Sab. Feb 24th, 2024

Sblocca gratuitamente il Digest dell’editore

L’Italia dovrebbe emulare Francia e Germania finanziando la transizione verde dello stabilimento in difficoltà di ArcelorMittal per evitare la chiusura delle più grandi acciaierie del Paese e un effetto domino sull’economia, ha affermato il capo dell’ente siderurgico italiano.

Il gruppo siderurgico franco-indiano, che possiede una quota del 62% nello stabilimento, precedentemente noto come Ilva, si è opposto al piano del governo di porre l’acciaieria in amministrazione straordinaria, una mossa che ne cancellerebbe il capitale. Roma aveva detto all’inizio di questo mese che un amministratore straordinario sarebbe stato nominato entro l’inizio di febbraio.

L’anno scorso la Commissione europea ha approvato 2 miliardi di euro di sussidi tedeschi alla Thyssen Krupp per un cosiddetto impianto siderurgico a riduzione diretta, un modo nuovo e più ecologico di produrre acciaio, a Duisburg. Ha inoltre dato il via libera a un pacchetto francese fino a 850 milioni di euro per contribuire a finanziare un piano di decarbonizzazione dello stabilimento ArcelorMittal a Dunkerque.

“L’Italia deve spendere soldi per facilitare la decarbonizzazione dell’impianto, proprio come ha fatto la Germania per Thyssen Krupp e la Francia per l’impianto nazionale di ArcelorMittal”, ha affermato Antonio Gozzi, presidente di Federacciai, l’associazione dell’industria siderurgica.

“C’è un eccesso di capacità di acciaio in tutto il mondo, quindi se Acciaierie d’Italia (AdI) chiudesse non fa differenza nel quadro generale delle cose”, ha aggiunto Gozzi, che presiede anche il gruppo siderurgico Duferco a conduzione familiare. “Ma sarebbe un disastro per l’industria manifatturiera italiana dover fare affidamento su forniture di acciaio estere”.

Gli investimenti necessari per sostenere la transizione verde del grande produttore di CO₂ sono stati un punto critico tra il gruppo franco-indiano, l’agenzia statale di investimento Invitalia – che possiede una partecipazione nell’acciaieria – e il governo di Giorgia Meloni.

ArcelorMittal ha acquistato lo stabilimento situato nella città meridionale di Taranto nel 2018 per 1,8 miliardi di euro dallo Stato, che lo aveva posto in amministrazione straordinaria. Il gruppo ha fatto sapere che non intende investire ulteriori fondi nell’impresa a causa dei disaccordi con Invitalia.

Secondo Gozzi molteplici questioni legali e politiche, inclusa la decarbonizzazione dell’impianto, hanno portato al “completo disimpegno” di ArcelorMittal.

Secondo gli obiettivi del Green Deal europeo, gli impianti come quello di proprietà di ArcelorMittal devono diventare carbon neutral entro la fine del decennio.

Gozzi ha affermato che l’80% delle acciaierie italiane è già passato ai forni elettrici.

Ma lo stabilimento ArcelorMittal è stato tormentato da scandali, problemi ambientali e cause legali che hanno portato a un calo della produzione, licenziamenti e una crisi della catena di fornitura.

Nel 2023 l’impianto, che ha una capacità annua di 8 milioni di tonnellate, ha prodotto meno di 3 milioni di tonnellate di acciaio. Il suo forno principale è stato costretto a chiudere nel 2019 dopo che un tribunale ha stabilito che non soddisfaceva i requisiti minimi di sicurezza sul lavoro.

Gozzi ha detto che l’Italia non può permettersi di rinunciare allo stabilimento in difficoltà, che impiega circa 10.000 persone. Ha citato l’incertezza sui tempi di consegna e sui prezzi come rischi che l’industria manifatturiera italiana dovrebbe affrontare se diventasse dipendente dalle forniture estere.

Lo stabilimento ArcelorMittal è il principale fornitore di acciaio per l’industria automobilistica italiana, che comprende aziende del calibro di Stellantis, Maserati e Ferrari.

“Se il governo finanziasse due nuovi sistemi a riduzione diretta del ferro, potrebbe tornare a produrre 5 milioni di tonnellate all’anno”, ha stimato Gozzi.

Il governo non ha commentato i piani per finanziare la decarbonizzazione dell’impianto. La settimana scorsa, il ministro dell’Industria Adolfo Urso aveva dichiarato che il governo avrebbe sostenuto i fornitori dell’impianto ai quali, secondo quanto affermato, spettano circa 180 milioni di euro di fatture non pagate da parte delle acciaierie, una cifra contestata dalla direzione dell’azienda.

Urso è stato anche in contatto con le più grandi aziende siderurgiche del Paese, tra cui Arvedi e Marcegaglia, per discutere di un’eventuale acquisizione dello stabilimento una volta che sarà nelle mani di un commissario straordinario, secondo persone vicine ai colloqui.

Ma la scorsa settimana ArcelorMittal ha inviato al governo italiano una lettera chiedendo una soluzione amichevole alla controversia, affermando di essere disposta a rimanere come investitore di minoranza.

“Naturalmente è logico che trovino una soluzione, nessuno vuole che la cosa finisca in tribunale”, ha detto Gozzi.