negoziati UE.

Con lo spoglio dei voti quasi completato lunedì, il partito di estrema destra Fratelli d’Italia della Meloni ha consolidato la sua posizione come la più grande forza politica del Paese, conquistando circa il 28,8% dei voti, rispetto al 26% ottenuto nelle elezioni generali del 2022 che hanno travolto al potere.

L’ottima performance del leader italiano è in contrasto con le perdite elettorali del presidente francese Emmanuel Macron, che ha indetto elezioni anticipate in risposta al risultato, e del cancelliere tedesco Olaf Scholz, la cui coalizione a tre ha subito una cocente sconfitta da parte dei conservatori e dell’estrema destra. opposizione.

La Meloni, che si è fatta le ossa politicamente in un movimento giovanile post-fascista, ha espresso orgoglio per il “risultato sensazionale” che, secondo lei, avrebbe dato all’Italia un “ruolo fondamentale” nei delicati dibattiti sui posti di vertice dell’UE e sulla futura direzione politica.

Ha affermato che gli elettori che si rivolgono sempre più ai partiti di estrema destra in tutto il continente richiedono all’Europa di virare a destra. Ha anche definito “molto importante” la vittoria della leader francese di estrema destra Marine Le Pen.

Le Pen ha invitato la Meloni a unirsi al supergruppo di destra al Parlamento europeo. Nell'assemblea uscente il Rassemblement National francese e il partito della Meloni siedono in due gruppi distinti.

Ma il primo ministro italiano ha finora escluso la possibilità che i suoi eurodeputati uniscano le forze con RN, che potrebbe diventare il partito al governo in Francia dopo le elezioni anticipate tra tre settimane. La Meloni non ha nemmeno indicato se sosterrebbe Ursula von der Leyen per un secondo mandato come presidente della Commissione europea.

“Questo è il miglior risultato che potesse mai sognare”, ha detto Ernesto Di Giovanni, co-fondatore di Utopia, una società di consulenza politica con sede a Roma e attivo nello stesso movimento di estrema destra a cui Meloni aderì da adolescente. “Voleva dimostrare di essere la leader indiscussa del centrodestra in Italia”.

“Verrà a Bruxelles dicendo: 'ehi, sono l'unico che ha vinto nel mio paese'”, ha detto Di Giovanni. “Lei ha le carte da contare: per essere il kingmaker, per cercare di spingere la Commissione verso le sue politiche più conservatrici”.

Lunedì Meloni ha definito la sua vittoria una conferma di come il suo governo di coalizione a tre, che comprende Forza Italia di centrodestra e Lega di estrema destra, ha governato la terza economia più grande dell’Eurozona.

Nel loro insieme, i tre partner della coalizione hanno aumentato la loro quota di voti combinata a 47,46 nei sondaggi europei, rispetto al 43,78 delle elezioni generali del 2022.

“Sono orgogliosa che ci stiamo dirigendo verso il G7 e l'Europa con il governo più forte di tutti”, ha detto, riferendosi al vertice dei leader del G7 che ospiterà a Bari questa settimana.

Nel tentativo di assicurarsi ancora più voti rispetto al 2022, la Meloni ha messo in gioco la sua reputazione, conducendo una campagna elettorale iper-personalizzata con lo slogan “con Giorgia” e il proprio nome sulla scheda elettorale.