Sab. Mag 18th, 2024
Come il sogno europeo della Georgia viene eroso dalla legge sull'influenza straniera

Sblocca gratuitamente il Digest dell'editore

Buongiorno. Novità in arrivo: le aziende europee che operano in Russia si stanno affrettando per conformarsi alle nuove norme sulle sanzioni di Bruxelles che eliminano le scappatoie, costringendole invece a registrare le loro attività presso le autorità di regolamentazione dell’UE.

Oggi riceviamo un dispaccio dalla Georgia, dove continuano a imperversare le proteste contro una nuova legge sull'“influenza straniera” condannata dall'UE, e il nostro uomo nei Balcani spiega come potrebbe formarsi il nuovo governo croato.

In stile Cremlino

Le proteste di massa contro un progetto di legge georgiano sull’“influenza straniera” sono continuate per la seconda settimana consecutiva a Tbilisi. scrive Anastasia Stognei.

Migliaia di persone hanno marciato per la città nei giorni scorsi, sventolando le bandiere dell'UE e della Georgia e chiedendo il ritiro del progetto di legge. I manifestanti si sono scontrati con la polizia, che ha sparato gas lacrimogeni.

Contesto: l’iniziativa costringerebbe le ONG e i media che ricevono più del 20% dei loro finanziamenti dall’estero a registrarsi presso il Ministero della Giustizia, pena sanzioni. I critici temono che assomigli alla legislazione utilizzata dal Cremlino per reprimere il dissenso e che potrebbe aprire la strada a procedimenti penali.

La posta in gioco è massima sia per le élite politiche che per la società. Il partito al governo Sogno Georgiano ha bisogno della legge per reprimere gli oppositori prima delle elezioni di ottobre.

“L’approvazione di questa legge è una questione di sopravvivenza per il sogno georgiano. . . Il partito ha bisogno della maggioranza costituzionale alle prossime elezioni, ma secondo tutti i sondaggi non è nelle sue carte”, ha detto Kornely Kakachia dell’Università statale Ivane Javakhishvili di Tbilisi.

“Per il partito, la società civile e i media rappresentano un problema nelle prossime elezioni. Non dovrebbe esserci nessuno che possa contestare i risultati”, ha aggiunto Kakachia.

Ma per i georgiani, la legge potrebbe porre fine alla prospettiva di un’adesione a lungo desiderata all’UE e avvicinare il loro paese alla Russia.

“Se la legge verrà approvata, ciò porterà all’esodo dei giovani, alla fuga dei cervelli e alla distruzione di fatto dell’intero settore delle ONG”, ha affermato Vano Chkhikvadze della Civil Society Georgia Foundation di Tbilisi.

Bruxelles ha chiarito che la legge minaccia le aspirazioni di adesione della Georgia, sostenute da quasi il 90% dei suoi cittadini.

I ministri degli Esteri dell'UE hanno espresso ieri “preoccupazioni” sulla legge, ha detto il capo diplomatico del blocco Josep Borrell, aggiungendo che la Commissione europea pubblicherà un “rapporto orale” sulla situazione.

“Ripeto: è incompatibile con i valori dell'Unione europea”, ha aggiunto Borrell.

Il Sogno Georgiano, ampiamente ritenuto sotto il controllo dell’oligarca filo-Cremlino Bidzina Ivanishvili, sarebbe probabilmente soddisfatto di contrastare le ambizioni europee del paese. Tra le condizioni per un’ulteriore integrazione dell’UE vi sono la riduzione del potere degli oligarchi e il rafforzamento della società civile e dei diritti umani.

Grafico del giorno: vecchi maestri

Le case automobilistiche europee sono state colpite meno duramente dal crollo delle vendite di auto elettriche, poiché sono in ritardo sul fronte dell’elettrificazione. Ma la domanda è quanto durerà questo respiro, scrive Lex.

Al di sopra della legge

Il presidente croato Zoran Milanović si è trovato squalificato dalla corsa per diventare il prossimo primo ministro del paese dalla Corte costituzionale di Zagabria.

Ma Milanović sta comunque cercando di mettere insieme una maggioranza, scrive Marton Dunai.

Contesto: Milanović, un ex socialdemocratico che è già stato premier, si è lanciato sul ring per cercare di spodestare il presidente in carica del centrodestra Andrej Plenković, facendo grattare la testa a molti. La Corte Suprema ha avvertito di una possibile crisi costituzionale, poiché la campagna elettorale è illegale per un presidente in carica, così come lo è la lotta per la premiership.

Milanović ha accusato Plenković, il suo acerrimo rivale decennale, di gestire un regime corrotto. Plenković ha detto che il presidente è una mina vagante che agisce nell'interesse della Russia.

Nelle elezioni anticipate fortemente contestate innescate dallo stesso Milanović, nessuno dei due candidati ha ottenuto la maggioranza assoluta, anche se Plenković si è avvicinato molto ad essa, con 61 dei 151 possibili seggi.

La Corte costituzionale ha dichiarato che annullerà ogni tentativo di Milanović di formare un governo. “Non può essere titolare di un mandato chi agisce contrariamente alla Costituzione e alle decisioni della Corte Costituzionale. Nessuno può trarre vantaggio da un comportamento incostituzionale”, ha detto ai giornalisti il ​​presidente della Corte Miroslav Šeparović.

Ma Milanović ha rifiutato la decisione della corte come preparazione ad un colpo di stato e ha detto che spetta al parlamento decidere.

“Non abbiate paura”, ha detto. “Solo la maggioranza parlamentare decide chi sarà il titolare del mandato”.

Plenković, nel frattempo, è andato avanti. Ha avviato colloqui di coalizione con il movimento nazionalista Homeland, che è arrivato terzo.

Cosa guardare oggi

  1. Il primo ministro polacco Donald Tusk ospita il premier britannico Rishi Sunak e il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg.

  2. Il Parlamento europeo voterà sulla riforma delle regole sul debito e sul deficit dell'UE.

Ora leggi questi