Sab. Mag 18th, 2024
Tra poser e prosecco, Milano resta la vera capitale del design

Nessun'altra città ha catturato il design come Milano. Con un colpo brillante, la città del nord Italia ha adottato un piano astuto per elevare il design industriale a cultura mantenendolo allo stesso tempo spietatamente commerciale.

Ora ogni città vuole disperatamente essere la capitale del design, lanciando infinite fiere, festival e biennali di design. Ma, cosa interessante, ciò che mantiene Milano in cima alla lista è la sua aderenza alla produzione. Altrove, da New York a Perth passando per Singapore, si trovano luoghi che tentano di imporsi come città del design, ma intorno a loro aleggia qualcosa di poco convincente. Certo, potrebbero esserci delle belle installazioni, un po' di baldoria pop-up e cocktail party, ma non c'è molto impegno. Milano è dove si trovano le cose buone fatto. O, almeno, lì vicino. E questa è la differenza.

Almeno una visita al Salone di Milano (l'evento di quest'anno si è appena concluso) è un'esperienza fondamentale, anche se estenuante, per ogni amante del design. Questa vasta esposizione di cose superflue, gli infiniti divani costosi, le cucine chic e i bagni di fascia alta, il tutto presentato con gusto impeccabile, è così fisicamente vasta (letteralmente alle dimensioni di un aeroporto), così travolgente e così profumata di consumo eccessivo che un il visitatore potrebbe sentirsi leggermente nauseato dalla risposta di questa professione apparentemente premurosa a una crisi planetaria: produci più cose!

Ci sono le solite banalità sui materiali riciclati e sull’artigianato di provenienza locale, ma questa rimane una dimostrazione di eccesso. Quindi i visitatori vanno altrove, a qualunque artista contemporaneo Prada mostri nella loro fondazione dorata, o alle serate alcoliche nell'elegante quartiere di Brera. O forse le eccellenti mostre nella vasta Triennale o gli eventi fuori sede in edifici dall'atmosfera decadente allestiti da Alcova.

Ma tutto questo, l'intero ecosistema del design, le feste, il prosecco, il prosciutto, il parmigiano e il Prada, le persone incredibilmente ben vestite, i pettegolezzi e gli sforzi per farsi vedere nei posti dove essere visti a, è lì per la Fiera, i grandi padiglioni stipati di tavoli inutilmente innovativi, cabine armadio impeccabili e cucine in marmo.

Il fenomeno Milano è talmente consolidato che occorre ricordare che non è poi così antico. Londra ha avuto il suo momento nel 1851 con la Grande Esposizione, la cui orrore e i cui eccessi hanno dato il via al miglioramento del design attraverso istituzioni come il V&A. Con una breve ripresa dell'ottimismo del dopoguerra lanciata dalla mostra del museo La Gran Bretagna può farcela nel 1946, si scoprì che la Gran Bretagna non poteva farcela.

Nel 1961 intervenne Milano. I suoi produttori fondarono il salone del mobile come un'opportunità promozionale per commercializzare il miracolo economico italiano del dopoguerra. Questa era l'era delle Vespe e delle Fiat, del bella figuradi abiti e sfumature incredibilmente eleganti, visti in film italiani come la dolce vita (1960). Era l'era dei bar espresso e dell'emergere del design italiano come status symbol per i giovani, i ricchi e i cool. Il Salone ha capitalizzato brillantemente il fenomeno culturale, catturando quel momento e non lasciandolo mai andare.

Ma c’è qualcosa di più apparentemente paradossale. Milano, nonostante tutto il suo cosmopolitismo chic, è anche un luogo di snobismo e giudizi borghesi. Chiedi a un espatriato di Milano a Londra o New York e ti diranno quanto sono stati sollevati di poter improvvisamente indossare qualsiasi cosa e non vederla sottilmente derisa.

Questa ossessione per l’apparenza ha il suo lato positivo nel design. C'è valorizzazione del prodotto, dei materiali, della tradizione e rispetto per l'artigianalità e l'azienda di famiglia. C'è ammirazione per una cosa ben progettata e ben realizzata. Lo snobismo non si estende, alla maniera anglosassone, al disprezzo per chi fa le cose. È proprio il contrario: il sarto e il piastrellista, il falegname e il barista sono apprezzati per fare bene le cose, che si tratti di una sedia o di un cappuccino.

E poi ci sono gli spazi. Milano produce, tra le sue sedie e i suoi abiti, migliaia di architetti ogni anno, emergendo, battendo le palpebre, dall’immenso Politecnico a una nazione di città storiche in cui c’è pochissimo spazio per costruire. La maggior parte finisce per lavorare non negli edifici ma nel settore manifatturiero, o nell’arredamento, o nella gestione di ristoranti o negozi. La sensibilità progettuale è densamente distribuita in tutta la città. E gli spazi del centro città aperti a una piccola riprogettazione vengono studiati per renderli perfetti.

Quale sedia non sembra sbalorditiva se fotografata in un palazzo barocco con affreschi sbiaditi sulle pareti e un ricco terrazzo consumato sui pavimenti? Quale prodotto non risalta nella vetrina di un negozio in una strada con la migliore architettura urbana residenziale al mondo? Anche Milano riesce a mantenere un mix conviviale di palazzi e industrie; ci sono abbastanza vecchie fabbriche, officine e archi ferroviari (come il Dropcity di quest'anno sotto la stazione centrale) per creare un cocktail di locali per soddisfare ogni gusto e ogni tipo di evento. A Londra o New York questi spazi sarebbero stati già da tempo consumati dallo sviluppo.

Milano è la capitale del design by design. Funziona perché è una città che sa come mantenere quel mix di perfezione e potenziale, il palazzo e l’espresso perfetto in un bar di quartiere. La città non è stata finanziarizzata o sfruttata, ma è stata lasciata come un luogo accogliente per l’industria che la sostiene. È estenuante ed esaltante e francamente non ha concorrenza.