Mar. Mar 5th, 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

Benvenuti in Segreti commerciali. Bello lo scoop qui da parte dei miei colleghi di Bruxelles secondo cui l’UE sta pensando di salvare l’industria dei pannelli solari da un’impennata delle importazioni cinesi a basso costo – sia con dazi antidumping che con salvataggi ufficiali dei produttori nazionali. Per quelli di voi che pensano di aver già sentito tutto questo, sì: è successo circa dieci anni fa, quando le controversie sul commercio solare tra UE-Cina e Stati Uniti-Cina erano una preoccupazione quotidiana. Oggi esamino le complesse sentenze implicate quando l’UE attacca la Cina e gli Stati Uniti con la sua gamma di armi recentemente ampliata per combattere il commercio sleale. Una questione interessante: l’UE sta valutando la possibilità di rilanciare una causa dormiente presso l’OMC contro gli Stati Uniti sull’acciaio, tanto per fare un punto. Acque tracciate dipende dal prezzo globale del petrolio.

La rottamazione dell’acciaio transatlantico non è ancora finita

È noto che negli ultimi anni l’UE ha rafforzato il suo gioco di applicazione delle norme. Si sono aggiunti nuovi strumenti legali unilaterali, intendo dire autonomi: lo strumento anti-coercizione contro i prepotenti del commercio, un regolamento esecutivo modificato contro gli scherni dell’OMC e il Regolamento sui sussidi esteri contro i concorrenti sleali nel mercato unico. Inoltre, ha reso più flessibili gli strumenti esistenti, come i dazi antidumping e antisovvenzioni.

Il blocco ha le armi, ma decidere cosa farne è un giudizio commerciale e diplomatico complicato. Esamineremo innanzitutto i suoi rapporti con gli Stati Uniti, data la possibilità che l’UE intensifichi la controversia sull’acciaio riavviando il contenzioso con l’OMC, probabilmente nelle prossime settimane.

Ricapitolando: nel dicembre dello scorso anno l’UE e gli USA ha accettato di prorogare una sorta di moratoria nella loro disputa su acciaio e alluminio fino al marzo 2025. La moratoria risale al 2021, quando Washington sospese ma non abolì le tariffe dell’era Donald Trump presumibilmente imposte per proteggere la sicurezza nazionale. Ha invece messo in atto un sistema di quote e di conseguenza l’UE ha revocato i suoi obblighi di ritorsione. La data di fine 2025 è ovviamente quella di evitare di colpire l’industria siderurgica statunitense durante le elezioni presidenziali, in modo che l’UE non possa essere accusata di costare a Joe Biden gli stati siderurgici di Ohio e Pennsylvania.

Bruxelles, però, resta piuttosto irritata. I funzionari dell’UE affermano che avrebbero potuto risolvere definitivamente la controversia l’anno scorso firmando un piano statunitense per colpire la Cina per la sua sovraccapacità nella produzione di acciaio, ma Washington ha rifiutato permanentemente di abolire le tariffe per la sicurezza nazionale come parte dell’accordo. Bruxelles vuole giudiziosamente segnalare irritazione. Si sta quindi valutando se ripartire in maniera separata Caso dell’OMC contro tali tariffe sull’acciaio che ha sospeso nell’ambito della moratoria nel 2021.

È una decisione complicata e potrebbe diventare un po’ gustosa. Supponendo che l’Ue riparta e vinca la causa, gli Stati Uniti potrebbero allora ricorrere in appello”nel vuoto”, ovvero ha paralizzato l’organo d’appello dell’OMC inefficiente rifiutandosi di nominare nuovi giudici. Ma l’UE potrebbe comunque utilizzare le sue norme di applicazione per imporre tariffe di ritorsione agli Stati Uniti. In pratica, anche se la parte legale venisse conclusa prima di novembre, l’UE sospenderebbe anche tale ritorsione fino a marzo del prossimo anno. Tuttavia, riavviare il caso sarebbe una mossa sostanziale in un gioco ben bilanciato. Significherebbe caricare la pistola, ma non ancora sparare: difendersi senza rischiare di far cadere l’Ohio nelle mani di Trump. Tieni d’occhio questo spazio per gli sviluppi.

Le tensioni cinesi si presentano in diverse sfumature di verde

I problemi dell’UE con la Cina sono più ampi e hanno il potenziale per espandersi in modo massiccio se Pechino tornasse a un modello di crescita completamente orientato alle esportazioni. Attualmente ci sono tre aree principali di tensione tra UE e Cina riguardo alla tecnologia verde: veicoli elettrici, pannelli solari e attrezzature per l’energia eolica. Ognuno ha i suoi problemi e richiede la propria soluzione.

Bruxelles, ovviamente, sta già conducendo un’iniziativa indagine nei sussidi cinesi per i veicoli elettrici. Come ho notato in precedenza, si tratta di un moderato attacco preventivo alla questione mentre la penetrazione cinese nel mercato dell’UE è ancora piuttosto bassa. Probabilmente verranno proposte tariffe modeste del 10-15%, nel tentativo di dare ai produttori europei il tempo di mettersi al passo ma senza provocare ritorsioni contro le case automobilistiche tedesche in Cina.

Nel settore solare, come dice l’articolo del FT, Bruxelles deve trovare un equilibrio tra la protezione dei pochissimi produttori europei rimasti e il bisogno urgente di pannelli più economici per raggiungere i suoi obiettivi di energia rinnovabile. L’UE potrebbe benissimo sovvenzionare direttamente il resto dell’industria solare europea invece di bloccare le importazioni.

Per quanto riguarda l’energia eolica, l’industria eolica europea sta effettivamente andando relativamente bene nel mercato interno. Il suo problema principale riguarda la concorrenza cinese nei mercati terzi all’estero, soprattutto in altre parti dell’Asia. Quindi il ruolo della Commissione europea è quello di promuovere le esportazioni e garantire l’accesso al mercato.

Si dà il caso che si sia verificato un altro sviluppo che dimostra l’importanza della resilienza nell’uso degli strumenti giuridici. La settimana scorsa l’UE ha formalmente ha chiesto la sospensione IL Caso OMC ha intentato una causa contro la Cina per aver presumibilmente tentato di utilizzare restrizioni commerciali per costringere la Lituania ad aumentare lo status diplomatico che offriva a Taiwan. Perché? Perché la Cina, una volta constatato che le sue azioni non avevano alcun effetto, si è tirata indietro. Il nuovo brillante strumento anti-coercizione dell’UE non era necessario. La stessa cosa è successa con l’Australia. La lezione è chiara: se la tua economia è abbastanza forte e flessibile, puoi opporti alla Cina senza ricorrere alla legge.

Acque tracciate

Un cane che non ha ancora abbaiato, o non molto forte, a causa degli attentati nel Mar Rosso: il prezzo globale del petrolio. Nonostante l’escalation delle ultime due settimane e l’attacco degli Houthi a una petroliera venerdì, i mercati sono ancora ben lontani dal scontare una grave interruzione della fornitura di petrolio a causa delle tensioni più ampie in Medio Oriente.

Istogramma del dollaro al barile che mostra il prezzo del greggio Brent corretto per l'inflazione

Collegamenti commerciali

Il Washington Post riferisce che Donald Trump sta pianificando una drammatica escalation della sua guerra commerciale contro la Cina.

UN ottimo pezzo della MIT Technology Review traccia esattamente come il nichel proveniente da una singola miniera che attraversa la catena di approvvigionamento degli Stati Uniti raccoglie i sussidi dell’Inflation Reduction Act.

Il disgelo dei mercati obbligazionari globali significa che la minaccia di una diffusa sofferenza debitoria tra i paesi a basso e medio reddito sta diminuendo.

John Springford del Centro per la riforma europea risolve due paradossi su come la performance commerciale del Regno Unito apparentemente non abbia sofferto della Brexit come avresti potuto prevedere.

La nuova legge tedesca sulla due diligence aziendale nelle catene di fornitura lo è attirare l’opposizione politica.

L’UE lo ha fatto ha annunciato una serie di piani nella sua campagna per promuovere la sicurezza economica.


Segreti commerciali è edito da Jonathan Moules